Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Far from the Madding Crowd

By

Publisher: Random House USA Inc

3.9
(118)

Language:English | Number of Pages: 432 | Format: Paperback

Isbn-10: 037575797X | Isbn-13: 9780375757976 | Publish date:  | Edition Modern Library

Also available as: Hardcover , Library Binding , Audio Cassette , Audio CD , Mass Market Paperback , Others , eBook

Category: Fiction & Literature

Do you like Far from the Madding Crowd ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Far from the Madding Crowd, Hardy’s passionate tale of the beautiful, headstrong farmer Bathsheba Everdene and her three suitors, firmly established the thirty-four-year-old writer as a popular novelist. According to Virginia Woolf, “The subject was right; the method was right; the poet and the countryman, the sensual man, the sombre reflective man, the man of learning, all enlisted to produce a book which . . . must hold its place among the great English novels.” Introducing the fictional name of “Wessex” to describe Hardy’s legendary countryside, this early masterpiece draws a vivid picture of rural life in southwest England.

This Modern Library Paperback Classic is set from the 1912 Wessex edition and features Hardy’s map of Wessex.
Sorting by
  • 5

    An expectionally fascinated book with an exhilarating finish for a book written in 1874! Captivated by Bathsheba from her first horse-back acrobatics and rooting for Gabriel the underdog all the way: ...continue

    An expectionally fascinated book with an exhilarating finish for a book written in 1874! Captivated by Bathsheba from her first horse-back acrobatics and rooting for Gabriel the underdog all the way: simply a great novel from the master of the racy rural read!

    said on 

  • 5

    fantastico

    Hardy è una delle mie grandi passioni, ma con questo libro supera anche se stesso oltre che Tess. la costruzione di un romanzo vittoriano con la descrizione dei personaggi e il loro approfondimento ...continue

    Hardy è una delle mie grandi passioni, ma con questo libro supera anche se stesso oltre che Tess. la costruzione di un romanzo vittoriano con la descrizione dei personaggi e il loro approfondimento tipica di un "russo", che c'è di meglio?

    said on 

  • 4

    Quando leggo Thomas Hardy ho sempre l'impressione di non capirlo fino in fondo, di amare ciò che lui vorrebbe criticare e viceversa.In questo caso la protagonista, Bathsheba (eh sì, il nome è ...continue

    Quando leggo Thomas Hardy ho sempre l'impressione di non capirlo fino in fondo, di amare ciò che lui vorrebbe criticare e viceversa.In questo caso la protagonista, Bathsheba (eh sì, il nome è quello che è), mi è parso un pesonaggio bellissimo, indipendente, volitivo, deciso, una specie di femminista ante-litteram. Certo questo comporta che volte si comporti in modo stupidamente testardo ma fa parte della bellezza del personaggio. Mi pare invece che Hardy abbia un atteggiamento critico verso un'eccessiva indipendenza femminile, ritenedo le donne troppo soggette alla passionalità del loro carattere per potersi gentire da sole, senza l'aiuto di un uomo saggio e costate. In questo caso l'uomo saggio e costante sarebbe Gabriel, il fedele corteggiatore, che è effettivamente un bel personaggio proprio per la sua pazienza e costanza ma è al tempo stesso è un po' irritante, un po' troppo sicuro di se nel perdonare pazientemente gli "sbagli" della sua amata.
    Non so, forse i messagi che Hardy voleva comunicarci erano tutt'altri, comunque il libro mi è piaciuto, è molto appassionante e anche un po' meno tragico per gli standard di questo autore, cosa che non mi dispiace.

    http://ghettodeilettori.blogspot.com/2009/04/via-dalla-pazza-folla-thomas-hardy-i.html

    said on 

  • 0

    non riesco a giudicare questo libro perchè
    1. è una riduzione a scopo didattico
    2. sono stata poco diligente e l'ho letto con poca attenzione
    3. non ho gustato la lettura perchè ho la traduzione ...continue

    non riesco a giudicare questo libro perchè
    1. è una riduzione a scopo didattico
    2. sono stata poco diligente e l'ho letto con poca attenzione
    3. non ho gustato la lettura perchè ho la traduzione lenta
    4. facevo una gran confusione tra tutti gli spasimanti di Bathsheba...
    alla fine ... mi sono letta gli ultimi tre capitoli tutti in una volta e ho finalmente capito qualcosa...
    (ma non mi è venuto il desiderio di leggerlo in italiano. però io non faccio testo!)

    said on 

  • 4

    A really satisfying novel; certainly one of Hardy's best. Excellent plot, first class characters - and, strange as it may seem with Hardy - a happy ending. Hardy's apparent delight with each ...continue

    A really satisfying novel; certainly one of Hardy's best. Excellent plot, first class characters - and, strange as it may seem with Hardy - a happy ending. Hardy's apparent delight with each character simply oozes out of the pages: it can't be contained. Gabriel Oak, Bathsheba, Frank Troy, Boldwood - wonderfully drawn. Then there are the lesser characters: Joseph Poorgrass, Jan Coggan, Mark Clark, Jacob Smallbury, and the one presented to the reader as, "Susan Tall's husband'. Delightful stuff!

    said on 

  • 3

    In March I finished reading Far from the Madding Crowd I did quite enjoy it but not as much as Jude the Obscure. I think one of the biggest differences was insight into the characters. In Jude the ...continue

    In March I finished reading Far from the Madding Crowd I did quite enjoy it but not as much as Jude the Obscure. I think one of the biggest differences was insight into the characters. In Jude the inner motivations and thoughts were much more open, whereas in this book a lot of more of the action took place off stage or from someone else's viewpoint. I think my biggest problem with it was the the rural setting. I just wasn't particularly interested in all the farming aspects. That said though I liked the characters, and found the story compelling. I even found myself crying at the end, which was quite unexpectedly dramatic. The more I reflect on it the more I like it. It was rather bleak and tragic, even with the happy ending. I think I should definitely read more Hardy.

    said on