Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 190 | Formato: Altri

Isbn-10: 8879729268 | Isbn-13: 9788879729260 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Fame?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A ventott'anni Allen Zadoff pesa 180 chili: quello che nell'adolescenza sembrava un problema gestibile di peso adesso gli sta distruggendo la vita. Dopo anni trascorsi alla disperata ricerca della dieta che lo renda magro, compie finalmente un passo determinante: anziché dedicarsi all'ennesima dieta di moda, incomincia a concentrarsi meno su quel che mangia e più sul disagio psicologico che sta alla base dei suoi disturbi alimentari. Così facendo, riesce a perdere i chili di troppo e a dare inizio alla sua nuova vita. In questo straordinario viaggio su e giù dalle montagne russe dell'obesità, dell'appetito incontrollato e dei drastici digiuni, Zadoff, attraverso la sua storia personale, elabora una strategia efficace per perdere peso, che si basa ben più sul cuore e sulla mente che non sul conteggio delle calorie.
Ordina per
  • 5

    Tra un anno mi piacerebbe poter dire che questo libro mi ha cambiato la vita. Non so se sarà così, me lo auguro.

    In questi giorni è stata la svolta. Ciò che mi ha impedito di fare una cazzata ...continua

    Tra un anno mi piacerebbe poter dire che questo libro mi ha cambiato la vita. Non so se sarà così, me lo auguro.

    In questi giorni è stata la svolta. Ciò che mi ha impedito di fare una cazzata grande come un baobab centenario, ciò che vorrei desse inizio al mio cambiamento, alla mia guarigione.

    Lo dico subito, non è un libro per tutti. Io lo vorrei che lo fosse, davvero. Ne ho acquistate immediatamente due copie (quelle che ho trovato scontate) da regalare in futuro perchè vorrei che alcune persone che conosco lo leggessero per provare a capirmi. Ma non posso pretendere che gli altri capiscano come sto perchè sono io a volerlo, è assurdo. Ma siccome sono spesso egoista lo regalerò sperando in altruistici slanci di comprensione. E nel mondo c'è così poca empatia verso le persone grasse che davvero è un libro che probabilmente andrebbe sprecato in certe mani.

    Attenzione, non si parla di chi pesa 70kg e vuole arrivare a 60. Si parla di chi pesa anche un quintale in più. Io non ho nulla contro chi pesa 70kg e ne vuole perdere 10, beato lui. Ma non abbiamo niente in comune, non condividiamo lo stesso problema, non abbiamo nulla da spartire. L'avere dei chili da perdere (anche se un conto è doverne perdere 10, un conto 50, c'è una bella differenza) non significa nulla. Chi pesa 70 kg e vuole dimagrire si compri il libro di Carr, non "Fame" di Zadoff.

    Prosegue qua http://ladydarcy.wordpress.com/2011/08/12/allen-zadoff-fame-cose-che-ho-imparato-nel-mio-viaggio-da-grasso-a-magro/

    ha scritto il 

  • 4

    Esperienza di vita vera. da 160 a 100 kg. un vero e proprio viaggio dentro la propria malattia, dentro le proprie emozioni e la propria mente. nessuna dieta proposta o insegnamento. solo la sua ...continua

    Esperienza di vita vera. da 160 a 100 kg. un vero e proprio viaggio dentro la propria malattia, dentro le proprie emozioni e la propria mente. nessuna dieta proposta o insegnamento. solo la sua esperienza. bravo, e coraggioso, senza pretese da "sapientone".

    ha scritto il 

  • 3

    L'ossessione del cibo

    Questo libro analizza la malattia del mangiare compulsivamente, ancora poco riconosciuta nell’ambito medico. Poiché la sindrome di dipendenza dal cibo, al pari di quella dal fumo, dall’alcol o ...continua

