Esercizi di stile

Di

Editore: Einaudi (Gli struzzi, 282)

4.2
(4466)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 237 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Spagnolo , Tedesco , Galego , Ungherese , Olandese , Ceco , Portoghese

Isbn-10: 8806056204 | Isbn-13: 9788806056209 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Umberto Eco ; Prefazione: Umberto Eco

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Professionismo & Tecnica

Ti piace Esercizi di stile?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Un episodio di vita quotidiana, di sconcertante banalità, e novantanove variazioni sul tema, in cui la storia viene ridetta mettendo alla prova tutte le figure retoriche, i diversi generi letterari (dall'epico al drammatico, dal racconto gotico alla lirica giapponese), giocando con sostituzioni lessicali, frantumando la sitassi, permutando l'ordine delle lettere alfabetiche... Un effetto comico travolgente, che già si è prestato a realizzazioni teatrali, ma al tempo stesso un esperimento sulle possibilità del linguaggio che può essere usato, come già è avvenuto, per fini didattici.
Ordina per
  • 3

    Esercizi di stile, sono appunto 99 esercizi che l'autore ha fatto per la stesura di un libro. Qui, nello specifico, l'esempio che fa è su una semplice situazione quotidiana che può succedere a chiunqu ...continua

    Esercizi di stile, sono appunto 99 esercizi che l'autore ha fatto per la stesura di un libro. Qui, nello specifico, l'esempio che fa è su una semplice situazione quotidiana che può succedere a chiunque...
    Di certo è un libro adatto agli addetti ai lavori, cioè scrittori, giornalisti, ecc... direi che questo libretto sia molto prezioso soprattutto per gli scrittori esordienti o per chi sia in crisi creativa.
    A me, che non sono un addetto ai lavori, è risultato a tratti divertente, a tratti disorientante (soprattutto per quegli esercizi di cui non ne sapevo nulla). Nel complesso, comunque, un libro che merita una lettura almeno nella vita. Per chi ama i libri, la letteratura e tutto ciò che sta dietro alla stesura di un'opera letteraria, questo libro è imprescindibile.

    ha scritto il 

  • 3

    A tratti... divertente.

    Idea originale. Bravo Eco, ma certamente qualcosa nella traduzione si perde (..lost in translation...).
    Tre stelle son troppe, ma le ho messe per averlo letto, e apprezzato maggiormente, anche nel tes ...continua

    Idea originale. Bravo Eco, ma certamente qualcosa nella traduzione si perde (..lost in translation...).
    Tre stelle son troppe, ma le ho messe per averlo letto, e apprezzato maggiormente, anche nel testo originale.

    ha scritto il 

  • 3

    Ingredienti: un piccolo episodio di vita quotidiana rappresentato in 99 quadri diversi sfruttando prospettive e angolazioni date da figure retoriche, forme letterarie, modalità comunicative, strumenti ...continua

    Ingredienti: un piccolo episodio di vita quotidiana rappresentato in 99 quadri diversi sfruttando prospettive e angolazioni date da figure retoriche, forme letterarie, modalità comunicative, strumenti linguistici, giochi di parole, stili, sensi.
    Consigliato: a chi vuol esplorare nuovi orizzonti semantici-semiotici-comunicativi-enigmistici, a chi vuol conoscere il significato di sinchisi, omoteleuto, poliptoto, apocope, parechesi, lipogramma.

    ha scritto il 

  • 3

    Tanto di cappello...

    Queneau racconta lo stesso episodio, breve e alquanto banale, in 99 modi differenti.
    Alcuni incentrati su variazioni lessicali, altri di tema e altri ancora di linguaggio, certi sono illeggibili, alcu ...continua

    Queneau racconta lo stesso episodio, breve e alquanto banale, in 99 modi differenti.
    Alcuni incentrati su variazioni lessicali, altri di tema e altri ancora di linguaggio, certi sono illeggibili, alcuni simpatici, ci sono quelli sensoriali, quelli mansionistici, la versione animale, quella alimentare , quella subaquea, c'e' la poesia, la lode, la canzone, c'e' la versione moderna, quella antica, quella.... La 61 per me e' la migliore.

    ha scritto il 

  • 2

    idea carina, svolgimento così così

    Infinite variazioni stilistiche su uno stesso semplice racconto. L'idea è carina, ma dopo un po' stanca, e alcune variazioni sono incomprensibili. Da evitare assolutamente il pippone iniziale di Umber ...continua

    Infinite variazioni stilistiche su uno stesso semplice racconto. L'idea è carina, ma dopo un po' stanca, e alcune variazioni sono incomprensibili. Da evitare assolutamente il pippone iniziale di Umberto Eco che ha tradotto, a volte anche troppo liberamente. Per fortuna questa versione ha il testo in francese, ma sappiate che se non lo parlate un po' a volte leggerete un altro libro.

    ha scritto il 

  • 5

    come si fa a recensire un libro così? come si fa a parlarne?
    probabilmente il più geniale esperimento letterario che mi sia mai capitato tra le mani, e un manuale di creative writing applicata, e la p ...continua

    come si fa a recensire un libro così? come si fa a parlarne?
    probabilmente il più geniale esperimento letterario che mi sia mai capitato tra le mani, e un manuale di creative writing applicata, e la porta per innumerevoli altri esperimenti letterari.
    Eco e Bartezzaghi poi ci mettono del loro a cercare di smontare il giocattolo nelle loro prefazioni e postfazioni, mostrando il lavoro certosino che ha portato a questo libro.
    da leggere, e poi da rileggere e da leggere ancora: e vien voglia di studiare il francese per godersi meglio i tanti giochi di parole che sembrano affiorare...

    ha scritto il 

  • 0

    Aiuto, un incubo! Il bus S, il collo lungo, la stazione Saint-Lazare e poi mi manca un bottone!

    Genialata di questo autore, ben tradotto e reinterpretato da Umberto Eco (non era facile).
    Certo che, per leggerlo davvero, dev'essere preso a piccole dosi... cosa che non ho proprio intenzione di far ...continua

    Genialata di questo autore, ben tradotto e reinterpretato da Umberto Eco (non era facile).
    Certo che, per leggerlo davvero, dev'essere preso a piccole dosi... cosa che non ho proprio intenzione di fare.
    A leggerlo rapidamente e saltando qualcosa per ovvi motivi, non resta molto.
    Senz'altro un sua rappresentazione teatrale renderebbe di più e divertirebbe molto.

    Visto quanto sopra mi astengo dal mettere le stelline.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per