Everything is Illuminated

By

Publisher: Penguin Books Ltd

4.0
(5920)

Language: English | Number of Pages: 288 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , French , German , Italian , Swedish , Dutch , Catalan , Russian

Isbn-13: 9780141909882 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Others

Category: Fiction & Literature , History , Travel

Do you like Everything is Illuminated ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

Everything Is Illuminated is Jonathan Safran Foer's bestselling novel of a search for truth



The inspiration for the Liev Schreiber film, starring Elijah Wood



A young man arrives in the Ukraine, clutching in his hand a tattered photograph. He is searching for the woman who fifty years ago saved his grandfather from the Nazis. Unfortunately, he is aided in his quest by Alex, a translator with an uncanny ability to mangle English into bizarre new forms; a "blind" old man haunted by memories of the war; and an undersexed guide dog named Sammy Davis Jr, Jr. What they are looking for seems elusive -- a truth hidden behind veils of time, language and the horrors of war.



What they find turns all their worlds upside down . . .




'An astonishing feat of writing: hilariously funny and deeply serious, a gripping narrative. Extraordinary'The Times



'One of the most impressive novel debuts of recent years'Joyce Carol Oates, The Times Literary Supplement



'A first novel of startling originality'Jay McInerney, Observer



'Showy, smart. Made me laugh a lot'Susan Sontag, The Times Literary Supplement



'It seems hard to believe that such a young writer can have such a deep understanding of both comedy and tragedy'Erica Wagner, The Times



'A box of treasures'LA Times'



'Funny, life affirming, brilliant'Esquire



Jonathan Safran Foer was born in 1977. He is the author of Everything is Illuminated, which won the National Jewish Book Award and the Guardian First Book award; Extremely Loud and Incredibly Close, which is now a major film starring Tom Hanks and Sandra Bullock; and Eating Animals. He is also the editor of A Convergence of Birds.

Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Ho amato il film, che riguardo con certa frequenza, quindi conoscevo la storia quando mi sono trovata tra le mani il libro, il che rovina non poco la lettura. Tuttavia, nonostante questo, riesce ad en ...continue

    Ho amato il film, che riguardo con certa frequenza, quindi conoscevo la storia quando mi sono trovata tra le mani il libro, il che rovina non poco la lettura. Tuttavia, nonostante questo, riesce ad entusiasmare e a colmare quelle lacune che inevitabilmente la regia hollywoodiana si trascina nella pellicola e finalmente si capisce la conclusione (o meglio, si capisce di più). Inoltre la scelta stilistica della corrispondenza con parti di manoscritto movimenta il racconto e gli da quel tocco di genialità che ci si aspetta. Molto bello e molto profondo.

    said on 

  • 2

    Stile troppo sperimentale per i miei gusti. Ho faticato a cogliere parallelismi e collegamenti visti i tanti personaggi coinvolti. Ho apprezzato solamente la storia del viaggio in Ucraina, in sé lisci ...continue

    Stile troppo sperimentale per i miei gusti. Ho faticato a cogliere parallelismi e collegamenti visti i tanti personaggi coinvolti. Ho apprezzato solamente la storia del viaggio in Ucraina, in sé liscia e lineare. Se siete alla ricerca di una lettura serena e disinteressata state alla larga da questo libro!

    said on 

  • 4

    Durante le prime 30/40 pagine ho pensato più volte di abbandonarlo... Ma alcune parti esilaranti o commoventi riescono a far perdonare la presenza di molte, molte altre che, per usare un termine del l ...continue

    Durante le prime 30/40 pagine ho pensato più volte di abbandonarlo... Ma alcune parti esilaranti o commoventi riescono a far perdonare la presenza di molte, molte altre che, per usare un termine del libro, mi hanno "ammorbato" parecchio perché totalmente inutili o difficili da leggere

    said on 

  • 1

    È tutto fumo.

