Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Everwild

By

Publisher: Simon and Schuster Books For Young Readers

4.2
(36)

Language:English | Number of Pages: 424 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , Italian

Isbn-10: 1416958630 | Isbn-13: 9781416958635 | Publish date: 

Also available as: Paperback , eBook , Others

Category: Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Everwild ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Going against Mary Hightower's wishes, Nick, "the chocolate ogre" is slowly trying to reach every kid in Everlost to hand each and every one a coin, which will release them from Everlost. Mikey McGill and Allie have joined a band of skinjackers who have more of an impact on the living world then any other inhabitant of Everlost. Except Mikey can't skinjack and Allie can - and there is a very good reason.

Allie is not actually dead.

Sorting by
  • 4

    "Be’, Mary si sbagliava, perché niente a Ervelost era perso per sempre, se uno aveva il coraggio di mettersi a cercare."

    Voto esatto: **** e 1/2.
    Qualche annetto fa (era il lontano 2009, se non erro) mi sono imbattuta in un romanzo Young Adult intitolato Everlost, di un autore allora a me sconosciuto, tale Neal Shusterm ...continue

    Voto esatto: **** e 1/2.
    Qualche annetto fa (era il lontano 2009, se non erro) mi sono imbattuta in un romanzo Young Adult intitolato Everlost, di un autore allora a me sconosciuto, tale Neal Shusterman. La storia – intrigante, con alcune trovate narrative notevoli e una carrellata di bei personaggi – raccontava di un mondo sospeso tra quello dei vivi e quello dei morti (Everlost, appunto), dove gli spiriti dei bambini e dei ragazzi che per qualche motivo non erano riusciti a trapassare (ma nessun adulto) giungevano e si risvegliavano dopo un sonno di nove mesi. Un mondo con le sue regole e le sue leggende, i suoi tiranni e i suoi mostri, affascinante ma pieno di insidie.
    Alla fine avevo chiuso il romanzo con una certa curiosità di leggere il seguito, ma il secondo episodio, Everwild, non ha visto la luce in Italia fino al 2012. Lo comprai quasi subito, ma alla fine rimase abbandonato sullo scaffale (fino a ora), come a volte accade con quei libri che rimandiamo sempre a un secondo momento. Anche perché, dopo ben tre anni, il desiderio di conoscere “subito” il resto della storia si era stemperato parecchio, com’è normale che sia.
    Be’, adesso posso dire che mi è dispiaciuto molto non averlo preso in mano prima.
    Perché se c’è un autore Young Adult che merita di essere letto, quello è proprio Neal Shusterman. Più volte, durante la lettura di questo secondo episodio, mi sono ritrovava a pensare: “Genio!”. Se nel primo volume avevo rilevato un po’ di superficialità nel trattare una storia che mi sembrava potesse dare molto di più (ma che comunque, mi sono resa conto, mi era rimasta impressa nella mente per anni con tutti i suoi particolari), questa sensazione è del tutto scomparsa con questo seguito, in cui il mondo di Everlost si configura sempre di più (come hanno già rilevato alcuni lettori) come una sorta di Isola Che Non C’è dark, dominata da un oscuro e terribile “Peter Pan”, la signorina Mary Torralta, colei che vorrebbe tenere bloccati per sempre i bambini a Everlost, eternamente impegnati nei loro divertimenti preferiti. Se Peter Pan però è una personificazione del caos e dello spirito di ribellione della gioventù, la nostra Mary da questo punto di vista si pone assolutamente agli antipodi, essendo spinta ad agire da un patologico desiderio di mantenere il controllo e l’ordine, nonché dall’incrollabile fede nella bontà e nella giustezza delle proprie idee (come tutti quelli che in ogni tempo e luogo hanno provocato grossi danni all’umanità, del resto).
    Ovviamente, c’è chi non ci sta e decide di lottare per scombinare il mondo perfetto (ma terribilmente stagnante) di Mary, fregiandosi degli stessi epiteti che lei stessa ha creato per disprezzarli, a partire dal famigerato Orco Cioccolata. A proposito del povero Nick, che ormai gronda liquido marrone da ogni poro, devo dire che una delle trovate più significative e ben riuscite di questo universo narrativo è proprio il ruolo cruciale affidato a pensieri e ricordi. La nostra mente ha un potere immenso: può donarci la forza di compiere imprese impossibili ma anche distruggerci. E se questo è vero perfino nell’ordinario mondo di noi “polposi”, figuriamoci quanto dev’esserlo a Everlost, dove il corpo non esiste più ed è la mente a farla da padrone. Quindi attenzione, perché se a Everlost decidi di ricoprirti di una corazza per non soffrire più… potrebbe accaderti sul serio; e se l’unica cosa che ricordi di te stesso è che sei morto con una macchia di cioccolato sul viso, potrebbero essere guai.
    Sono davvero molto colpita, e adesso vorrei tanto leggere Everfound (uscito in lingua originale nel 2011). Tanto per la cronaca, ho appena scritto alla Piemme per chiedere se ci sono speranze di vederlo un giorno in Italia, e mi hanno risposto che per il momento non c’è una data, ma in caso mi faranno sapere. Incrocio le dita, ma con poche speranze.

