Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Farväl till vapnen

By Ernest Hemingway

(1)

| Others | 9789100105556

Like Farväl till vapnen ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Saknas

340 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Dialoghi piatti

    La lettura di uno dei lavori più noti e amati di Hemingway, “Addio alle armi”, mi ha lasciato un po’ tiepida. Bella la storia, quella di un giovane soldato americano che, sullo sfondo della Grande Guerra, si arruola nell’esercito italiano come addett ...(continue)

    La lettura di uno dei lavori più noti e amati di Hemingway, “Addio alle armi”, mi ha lasciato un po’ tiepida. Bella la storia, quella di un giovane soldato americano che, sullo sfondo della Grande Guerra, si arruola nell’esercito italiano come addetto ai reparti sanitari, vive l’orrore della guerra e poi conosce l’amore della bella Catherine, giovane infermiera inglese. Una storia che ci parla di storia, orrore amore e destino. Un destino che alla fine sarà fatale. Peccato per i dialoghi asciutti e piatti che fanno apparire i protagonisti con poco spessore e apatici, fino alla fine, anche di fronte agli eventi tragici con cui la vita li mette alla prova. No comment poi su questa vecchia edizione Mondadori De Agostini che, in copertina, spoilera l’intera storia e si avvale di una traduzione in alcuni passaggi un po’ datata.

    Is this helpful?

    Dolceluna said on Sep 17, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che mi ha lasciata tiepida, il protagonista più che tormentarsi sulla guerra si tormenta, sulle donne, e passa il tempo a bere una quantità di alcool smodata. La sua bella ad un certo punto è solo preoccupata di essere grassa, e anche il fin ...(continue)

    Un libro che mi ha lasciata tiepida, il protagonista più che tormentarsi sulla guerra si tormenta, sulle donne, e passa il tempo a bere una quantità di alcool smodata. La sua bella ad un certo punto è solo preoccupata di essere grassa, e anche il finale 'tragico' lascia un po' così.
    Penso che la storia dei soldati della prima guerra mondiale meriti più 'rispetto'.

    6/10 per alcuni passaggi

    Is this helpful?

    Marta said on Sep 16, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lo stile di Hemingway non mi fa impazzire ma la parte finale del libro è veramente appassionante, struggente, mi è piaciuta proprio tanto, si è riconquistata mezza stelletta!

    Is this helpful?

    lasaretta75 said on Sep 1, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo si faceva. Si moriva. Non si sapeva di cosa si trattasse. Non si aveva mai il tempo di imparare.

    Non c’è recensione migliori che riportare quattro brevi, folgoranti passaggi:
    Ora Catherine sarebbe morta. Questo si faceva. Si moriva. Non si sapeva di cosa si trattasse. Non si aveva mai il tempo di imparare. Si veniva gettati dentro e si sentivano ...(continue)

    Non c’è recensione migliori che riportare quattro brevi, folgoranti passaggi:
    Ora Catherine sarebbe morta. Questo si faceva. Si moriva. Non si sapeva di cosa si trattasse. Non si aveva mai il tempo di imparare. Si veniva gettati dentro e si sentivano le regole e la prima volta che vi acchiappavano in fallo vi uccidevano. Oppure vi uccidevano gratuitamente come Ajmo. O vi davano la sifilide come a Rinaldi. Ma alla fine vi uccidevano. Ci si poteva contare. Girateci intorno e vi uccidono.
    Se la gente porta tanto coraggio in questo mondo, il mondo deve ucciderla per spezzarla, così naturalmente la uccide. Il mondo spezza tutti quanti e poi molti sono forti nei punti spezzati. Ma quelli che non spezza li uccide. Uccide imparzialmente i molto buoni e i molto gentili e i molto coraggiosi. Se non siete fra questi potete esser certi che ucciderà anche voi, ma non avrà una particolare premura.
    «No. È il grande inganno: la saggezza dei vecchi. Non diventano saggi. Diventano attenti.»
    Mi piaceva scioglierle i capelli e lei sedeva sul letto e stava immobile tranne quando d’improvviso si gettava giù a baciarmi mentre glieli scioglievo, e io le toglievo le forcine e le posavo sul lenzuolo ed erano sciolti e la guardavo mentre stava immobile e poi le toglievo le ultime due forcine e cadevano tutti e lei abbassava la testa e ne eravamo immersi tutti e due ed era la sensazione di esser dentro a una tenda o dietro a una cascata. Aveva capelli meravigliosamente belli e a volte stavo sdraiato a guardarla mentre si faceva le trecce nella luce che entrava dalla finestra aperta e splendevano perfino nella notte come a volte splende l’acqua poco prima che sia giorno.
    E infine ecco cosa scrive nella introduzione:
    Il fatto che il libro fosse tragico non mi rendeva infelice perché ero convinto che la vita è una tragedia e sapevo che può avere soltanto una fine. Ma accorgersi che si era capaci di inventare qualcosa; di creare con abbastanza verità da esser contenti di leggere ciò che si era creato; e di farlo ogni giorno che si lavorava, era qualcosa che procurava una gioia maggiore di quante ne avessi mai conosciute. Oltre a questo, nulla importava.

    Is this helpful?

    Tiziano said on Aug 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    bello fino a metà o poco più, poi diventa un romanzo rosa

    Is this helpful?

    willer86 said on Aug 10, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book