Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Factotum

By Charles Bukowski

(191)

| Paperback | 9788433920058

Like Factotum ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

162 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Quando si rilegge un libro, a pensarci, c'è sempre un motivo,
    quando si rilegge Bukowski c'è solo la domanda.

    Is this helpful?

    lui said on Aug 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo libro non mi ha appassionata molto. Probabilmente perchè ho fatto fatica ad affezionarmi al protagonista, l'antieroe per eccellenza, sfaccendato, sociopatico, dedito ai vizi.
    Non sono riuscita a trovare una morale, nè una crescita interiore de ...(continue)

    Questo libro non mi ha appassionata molto. Probabilmente perchè ho fatto fatica ad affezionarmi al protagonista, l'antieroe per eccellenza, sfaccendato, sociopatico, dedito ai vizi.
    Non sono riuscita a trovare una morale, nè una crescita interiore del personaggio.
    Non lo rileggerei e non lo consiglierei, ma, come si suol dire, non tutti i gusti sono alla menta!

    Is this helpful?

    Moniquebbbaaa said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bukowski non lascia mai indifferenti: lo si ama o lo si odia. Da ragazzina lo amavo: lo trovavo irriverente e coraggioso.
    Ho letto questo libro dieci anni dopo l'ultimo libro di Bukowski che avevo preso in mano e l'ho trovato irrispettoso e noioso. ...(continue)

    Bukowski non lascia mai indifferenti: lo si ama o lo si odia. Da ragazzina lo amavo: lo trovavo irriverente e coraggioso.
    Ho letto questo libro dieci anni dopo l'ultimo libro di Bukowski che avevo preso in mano e l'ho trovato irrispettoso e noioso. Peccato, mi sono bruciata un mito.

    Is this helpful?

    Wonderfra78 said on Aug 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sesso & Alcool...in poche parole Bukowski!Veloce e diretto, Henry Chinaski si presenta così, come il suo creatore. E come il suo creatore non può piacere a tutti, non deve per forza piacere a tutti, ma a me piace ed è ciò che mi interessa. Se lo cons ...(continue)

    Sesso & Alcool...in poche parole Bukowski!Veloce e diretto, Henry Chinaski si presenta così, come il suo creatore. E come il suo creatore non può piacere a tutti, non deve per forza piacere a tutti, ma a me piace ed è ciò che mi interessa. Se lo consiglio? Si! E' una lettura veloce e semplice adatta a molti.

    Is this helpful?

    Mirko The Fisherman said on Jul 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Factotum

    Henry Chinaski diventa isopportabile dopo un po'... mamma mia che faccia da schiaffi che deve avere!!!
    Tutto il libro è incentrato sul fatto che cambia lavoro e tipa quasi ogni giorno. Solo verso più della metà si accontenta di restare con Jan, ubri ...(continue)

    Henry Chinaski diventa isopportabile dopo un po'... mamma mia che faccia da schiaffi che deve avere!!!
    Tutto il libro è incentrato sul fatto che cambia lavoro e tipa quasi ogni giorno. Solo verso più della metà si accontenta di restare con Jan, ubriaca e pazza scatenata quanto lui..
    Non solo è volgare ma è anche rozzo e stupido.. una persona così io non la sopporterei manco un giorno.. e se come dicono in molti, è l'alter ego di Bukoski, mi delude un po'!!
    Metto tre stelline perchè mi aspettavo qualcos'altro dall'autore, sapevo fosse cinico e che vedeva solo la parte più brutta della vita senza assaporare le cose belle.. ma non così esageratamente e in modo così insopportabile.. non è normale che se vede un ragazzo carino di bell'aspetto e con voglia di fare per lui sia solo "Un figlio di put****".. Bah..
    Meno male che almeno ascoltava musica classica come Brahms, Mahler e Beethoven :D

    Is this helpful?

    Arieel 92 [scambio ebook] said on Jun 27, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Questo libro può piacere o non piacere ma Bukowski a me piace.
    Mi piace il suo stile e mi piace come non cerchi in alcun modo di abbellire o rendere la sua scrittura più elegante o ricercata. E' diretto e, nella semplicità delle sue narrazioni, non s ...(continue)

    Questo libro può piacere o non piacere ma Bukowski a me piace.
    Mi piace il suo stile e mi piace come non cerchi in alcun modo di abbellire o rendere la sua scrittura più elegante o ricercata. E' diretto e, nella semplicità delle sue narrazioni, non si può non trovare anche un significato più profondo.
    Bukowski è grezzo e "grezzo", a mio parere, è la parola più appropriata che si possa usare per definirlo.
    "Grezzo" come un pezzo di roccia da cui estrarre un minerale o un diamante.
    Per capire e apprezzare questo libro bisogna andare oltre il suo essere grezzo.
    Se si ha la pazienza letteraria di non fermarsi alla volgarità, al turpiloquio, alla descrizione degli istinti meno onorevoli dell'essere umano, allora si può vedere come Bukowski è un esperto conoscitore della parte più triste e cupa di ogni uomo. Conosce i meccanismi mentali dei "deboli", di quelli che vivono male la vita e, proprio per questo, si rifugiano nel sesso più volgare, nell'abbandono ai vizi peggiori fino al degrado più profondo, fino a trasformarsi nell'Henry Chinaski, protagonista di questo libro.
    Mi piace questo suo modo di essere "grezzo" in maniera colta. Ovviamente, a volte, può sembrare esagerato ma, se si sa guardare con il giusto occhio, Bukowski sa quello che è l'abisso in cui ogni essere umano può cadere e, il fatto di buttarcelo in faccia in questa maniera così dura e cruda, è sintomo di una profonda sincerità letteraria: l'abisso lo puoi capire solo quando ci affondi dentro; non lo capirai mai con giri di belle parole.
    Questa credo sia una dote che pochi scrittori hanno: essere diretti e non avere filtri.
    Factotum è tutto questo. Un viaggio nella vita di chi non ha regola e nemmeno vuole averla.
    Nessuno può dire cosa è giusto o sbagliato.
    Chi ha ragione?
    Un mondo fatto di uomini da usare, sfruttare e mettere alle strette nella vita in cambio di un lavoro oppure Herny Chinaski?
    Sicuramente Bukowski!

    Is this helpful?

    Ste said on May 17, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book