Fatherland

Voto medio di 2319
| 210 contributi totali di cui 208 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Aprile 1964. Berlino si prepara a celebrare il 75° compleanno di Hitler. L'impero tedesco domina l'europa, Mosca non esiste più: il sogno di un nuovo ordine si è realizzato. Ma dietro la facciata trionfalistica il granitico edificio del reich ...Continua
Ha scritto il 18/09/17
Parte bene, poi precipita, fa un bel buco e ricomincia a scavare.
Un intrigante affresco di come avrebbe potuto essere il mondo se il nazismo avesse vinto la guerra fa da cornice ad una storia di sbirretti tipo fiction italiana. Da dimenticare.
Ha scritto il 11/08/17
Distopia portami via
E' terzo libro distopico con diverso finale della seconda guerra mondiale che leggo. Gli altri erano La Svastica sul Sole e Il complotto contro l'America.Fatherland é quello che mi é piaciuto di più e che secondo si avvicina di più a quello che ...Continua
Ha scritto il 08/06/17
Il mondo che poteva essere
Fa quasi impressione immaginare un mondo con il nazismo vincente e un'America lontana e protetta dall'immensità degli oceani, ma non vittoriosa nei confronti della Germania .Lo sfondo, molto ben disegnato, è un thriller di storia alternativa, ...Continua
Ha scritto il 09/04/17
Per me, primo libro di questo genere e di questo autore.La trama non è al cardiopalma ma è suffiicientemente coinvolgente.La Germania viene dipinta come un paese brutto e dove le condizioni meteo sono sempre avverse (cosa non proprio ...Continua
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 10/02/17
bello
Il mio primo libro di Harris. Conoscevo da molto l'autore e le sue trame intriganti, ma ho sempre pensato scrivesse dei mattoni. Poi per molto tempo non l'ho considerato ma ultimamente se ne è parlato e mi son appassionato alle sue storie, che ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Apr 21, 2016, 18:42
“Perché esci a correre da solo?” Jost gli restituì il foglio. “ Così ho la possibilità di pensare. E’ bello poter stare solo almeno una volta al giorno. “
Ha scritto il Jun 27, 2010, 13:13
Pili si era frugato nella tasca, aggrottando alla fronte. Come somiglia alla madre, aveva pensato March. Gli stessi zigomi larghi, la stessa bocca carnosa, gli stessi occhi castani e seri, distanti tra loro. Pili aveva posato il pugnale sul tavolo e ...Continua
Pag. 35

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi