Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Fango

Di

Editore: Mondadori

3.7
(5408)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 322 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Polacco

Isbn-10: 8804468645 | Isbn-13: 9788804468646 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Crime , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Fango?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dalle scene di vita di L'ultimo capodanno dell'umanità alle irresistibili peripezie del picciotto Albertino protagonista di Fango, i racconti di Niccolò Ammaniti mettono in scena i nuovi grotteschi eroi di un'umanità giovane e metropolitana, sbandata e anticonformista, capace di passare con leggerezza da una modesta aspirazione a un efferato delitto. Sono racconti che mescolano tutti +i generi, dall'horror alla commedia all'italiana fino alle suggestioni del cinema di Tarantino, trovando infine in una gustosissima vena comica il vero elemento comune. Storie nelle quali una minuziosa osservazione della realtà si fonde con una scatenata fantasia, per cui anche la morte si trasforma, nella prosa trascinante di Ammaniti, in uno scintillante spettacolo. Grande bravura e superbo senso del ritmo fanno il resto, dando a questo libro l'aspetto di un autentico, irripetibile gioiello.
Ordina per
  • 2

    Un Capodanno da tregenda

    Se dovessi giudicare Ammaniti in base a quello che di suo ho già letto , e per quello che egli mi trasmette , direi che il suo stile attinge a piene mani nella comicità surreale e sgangherata dei libri di Fantozzi con un'aggiunta di quell'innocua spettacolarità truculenta che caratterizza certi ...continua

    Se dovessi giudicare Ammaniti in base a quello che di suo ho già letto , e per quello che egli mi trasmette , direi che il suo stile attinge a piene mani nella comicità surreale e sgangherata dei libri di Fantozzi con un'aggiunta di quell'innocua spettacolarità truculenta che caratterizza certi videogiochi .
    Ma se tutto questo si può applicare alla narrazione incalzante e divertente , al di là della sua tragicità di fondo , dell'attesa di celebrare la fine dell'anno da parte di un campione variegato di personaggi per lo più abitanti in un elegante complesso condominiale con uno “scoppiettante” finale , che costituisce praticamente l'intero il corpo del romanzo , ciò vale molto meno per “Rispetto” , il capitoletto finale , che mi è parso invece improntato ad una violenza ingiustificata quanto inutile che a mio giudizio poteva essere evitata.

    ha scritto il 

  • 5

    Gran libro

    Bellissimo.Stupendo.Magnifico.
    Un libro estremamente scorrevole,impossibile da smettere di leggere.Una volta iniziato passa tutto in secondo piano:l'ho portato persino in borsa per poterlo leggere qualora ne avessi avuto il tempo e,fortunatamente,l'ho avuto.
    Consigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 4

    Serie di racconti nel complesso piuttosto carina... un paio di racconti sono un po' insignificanti e inutili, "Rispetto" fa proprio cagare, è splatter gratuito senza un senso, però un paio di altri strafichi compensano alla grande. Primo fra tutti "Ti sogno, con terrore", davvero bello, con cui c ...continua

    Serie di racconti nel complesso piuttosto carina... un paio di racconti sono un po' insignificanti e inutili, "Rispetto" fa proprio cagare, è splatter gratuito senza un senso, però un paio di altri strafichi compensano alla grande. Primo fra tutti "Ti sogno, con terrore", davvero bello, con cui capisci che Ammaniti potrebbe scrivere davvero di tutto, anche un giallo... a seguire "L'ultimo Capodanno dell'Umanità" e "Fango" in cui si ritrova l'Ammaniti di sempre. Quello che ti fa conoscere i personaggi e un po' ti ci fa anche affezionare e ti fa sperare... per poi, nel finale, deliziosamente tragico e splatter come al suo solito, farti soffrire, e anche un po' redimere, insieme a loro e alla loro tragedia!!

    ha scritto il 

  • 5

    Per fango si intende comunemente una miscela composta da materiale solido finemente disperso e da una quantità relativamente piccola di liquido (wiki)

    Solo che il liquido qui non c'è e se c'è è veramente poco e non serve comunque a diluire minimamente quel fango che sembra quasi di inghiottire e che si blocca li, tra al gola e lo stomaco e rischia di farti soffocare. Fango sporco appiccicoso difficile da togliere, lavare pulire. Di fango qui ce ...continua

