Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Estasi

Di

Editore: Mondadori (I Miti)

2.7
(141)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 174 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804422882 | Isbn-13: 9788804422884 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Estasi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In una Venezia magica e sensuale, Madil donna dal fascino misterioso, guida Fausto alla conoscenza dell'Eros e a una più ampia comprensione della vita. Tra le sue braccia fausto ritrova la gioia e l'energia che credeva ormai perdute
Ordina per
  • 4

    Nell’estasi il tempo si ferma, rientriamo in noi stessi e incontriamo un nuovo io che, sconosciuto, ci attende. Come nostalgia o sogno antico sentiamo, allora, il desiderio di rinascere nella vita, di rinascere nel corpo per attendere un destino di felicità. Estasi è una semplice storia d’amore e ...continua

    Nell’estasi il tempo si ferma, rientriamo in noi stessi e incontriamo un nuovo io che, sconosciuto, ci attende. Come nostalgia o sogno antico sentiamo, allora, il desiderio di rinascere nella vita, di rinascere nel corpo per attendere un destino di felicità. Estasi è una semplice storia d’amore e romanzo filosofico, racconta la crisi e l’esperienza della rinascita di Fausto.

    Madil: "ho desiderato incontrarti dove le parole non servono più" ...un amore senza identità, assoluto, come se una forza che non ci appartiene ci chiamasse ad amare cancellando la nostra individualità.

    ha scritto il 

  • 2

    Pretenzioso e pesante.
    I personaggi parlano come in un libro di filosofia estetica, alla continua ricerca del senso della vita e della sua bellezza. I dialoghi sono terribilmente noiosi.
    L'unica cosa bella di questo libro è l'ambientazione, Venezia. Per il resto è da dimenticare.

    ha scritto il