    said on 

  • 4

    Io amo Shusterman, riesce a rendere inquietanti anche dei personaggi che non dovrebbero esserlo. E' come rileggere Peter Pan in una chiave diversa, con tutti quei bambini sperduti, chi cerca di manten ...continue

    Io amo Shusterman, riesce a rendere inquietanti anche dei personaggi che non dovrebbero esserlo. E' come rileggere Peter Pan in una chiave diversa, con tutti quei bambini sperduti, chi cerca di mantenere intatta la sua personale Isola che non c'è e chi invece è alla ricerca di ciò che viene dopo... Questo libro mi è piaciuto molto più del primo, le vicende entrano decisamente molto più nel vivo e accadono più cose. Sono davvero molto curiosa di scoprire come andrà a finire! Mary Torralta è davvero un personaggio inquietante!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Por fin he podido leer la continuación de Everlost, la primera parte de la trilogía, y la cuál me encantó enormemente. Y pese a algunos detalles, está me encantó muchísimo más.
    Lo primero que quiero m ...continue

    Por fin he podido leer la continuación de Everlost, la primera parte de la trilogía, y la cuál me encantó enormemente. Y pese a algunos detalles, está me encantó muchísimo más.
    Lo primero que quiero mencionar son a los personajes, que evolucionan de una manera asombrosa, se ven más maduros (psicológicamente, por supuesto), y se averiguan varios dones que tienen algunos personajes (que son una pasada) e hicieron que fuera más divertido, y si Nick (El Ogro de Chocolate) en el anterior libro me gustó, en éste ya es que me encantó, al contrario que Allie, que la llegué a aborrecer en un cierto momento de la novela, pero cómo siempre pasa, mi opinión sobre ella cambió, al ir avanzando la historia. Sobre los demás personajes hay poco que decir, pues aunque es cierto que hay varios personajes nuevos, y muy interesantes, no quiero comentaros de quiénes se trata, para no estropear nada. Lo que sí que puedo comentar, es sobre alguno, cómo Mary, que sigue siendo igual de mala, aunque con unas aspiraciones mucho más allá de lo que habían sido hasta ahora, y el rencor/amor que siente por Nick, no desaparece.

    La reseña completa: http://fantasialiterariajuvenil.blogspot.com.es/2012/08/everwild-skinjacker-2-neal-shusterman.html

    said on 

  • 5

    Me gustó bastante :)

    Me ha parecido mejor incluso que el primero, con personajes mejores perfilados y que empiezan a cobrar rasgos más juveniles :)
    Para más detalles, mi reseña: http://lagrimas-detinta.blogspot.com.es/201 ...continue

    Me ha parecido mejor incluso que el primero, con personajes mejores perfilados y que empiezan a cobrar rasgos más juveniles :)
    Para más detalles, mi reseña: http://lagrimas-detinta.blogspot.com.es/2012/12/resena-everwild-de-neal-shusterman.html

    said on 

  • 3

    Dopo essermi fatta ispirare dalla cover di Everlost, adattissima al contenuto del romanzo, non potevo certo farmi sfuggire il secondo volume della Skinjacker Trilogy, lasciandomi incantare anche da qu ...continue

