Etiquette and Espionage

By

Publisher: Little, Brown Books for Young Readers

3.7
(16)

Language: English | Number of Pages: 320 | Format: Others

Isbn-10: 031619008X | Isbn-13: 9780316190084 | Publish date: 

Also available as: eBook , Paperback

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Etiquette and Espionage ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In an alternate England of 1851, spirited fourteen-year-old Sophronia is enrolled in a finishing school where, she is suprised to learn, lessons include not only the fine arts of dance, dress, and etiquette, but also diversion, deceit, and ...
Sorting by
  • 3

    Manca Alexia Tarabotti, e si vede, però ci sono Genevieve a nove anni e una giovanissima Lady Maccon :)
    Al solito, la trama è irrilevante, ci sono i personaggi, le descrizioni degli ambienti e natural ...continue

    Manca Alexia Tarabotti, e si vede, però ci sono Genevieve a nove anni e una giovanissima Lady Maccon :)
    Al solito, la trama è irrilevante, ci sono i personaggi, le descrizioni degli ambienti e naturalmente i dialoghi esilaranti :)

    said on 

  • 4

    Sophronia, troppo particolare e poco elegante, verrà mandata in una scuola per imparare l’etichetta; quello che i genitori non sanno è che la scuola insegna anche tecniche di spionaggio.
    La pecca del ...continue

    Sophronia, troppo particolare e poco elegante, verrà mandata in una scuola per imparare l’etichetta; quello che i genitori non sanno è che la scuola insegna anche tecniche di spionaggio.
    La pecca del romanzo è che, leggendolo, sembra una lunga introduzione ad avventure nuove e ai diversi personaggi che popolano la scuola; è comunque il primo di una trilogia, quindi spero che nei prossimi romanzi si entri più nel vivo dell’azione. Anche la conclusione del romanzo non aiuta poiché sembra un po’ troppo affrettata.
    L’ambientazione è invece molto interessante, un misto di steampunk e buone maniere ed è molto ben dettagliata, così come lo sono i personaggi principali; in particolare Sophronia ha un carattere deciso e intraprendente , decisamente un personaggio che risulta simpatico.

    ---
    Sophronia, too much peculiar and unmannered, will be sent to a finishing school to learn etiquette; her parents don’t know that the school teach also espionage.
    The main issue of the novel is the fact that it seems a long introduction to other adventures and to the various characters populating the finishing school. It is the former of a trilogy, so I hope in the next ones.
    The setting is very interesting, a mix of steampunk and good manners and it’s very detailed, as well as the main characters; in particular Sophronia is determined, resourceful and nice, overall a very likeable character.

    said on 

  • 4

    Gail Carriger, per chi non se lo ricordasse, è l’autrice di un’altra famosa (e particolarmente discussa qui da noi a causa della cattiva traduzione subita per mano della casa editrice italiana che l’h ...continue

    Gail Carriger, per chi non se lo ricordasse, è l’autrice di un’altra famosa (e particolarmente discussa qui da noi a causa della cattiva traduzione subita per mano della casa editrice italiana che l’ha pubblicata) serie -quella di Alexia Tarabotti e del Protettorato del Parasole- che ha sfornato questa nuova serie a febbraio di quest’anno.

    Se la prima serie era rivolta però ad un pubblico adulto, questa è dedicata a “giovani adulti” ma vi assicuro che è pienamente godibile anche da parte di lettori maturi in cerca di novità e che amano il fantasy steampunk, l’avventura e l’intrigo. Perchè questo romanzo li contiene tutti. I principali motivi per cui l’ho trovato una piacevole novità? Eccoli:

    1- la protagonista ha solo 14 anni, anche se alle volte sembra più grande…ma solo per l’inventiva che dimostra (anche se sicuramente certe quattordicenni “vere” possono stare alla sua pari)…ed è una vera fonte di guai inerba
    2- non c’è il solito triangolo amoroso; magari è presto data l’età dei personaggi, ma comunque si può tirare un respiro di sollievo
    3- non annoia neanche un momento, tra scene d’azione su dirigibili o carrozze in corsa, attaccati da “banditi volanti” o licantropi fuori controllo, arrampicati su sartie o nascosti lungo corridoi pattugliati da automi camerieri pronti a farti passare un brutto quarto d’ora
    4- intrighi e misteri per giovani spie in allenamento
    5- bassotti meccanici multiuso
    6- una scuola femminile di “rifinitura”, che scuola normale non è certamente, e una controparte maschile ugualmente unica
    …e ultimo ma non ultimo
    7- la bravura di Gail Carriger nel portare avanti storie sempre interessanti

    Come dicevo, benchè la protagonista sia una ragazzina, il piacere di leggere questo romanzo non diminuisce per nulla. I personaggi sono ben caratterizzati, unici e interessanti ognuno a suo modo. Più di una volta mi sono colta a ridere, come una scema, di scene descritte. Forse la “rarità” dei romanzi steampunk in Italia (e anche per me che comunque non ne ho letti molti neanche in lingua), con l’immgine di questi strami strumenti fuori epoca, aiuta a far piacere la lettura. Ma è vero che il ritmo incalzante, i personaggi simpatici e un mistero ben gestito sono solo capacità dell’autrice di saper scrivere e farlo bene.
    Lettura consigliata, anche se non a chi è alle prime armi nella lettura in inglese (è infatti un romanzo un pò difficile).