    Solo che il liquido qui non c'è e se c'è è veramente poco e non serve comunque a diluire minimamente quel fango che sembra quasi di inghiottire e che si blocca li, tra al gola e lo stomaco e rischia di farti soffocare. Fango sporco appiccicoso difficile da togliere, lavare pulire. Di fango qui ce n'è tanto, nella testa, nel cuore, nell'anima. I personaggi di questi racconti sono invasi dal fango, sono sporchi, Ammaniti stesso usa un linguaggio sporco, cattivo, graffiante, e trascina il lettore in un mondo di inaudita violenza. E il bello sta nel fatto che si sfiora il surreale..... ma è possibile, il pazzesco..... ma è probabile, la follia..... ma perchè no!?!? Geniale assolutamente geniale. Vero è che L'ultimo capodanno dell'umanità, , Rispetto, Ti sogno con terrore sono imperdibili e indimenticabili, ma tutti sono straordinari. Folgorata!

    ha scritto il 

  • 4

    E' la prima volta che leggo Ammaniti, e me ne sono convinto vedendo sue recensioni molto positive su libri di uno dei miei autori preferiti, Lansdale.
    Ho divorato letteralmente il libro, alcune influenze sono molto chiare (l'ultimo racconto "Ferro" è quasi una copia di un racconto di Bukows ...continua

    E' la prima volta che leggo Ammaniti, e me ne sono convinto vedendo sue recensioni molto positive su libri di uno dei miei autori preferiti, Lansdale.
    Ho divorato letteralmente il libro, alcune influenze sono molto chiare (l'ultimo racconto "Ferro" è quasi una copia di un racconto di Bukowski in Storie di ordinaria follia) ma quello che più mi ha convinto è il fatto che i racconti siano "surreali ma non irreali". Si percepisce ad ogni passo che tutte queste storia assurde, violente e macabre non siano così impossibili da trovare nella quotidianità.
    La scrittura è molto scorrevole; l'unica pecca, per cui non merita a mio parere 5 stelle, sono i dialoghi a volte un pò troppo semplici.
    Da leggere!

    ha scritto il 

  • 3

    Un'antologia in decrescendo, tra letteratura cannibale e scazzamento anni Novanta.
    Ho trovato godibilissimo e geniale L'ultimo capodanno, il primo che racconto che, da solo, occupa quasi metà libro. Ottima la capacità di gestire i tempi e lo spazio (la sera di Capodanno), otti ...continua

    Un'antologia in decrescendo, tra letteratura cannibale e scazzamento anni Novanta.
    Ho trovato godibilissimo e geniale L'ultimo capodanno, il primo che racconto che, da solo, occupa quasi metà libro. Ottima la capacità di gestire i tempi e lo spazio (la sera di Capodanno), ottima la narrazione in fuoco multiplo, ottimi i caratteri tratteggiati, genialissima l'esplosione finale in pieno stile cannibale.
    Poi, però, è una caduta libera. La Roma criminale è solo una pallida imitazione della provincia britannica anni Novanta (una versione più caciarona di Trainspotting), fa ridere per qualche rigo, ben presto stanca.
    Insomma, gli anni Novanta sono finiti da un pezzo ed è poco quel che si salva.

    ha scritto il 

  • 3

    10 100 1000 fuckxxx

    Mi sono piaciuti molto "L'ultimo capodanno" e "lo zoologo". Il più bello è "sogno, con terrore". Ho trovato del tutto gratuito "Rispetto".


    ho cassato con la penna nera quei 6 miliardi di fottiti.


    negli anni 90 i "giovani" scrittori pulp stavano a silvio berlusconi come "fottuto" ...continua

    Mi sono piaciuti molto "L'ultimo capodanno" e "lo zoologo". Il più bello è "sogno, con terrore". Ho trovato del tutto gratuito "Rispetto".

    ho cassato con la penna nera quei 6 miliardi di fottiti.

    negli anni 90 i "giovani" scrittori pulp stavano a silvio berlusconi come "fottuto" stava a "mi consenta".

    basta. non se ne può più sentire.

    ha scritto il 

  • 0

    Antologia di racconti a tratti macabri o trash. In alcuni punti Ammaniti, rivela una quasi perversa capacità di individuare e descrivere realtà che interessano sempre più persone, stando alla cronaca quotidiana.

    ha scritto il 

Ordina per