    Dopo essermi fatta ispirare dalla cover di Everlost, adattissima al contenuto del romanzo, non potevo certo farmi sfuggire il secondo volume della Skinjacker Trilogy, lasciandomi incantare anche da questa nuova cover. Stesso stile, anche se stavolta cambia il colore, blu scuro al posto del verde-bosco, ma manca quella luce che dava una parvenza di speranza. Qui è tutto buio e i personaggi sullo sfondo sono aumentati. A fine romanzo, posso confermare quanto anche questa copertina sia adeguatissima alla storia che ci viene raccontata. Il lettore può iniziare a formulare ipotesi a partire da essa.
    Ho letto in giro un po' di commenti su questo secondo volume. La maggior parte dei lettori si dichiarava meno colpita rispetto a Everlost. Per me non è stato così: se Shusterman ha creato col primo capitolo un mondo nuovo, e una sorta di nuova identità, quella degli ultraluce - esseri che sono morti ma per motivazioni diverse non sono riusciti a raggiungere la luce - con problemi, piaceri e pericoli che la loro nuova essenza comporta, qui invece ci immerge direttamente nella vita vera di queste persone. Non più spaventati, non più confusi, ognuno di essi ha trovato la propria strada e il proprio scopo nella vita. Allie l'esclusa, rubapelle che non riesce a raggiungere la luce come gli altri, andrà alla ricerca dei genitori e farà una scoperta terribile, Nick l'Orco di cioccolata si dedicherà alla liberazione degli ultraluce lottando contro i propositi di Mary Torralta, che continua ad amare. Il terribile McGill ritorna nelle sue fattezze umane grazie all'amore per Allie. Accanto a loro, nuovi personaggi pericolosi ma simpatici: tre nuovi rubapelle, una ectoladra che si fa chiamare Zach lo squartatore, una bandita, Jill. Shusterman fa muover ogni personaggio in maniera indipendente, facendo incrociare ogni tanto le loro strade per poi farli incontrare tutti nel gran finale. E' una storia sullo scontro tra essere e apparire, tra l'agire correttamente per raggiungere uno scopo o usare qualsiasi mezzo pur di ottenerlo, tra il bene e il male. L'autore ha creato dei personaggi convincenti e coerenti: il lettore impara a conoscerli, a comprenderli, a condividerne le decisioni. Non ci si annoia mai, e si arriva alla fine della lettura convinti di aver assistito a qualcosa di più di un romanzo per ragazzini. Shusterman ci sa fare con l'immaginazione, con la fantasia, con le parole. Da' vita ad un prodotto originale e piacevole. Non ci resta che aspettare l'ultimo capitolo, Everfound, per scoprire cos'altro sarà in grado di regalarci!

    http://cuoredinchiostro.blogspot.it/2012/08/inchiostro-estivo-recensione-everwild.html

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    0

    iniziando col dire che le copertine, sia del primo che del secondo, mi hanno fatto "paura" e paura in realtà non fa..quindi forse non sono proprio appropriate a mio dire (ma comunque carine).
    come sec ...continue

    iniziando col dire che le copertine, sia del primo che del secondo, mi hanno fatto "paura" e paura in realtà non fa..quindi forse non sono proprio appropriate a mio dire (ma comunque carine).
    come seconda cosa c'è da dire che i tempi di scrittura o pubblicazione sono stati lenti, quindi ho aspettato quella che a me è parsa una vita per avere il seguito..
    ma subito dopo aver concluso questo secondo libro sono rimasta li li col fiato sospeso per sapere altro! tale e quale a come ero rimasta nel primo!
    in questo secondo romanzo succedono un po di cose:
    mary, quella pazzoide che viene chiamata strega del cielo, è sempre più fuori e sempre con idee più strampalate a suo vantaggio.
    nick, che ormai diventa sempre più ricoperto di cioccolata, da qui il nome orco cioccolata, innamorato di mary, cerca di fermarla spingendola fuori da everlost, usando zin.
    zin, che conosciamo in questo secondo capitolo grazie a nick, riesce a rubare le cose dal mondo vivo e portarle a everlost o viceversa. butta fuori da everlost mary, venendo trascinata anche lei nel mondo vivo. (e qui ci sono rimasta di *****).
    alli l'esclusa, scopre andando a trovare la sua famiglia nel mondo vivo, che il suo corpo è ancora li, ed è per questo che lei e gli altri come lei possono possedere corpi umani.
    milos, che conosciamo sempre in questo capitolo, con i due tirapiedi o pallealpiede al seguito, si gioca il ruolo cattivo con mary, volendo diventare qualcosa di più per lei per conquistarsi il resto e ri-uccidendola quando viene buttata fuori da everlost!!!! questo pezzo finale mi ha totalmente lasciato di stucco! cioè a parte non aspettarmelo proprio, con quanta facilità ha potuto ucciderla!
    aspetto con ansia il seguito e spero che sta volta venga pubblicato prima di farmi aspettare anni interi..

    said on 

  • 4

    bellino. Continuano le avventure del primo libro esplorando nuovi territori di Everlost (i cosiddetti Everwild, da qui il titolo del libro).
    Finale aperto..bisognerà leggere il terzo.

    said on 

  • 5

    Voglio andare anch'io ad Everlost!!Ah già, prima bisogna morire...ma considerando che ho superato i 17 anni non ci andrei comunque, che disdetta!! xD
    Questo secondo volume della Skinjacker Trilogy mi ...continue

    Voglio andare anch'io ad Everlost!!Ah già, prima bisogna morire...ma considerando che ho superato i 17 anni non ci andrei comunque, che disdetta!! xD
    Questo secondo volume della Skinjacker Trilogy mi è piaciuto decisamente più del primo!Lì la storia inizia a decollare solo alla fine, mentre qui si viene catapultati fin dall'inizio in una splendida avventura con la A maiuscola, e ai personaggi già conosciuti nel primo libro, tra cui Allie e Mikey(i miei preferiti), Nick (diventato l'orco cioccolata) e l'inquietante Mary, si aggiungono interessanti new entries, come Zack lo Squartatore! Davvero arduo aspettare il seguito in italiano!

    said on