    Questo libro analizza la malattia del mangiare compulsivamente, ancora poco riconosciuta nell’ambito medico. Poiché la sindrome di dipendenza dal cibo, al pari di quella dal fumo, dall’alcol o dalla droga, è una vera e propria malattia, dovrebbe essere dato più peso a chi ne soffre. Il protagonista, arrivato al peso di 180 kg a soli 28 anni, capisce che non è una nuova dieta che può salvarlo dal baratro, ma i suoi disturbi alimentari sono dovuti a un disagio psicologico. Per questo, con grande fatica e determinazione, elabora una sua personale strategia per perdere peso, che non si basa sul conteggio delle calorie, ma sull’analisi di sé stesso. In questo romanzo ci racconta il viaggio che lo ha portato da obeso a magro e le ripercussioni che i cambiamenti di peso hanno avuto nella sua vita. Mi ha interessato conoscere il meccanismo psicologico che si cela dietro la “spinta al mangiare” che non permette mai di raggiungere il punto di sazietà.

    ha scritto il 

  • 4

    Si divora in fretta

    Mi ha incuriosito e una volta iniziato a leggerlo mi sono ritrovato alla fine in poche ore.
    Interessante l'idea di come l'autore ha affrontato il suo problema.
    Non aspettatevi una dieta o un metodo per ...continua

    Mi ha incuriosito e una volta iniziato a leggerlo mi sono ritrovato alla fine in poche ore.
    Interessante l'idea di come l'autore ha affrontato il suo problema.
    Non aspettatevi una dieta o un metodo per dimagrire: semmai qualche consiglio su come rendersi più consapevoli del rapporto col cibo.

    ha scritto il 

  • 3

    Importante da sapere

    Scritto in maniera piacevole e autoironica, permette di affrontare un tema "tosto" come quello dei disturbi alimentari. La valutazione è "molto interessante, e importante", più che "bello". Grazie ...continua

    Scritto in maniera piacevole e autoironica, permette di affrontare un tema "tosto" come quello dei disturbi alimentari. La valutazione è "molto interessante, e importante", più che "bello". Grazie a chi me lo ha fatto scoprire.

    ha scritto il 

  • 5

    "A ventott'anni Allen Zadoff pesa 180 chili: quello che nell'adolescenza sembrava un problema gestibile di peso adesso gli sta distruggendo la vita. Dopo anni trascorsi alla disperata ricerca della ...continua

    "A ventott'anni Allen Zadoff pesa 180 chili: quello che nell'adolescenza sembrava un problema gestibile di peso adesso gli sta distruggendo la vita. Dopo anni trascorsi alla disperata ricerca della dieta che lo renda magro, compie finalmente un passo determinante: anziché dedicarsi all'ennesima dieta di moda, incomincia a concentrarsi meno su quel che mangia e più sul disagio psicologico che sta alla base dei suoi disturbi alimentari. Così facendo, riesce a perdere i chili di troppo e a dare inizio alla sua nuova vita. In questo straordinario viaggio su e giù dalle montagne russe dell'obesità, dell'appetito incontrollato e dei drastici digiuni, Zadoff, attraverso la sua storia personale, elabora una strategia efficace per perdere peso, che si basa ben più sul cuore e sulla mente che non sul conteggio delle calorie."

    Wow... letto in un paio di ore...
    e devo dire che mi ha aperto gli occhi su alcune cose.
    E' stato interessante vedere come si è mosso negli anni.
    Bel libro...
    lo riprenderò in mano

    ha scritto il 

  • 4

    Il tono è suasorio e convincente. il contenuto, per un mangiatore compulsivo, non è banale: ci sono cibi che scatenano raptus (per me, i cioccolatini e la cocacola), che non danno pace finché non ...continua

    Il tono è suasorio e convincente. il contenuto, per un mangiatore compulsivo, non è banale: ci sono cibi che scatenano raptus (per me, i cioccolatini e la cocacola), che non danno pace finché non sono finiti. Semaforo rosso, per loro! In cambio, licenza di fare ciò che più piace. Consigliatissimo a chi ha dipendenza da ipernutrizione; gli altri, forse, non capirebbero.

    ha scritto il