Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Exit Music

La storia dei Radiohead

By Mac Randall

(32)

| Paperback | 9788862311823

Like Exit Music ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Mac Randall traccia la parabola dei Radiohead e li segue partendo dagli esordi, in un liceo di Oxford, fino all'ultimo disco "Hail To The Thief" che chiude il rapporto contrattuale con la multinazionale Emi/Capitol: dall'esplosione commerciale con il Continue

Mac Randall traccia la parabola dei Radiohead e li segue partendo dagli esordi, in un liceo di Oxford, fino all'ultimo disco "Hail To The Thief" che chiude il rapporto contrattuale con la multinazionale Emi/Capitol: dall'esplosione commerciale con il singolo "Creep" al successo di critica con "The Bends", dal leggendario concerto di Glastonbury alla piena maturità di "OK Computer", dalle sperimentazioni elettroniche alla trasformazione in guru indiscussi dello show business mondiale. La ricerca di Randall non concede nulla al gossip ma preferisce offrire dettagli sulla composizione di ogni singolo album o canzone.

5 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    *no, non sono obiettiva quando si tratta di loro.*

    iniziato dalla fine, perché speravo di trovare qualcosa di interessante sull'ultimo album.

    non l'ho trovato.

    Is this helpful?

    Delle Stelle said on Sep 2, 2012 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Non ho ben capito, per tutto il libro, cosa volesse esattamente dire l'autore sui Radiohead: probabilmente niente.
    Trovo che il voler mettere dentro un po' di tutto lo faccia risultare carente sia da un punto di vista dell'analisi dei brani, sia dell ...(continue)

    Non ho ben capito, per tutto il libro, cosa volesse esattamente dire l'autore sui Radiohead: probabilmente niente.
    Trovo che il voler mettere dentro un po' di tutto lo faccia risultare carente sia da un punto di vista dell'analisi dei brani, sia dell'evoluzione "psicologica-culturale" della band, sia da un punto di vista storico, ciononostante, se dei Radiohead non sapete proprio niente, può essere utile per dare un'infarinatura generale sul tutto.

    Is this helpful?

    Pierfrancesco said on Aug 27, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dove eravamo rimasti?

    Dove eravamo rimasti? Era precisamente il 2004 (9788879664028)e l’anno prima era uscito Hail to the thief liquidato troppo in fretta da Randall come un album mediocre. Nel frattempo Thom Yorke pubblica il suo album da solista e i colleghi avv ...(continue)

    Dove eravamo rimasti? Era precisamente il 2004 (9788879664028)e l’anno prima era uscito Hail to the thief liquidato troppo in fretta da Randall come un album mediocre. Nel frattempo Thom Yorke pubblica il suo album da solista e i colleghi avviavano attività extracurricolari fino a quando la band si ritroverà per la realizzazione di In Rainbows e, recentissimamente, The King of Limbs. In una 50na di pagine si elogia - come è giusto che sia - un album di gran classe come In Rainbows ma non mi è chiaro perché l’autore abbia incluso The King of Limbs per farne solo un vago accenno: meglio tardare l’uscita di qualche settimana e farne una recensione più approfondita.
    Attenzione però: qui c'è Codex, una delle canzoni dei RH più belle in assoluto.

    Is this helpful?

    Alias said on Jun 10, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nel 1995 un film vietnamita vinse il festival di Venezia: Cyclo. Ricordo perfettamente la sera in cui proclamarono il film vincitore poiché mi sembrò che quella sera passassero all’infinito il trailer del film e con esso la canzone che faceva ...(continue)

    Nel 1995 un film vietnamita vinse il festival di Venezia: Cyclo. Ricordo perfettamente la sera in cui proclamarono il film vincitore poiché mi sembrò che quella sera passassero all’infinito il trailer del film e con esso la canzone che faceva da colonna sonora, la celeberrima Creep. Da allora ho naturalmente associato le immagini del successo, della gloria, della positività ai Radiohead, associazione immutata in quattordici anni.

    Il validissimo saggio musicale di Mac Randall esplora la storia dei RH dalle origini dalla Abingdon School quando si facevano chiamare On A Friday nelle prime esibizioni live fino alla pubblicazione di Hail to the thief. Delle loro vite private sapevo quasi nulla e continuo a sapere assai poco: il quintetto di Oxford è molto attento alla privacy e tuttavia piuttosto ordinario, poco incline alla mondanità e ai vezzi da rockstar. Qui si discorre piuttosto dettagliatamente di creatività musicale, registrazioni in studio e performance live.
    Perfino troppo: sorprende come l’autore, nonostante abbia realizzato il libro senza la diretta collaborazione del gruppo – pur citando vecchie interviste e chiacchierate occasionali – sia denso di testimonianze di ex docenti, amici e collaboratori più stretti, tra cui tale Nigel Godrich definito il <sesto membro> dei RH facendoci vivere giorno per giorno le fasi di realizzazione di ciascun album, sia che ci troviamo in un capannone della campagna inglese che negli Abbey Road di Londra. L’aneddotica si fa abbondante e il dipanarsi degli eventi contorto. D’un tratto arriva una spassosa sintesi della loro metodologia di lavoro. Eccola:

    I lettori più attenti avranno riconosciuto un modello ricorrente nel ciclo creativo dei Radiohead: 1) La band entra in studio; 2) La band si spacca; 3) La banda fa autocoscienza e cambia marcia; 4) La band si rimette in sesto e finisce l’album; 5) La band dice di avere imparato la lezione e che d’ora in poi le cose andranno diversamente. Per uno osservatore esterno questa ripetività è allo stesso tempo divertente e un po’ stancante. Ma per i membri dei Radiohead deve essere una cosa assolutamente traumatica. A questo punto, la domanda nasce spontanea: perché la storia di questa band si ripete sempre uguale?

    Esiste un’edizione aggiornata del volume: 9788862311823 (2011).

    Is this helpful?

    Alias said on Jun 8, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    loro sono la ragione di tutto

    ci può stare. ma quando lo finisci vorrsti ancora più gossip spicciolo sulla band, aneddoti, brandelli di carne. ma per me loro sono la ragione di tutto...quindi...

    Is this helpful?

    Ray Banhoff said on Feb 11, 2009 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (32)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 373 Pages
  • ISBN-10: 8862311826
  • ISBN-13: 9788862311823
  • Publisher: Arcana (Musiqa)
  • Publish date: 2011-01-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book

Groups with this in collection