Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ex Machina vol. 3

Fatti contro finzioni

Di ,

Editore: Magic Press

3.9
(43)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8877591366 | Isbn-13: 9788877591364 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Ex Machina vol. 3?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Fantastico

    Serie perfetta. Dialoghi magnifici, disegni cazzuti. Politica e supereroismo, intelligenza e genere, profondità e dinamismo senza fronzoli. Qua dentro c'è proprio tutto, persino la distopia.
    Vaughan ha messo in piedi un capolavoro.

    ha scritto il 

  • 0

    Dopo una sosta volta a riorganizzarsi per l'impegno di supervisione dei titoli Planeta DeAgostini, riprendono le pubblicazioni Magic Press, che pur senza la Vertigo può contare ancora sulle storie migliori prodotte dalla Wildstorm di Jim Lee. Ex Machina si è distinta fin dall'inizio per la sua pa ...continua

    Dopo una sosta volta a riorganizzarsi per l'impegno di supervisione dei titoli Planeta DeAgostini, riprendono le pubblicazioni Magic Press, che pur senza la Vertigo può contare ancora sulle storie migliori prodotte dalla Wildstorm di Jim Lee. Ex Machina si è distinta fin dall'inizio per la sua particolare storia che intreccia supereroi e politica americana. Protagonista è infatti Mitchell Hundred, noto in passato come Grande Macchina, dotato del potere di parlare e comandare gli apparecchi elettrici ed elettronici; appesa la maschera al chiodo è diventato incredibilmente sindaco di New York. Tra le responsabilità del suo incarico e i fantasmi del passato che tornano a tormentarlo, è protagonista di questa serie ottimamente scritta che si legge in un soffio. I disegni di Harris continuano a dare la fastidiosa sensazione di far emergere troppo l'uso spinto delle fotografie (l'autore fa mettere in posa degli attori/amici praticamente per ogni vignetta, ricalcando pesantemente), ma riescono a essere comunque funzionali e comunicativi.

    ha scritto il