Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Essere e tempo

Introduzione alla lettura

Di

Editore: Carocci

3.7
(24)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 228 | Formato: Altri

Isbn-10: 8843014838 | Isbn-13: 9788843014835 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Philosophy

Ti piace Essere e tempo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nel suo percorso al fine di prendere le distanze dall'impostazionetradizionale, Heidegger utilizza una terminologia filosofica talorainconsueta, proponendo vocaboli da lui stesso coniati o piegando le vecchienozioni alle proprie nuove esigenze. Ne risulta un testo spesso ostico,difficilmente comprensibile. Merito di questa Introduzione è di tracciare unitinerario di lettura che non ripropone, semplificate, le argomentazioni e laterminologia di Heidegger, ma che espone e approfondisce il suo pensiero conun linguaggio chiaro e al tempo stesso rigoroso.
Ordina per
  • 4

    Strumento molto utile, anzi, per certi passaggi direi essenziale. Utile anche per una visione d'insieme dopo la lettura complessiva o di ampie parti del testo. Unica pecca: la sintesi a volte ...continua

    Strumento molto utile, anzi, per certi passaggi direi essenziale. Utile anche per una visione d'insieme dopo la lettura complessiva o di ampie parti del testo. Unica pecca: la sintesi a volte eccessiva.

    ha scritto il 

  • 4

    Niente tuttavia regge il confronto con il vero Heidegger…

    Ottima e utilissima introduzione alla lettura dell’imponente “Essere e Tempo”. Eh già, opere di questo genere vanno approfondite, perché senza un punto di riferimento rischiano veramente di ...continua

    Ottima e utilissima introduzione alla lettura dell’imponente “Essere e Tempo”. Eh già, opere di questo genere vanno approfondite, perché senza un punto di riferimento rischiano veramente di risultare ostiche e complesse.

    Come ogni introduzione, l’autore si limita ad enucleare i nodi concettuali centrali (e magari anche più impervi) del testo in un linguaggio il più possibile semplice, ma controllato. Correda il tutto un’utile bibliografia conclusiva.

    Geniale idea di legare i paragrafi del commento ai rispettivi paragrafi di SuZ.

    ha scritto il