    Io non capisco tutto questo entusiasmo della critica. Forse sono io, sicuramente mi è sfuggito qualcosa, perché altrimenti non riesco a spiegarmelo.
    Sono arrivato fino alla fine sperando di carpirci q ...continue

    Io non capisco tutto questo entusiasmo della critica. Forse sono io, sicuramente mi è sfuggito qualcosa, perché altrimenti non riesco a spiegarmelo.
    Sono arrivato fino alla fine sperando di carpirci qualcosa ma inutilmente.
    Mi sono solo ubriacato di parole!
    La doppia storia di Brod e Jonathan è solo un bell’esercizio di stile, una sfilza di evocazioni e ricordi che però, sotto sotto, non hanno consistenza.
    Per scrivere l’ennesima storia dell’ebreo orientale salvato dai nazisti e fuggito in America, e del ritorno di suo nipote in Europa in cerca di radici, chiaramente in qualche modo bisognava essere originali, per cui l’autore, trattandosi in parte anche della sua storia personale, ci ha provato scrivendo un flusso di coscienza, a tratti pure ironico e piacevole, che però nell'insieme non convince per niente. È tutto fumo.
    Più che un romanzo, questa è un’ottima esercitazione per le sue lezioni di scrittura creativa, che poi è quello che nella realtà Jonathan Safran Foer fa di mestiere.

    said on 

  • 1

    Illeggibile

    A pagina 35 ho gettato la spugna decidendo di non seguire oltre le farneticazioni dell'autore. Stile - usando un eufemismo - a dir poco discutibile. Senza capo né coda. L'avesse scritto un mio amico m ...continue

    A pagina 35 ho gettato la spugna decidendo di non seguire oltre le farneticazioni dell'autore. Stile - usando un eufemismo - a dir poco discutibile. Senza capo né coda. L'avesse scritto un mio amico magari con qualche problema personale gli avrei suggerito di cercarsi un buon medico... Risparmiatevi la spesa.

    said on 

  • 3

    Mi illumino di ogni cosa

    Per lunghi tratti un gran bel romanzo: originale, spassoso, profondo, drammaticamente intenso. Molte pagine, però, sono un po' fini a se stesse, quasi un esercizio di stile che impediscono alla storia ...continue

    Per lunghi tratti un gran bel romanzo: originale, spassoso, profondo, drammaticamente intenso. Molte pagine, però, sono un po' fini a se stesse, quasi un esercizio di stile che impediscono alla storia di procedere in modo spedito. Inoltre, i tantissimi personaggi, molti dei quali solo accennati, creano un po' di confusione. Tuttavia, assolutamente godibile, con alcuni brani divertentissimi e altri che ti colpiscono come un pugno allo stomaco. Certo, leggerlo in inglese deve essere un'esperienza unica...

    said on 

  • 3

    non mi ha fatto impazzire, anche perché va letto in inglese
    il miscuglio di inglese/ucraino/ebraico, pur tradotto bene, probabilmente si apprezza meglio in originale

    said on 

  • 4

    Geniale

    Un libro geniale e convincente. Divertente e stravagante (il cane puzzone Sammy Davis junior junior è veramente fantastico!), a tratti poetico, nell’insieme potente. La lettura può sembrare inizialmen ...continue

    Un libro geniale e convincente. Divertente e stravagante (il cane puzzone Sammy Davis junior junior è veramente fantastico!), a tratti poetico, nell’insieme potente. La lettura può sembrare inizialmente un po’ faticosa, per diversi fattori: in primis, lo stranoa lessico usato dal narratore in prima persona, Alex, volutamente utilizzato a riprodurre errori e strafalcioni di un ucraino che scrive in inglese; inoltre, l’alternanza nei capitoli tra due storie in apparenza senza nessun rapporto, l’una ambientata in un recente passato in Ucraina, l’altra addirittura nel ‘700 in un indefinito villaggio ebraico dell’Est Europeo), ma assolutamente centrato nell’obiettivo di parlare della Shoah, ma anche della memoria e della ricerca del passato, in un modo nuovo e coinvolgente, senza indulgere troppo al pathos.

    said on 

Sorting by