    Alcune "scene" dal romanzo:

    - “So?” said Sophronia. “Resources. What do you two have?” Pillover emptied the pockets of his oversized greatcoat: some pine-sap gum, a monocle on a stick—the Depraved Lens of Crispy Magnification, perhaps?—and a long piece of ribbon that probably started life in his sister’s hair. Dimity produced a box of sandwiches, a wooden spoon, and a knitted stuffed octopus out of the small covered basket at her feet. All Sophronia had was the piece of sponge she’d swiped at tea and stashed in her apron, now sadly crushed. She split it into three and they ate the cake and thought hard. -

    - They pushed aside two massive brass doors emblazoned with images of fire and all sorts of symbols of danger. Sophronia squinted. One of the symbols looked to be a badger with his tail in flames. Another was a skull like that on a pirate’s flag, but with its mouth open and long vampire fangs. If that’s a vampire, perhaps the badger on fire is meant to be a werewolf? Another, Sophronia could swear, was a robin in a bowler. What, she wondered, is dangerous about a robin in a bowler? -

    http://azurestrawberry.altervista.org/the-amazing-list-2-1-romanzi-interessanti-letti-ultimamente/

    said on 

  • 4

    (L'impero) La Carriger colpisce ancora!

    Io amo amo amo amo questa donna! E la amo perché i suoi libri sono davvero unici.. Ci ho riflettuto un po' e nella mia carriera di lettrice, non mi sembra di a ...continue

    (L'impero) La Carriger colpisce ancora!

    Io amo amo amo amo questa donna! E la amo perché i suoi libri sono davvero unici.. Ci ho riflettuto un po' e nella mia carriera di lettrice, non mi sembra di averne incontrati di simili.. Tanto di cappello, Miss Carriger! *_*
    Pronti a farvi trasportare nello strambo ma incantevole universo steampunk inventato dalla Carriger? Tenetevi forte, ne vedremo delle belle! :D
    Ci troviamo nello stesso periodo in cui è ambientato "Souless", la Londra vittoriana; anzi, ad essere più precisi, si svolge poco prima e troviamo Genevieve Lefoux bambina e un Professor Niall davvero professore.. :D (Niente paura se non avete letto la serie "The parasol protectorate", la Carriger usa alcuni elementi e personaggi già visti, ma la storia è completamente separata!).
    Sophronia (sembra impossibile, ma ho trovato questo nome anche in una lettura parallela, "L'evoluzione di Calpurnia"!), indisciplinata e poco a modo, viene mandata alla "Mademoiselle Geraldine's Finishing*** Academy for Young Ladies of Quality" per imparare le buone maniere e come essere una vera signorina.
    Inutile dirvi di come questa accademia sia tutto furoché normale, visto che è protagonista di un romanzo della Carriger.. :D
    Per prima cosa, è una specie di dirigibile che viaggia nell'etere (Tanto caro anche ad Alexia Tarabotti..); seconda cosa, oltre alle buone maniere, vengono insegnate le tecniche di spionaggio, omicidio, diversivi.. Ovviamente nel modo più elegante possibile!
    Abbiamo un'eroina che ricorda per certi versi la nostra cara Alexia versione giovane (e meno italiana! :DD), una migliore amica che ricorda davvero Ivy e situazioni paradossali e fenomenali che sono tutte da scoprire.
    La Carriger, oltre ad un'incredibile fantasia, possiede il dono di trasformare tutto ciò che scrive in un racconto piacevole e scanzonatorio. A volte è davvero difficile prenderla sul serio, giuro! (In senso buono, ovviamente: mi piacerebbe prendere un té insieme a lei, secondo me ha proprio lo spirito della buontempona! :D
    In alcuni punti mi ha fatto ridere come una povera cretina indemoniata, in alri mi ha stupito per la sua sagacità! (Mmm.. Ma esiste questa parola?! Dubbi epocali :D)
    Alcune trovate non sono originali al cento per cento, qualche volta ho avuto l'impressione di stare ancora leggendo Souless (e seguiti), da qui la mancanza della V stellina (oltre al fatto che pur essendo relativamente breve, ci ho messo parecchio a finirlo..)! Ma sono inezie, e promuovo pienamente questo delizioso romanzo.. Anzi, farò di più! Ve lo consiglio caldamente!!!

    ***Come un'allocca, non riuscivo a capire all'inizio perché si parlasse di "Finishing" school.. Non si parla di "finire" la scuola (Ehm ehm, coff coff), bensì delle buone maniere, "di perfezionamento" :DD

    Her mother interrupted. “How it worked? What kind of question is that for a young lady to ask? How often have I warned you against fraternizing with technology?”

    “Mummy and Daddy want him to be an evil genius, but he has his heart set on Latin verse. Don’t you, Pill?”

    “Pillover is terribly bad at being bad, if you take my meaning. Our daddy is a founding member of the Death Weasel Confederacy, and Mummy is a kitchen chemist with questionable intent, but poor Pillover can’t even bring himself to murder ants with his Depraved Lens of Crispy Magnification. Can you, Pill?”

    The interior decoration looked much as Sophronia imagined one of the great Atlantic steamers, except that the entire place seemed to have been attacked by a grandmother—the kind of grandmother who knitted horrible small booties for workhouse orphans and made jelly for the deserving poor.

    “Wait for it, Professor. We are an institution of high learning and higher manners. We simply cannot shoot first; it isn’t done. Now, remember that, Miss Temminnick, do—a lady never shoots first. She asks questions, then she shoots.”

    said on