Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Fahrenheit 451

By Ray Bradbury

(146)

| Paperback | 9780007181704

Like Fahrenheit 451 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

The hauntingly prophetic classic novel set in a not-too-distant future where books are burned by a special task force of firemen. Guy Montag is a fireman. His job is to burn books, which are forbidden, being the source of all discord and unhappiness Continue

The hauntingly prophetic classic novel set in a not-too-distant future where books are burned by a special task force of firemen. Guy Montag is a fireman. His job is to burn books, which are forbidden, being the source of all discord and unhappiness. Even so, Montag is unhappy; there is discord in his marriage. Are books hidden in his house? The Mechanical Hound of the Fire Department, armed with a lethal hypodermic, escorted by helicopters, is ready to track down those dissidents who defy society to preserve and read books. The classic novel of a post-literate future, 'Fahrenheit 451' stands alongside Orwell's '1984' and Huxley's 'Brave New World' as a prophetic account of Western civilization's enslavement by the media, drugs and conformity. Bradbury's powerful and poetic prose combines with uncanny insight into the potential of technology to create a novel which over fifty years from first publication, still has the power to dazzle and shock.

1760 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Impressionante visione del prossimo futuro, da parte di un uomo degli anni '50. Il potere della TV e l'ottundimento della stessa a danno del libero pensiero, la crociata contro qualunque oggetto che somigli ad un libro o rivista o microfilm e della c ...(continue)

    Impressionante visione del prossimo futuro, da parte di un uomo degli anni '50. Il potere della TV e l'ottundimento della stessa a danno del libero pensiero, la crociata contro qualunque oggetto che somigli ad un libro o rivista o microfilm e della cultura in generale.
    A me ha dato un po' di pelle d'oca pensando alla nostra realtà ed alle generazioni cresciute davanti alla TV, senza neanche l'opzione di un buon libro ....

    Is this helpful?

    Nadiaz said on Oct 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    l'ho letto in lingua.... molti anni fa. nel complesso mi piace il messaggio che trasmette.

    Is this helpful?

    Faiana said on Sep 30, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Evocativo, poetico a volte, comunque pervaso da un impeto profondo e per niente banale. E' distopia, ma non quella cui siamo abituati adesso, o perlomeno la voce che la narra è molto diversa.

    Is this helpful?

    Graziagiro said on Sep 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che prometteva di incantare, stando a quanto letto un po in giro nel web, non sono rimasto deluso dal libro altrimenti non gli darei quattro stelle ma sinceramente mi aspettavo forse qualcosa in più. Il tema è quello dell'eroe comune che lot ...(continue)

    Un libro che prometteva di incantare, stando a quanto letto un po in giro nel web, non sono rimasto deluso dal libro altrimenti non gli darei quattro stelle ma sinceramente mi aspettavo forse qualcosa in più. Il tema è quello dell'eroe comune che lotta contro una società allo sbando in un mondo da distopia Orwelliana, intreccio che amo particolarmente ma a mio parere non regge il confronto con altre opere come per l'appunto 1984 o Noi. Un romanzo bello ma non eccellente.

    Is this helpful?

    Il Nano said on Sep 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Anestesia di un eterno presente

    L'orrore maggiore della società descritta non è la proibizione della cultura, ma l'accettazione interiorizzata di questo divieto che porta con se la morte della curiosità.
    Quando non c'è più curiosità e si vive in un eterno presente, allora muore la ...(continue)

    L'orrore maggiore della società descritta non è la proibizione della cultura, ma l'accettazione interiorizzata di questo divieto che porta con se la morte della curiosità.
    Quando non c'è più curiosità e si vive in un eterno presente, allora muore la speranza.

    Is this helpful?

    Marinaio said on Sep 18, 2014 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Collection with this book

Groups with this in collection