Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Favole

Di

Editore: Rizzoli (B.U.R. 369-370)

4.0
(449)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 187 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: A000035872 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Elena Ceva Valla

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Favole?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Le favole di Esopo sono splendide per i bambini e mantengono il loro fascino quando a leggerle sono gli adulti.
    La saggezza di Esopo, sempre che sia esistito, può ancora essere applicata ai giorni nos ...continua

    Le favole di Esopo sono splendide per i bambini e mantengono il loro fascino quando a leggerle sono gli adulti.
    La saggezza di Esopo, sempre che sia esistito, può ancora essere applicata ai giorni nostri.

    ha scritto il 

  • 3

    Esopo è considerato l’iniziatore della favola come forma letteraria scritta. Per "Favole di Esopo" (in lingua greca: Aἰσώπου μῦθοι) si intende la raccolta di 358 favole contenute nell’edizione critic ...continua

    Esopo è considerato l’iniziatore della favola come forma letteraria scritta. Per "Favole di Esopo" (in lingua greca: Aἰσώπου μῦθοι) si intende la raccolta di 358 favole contenute nell’edizione critica curata da Émile Chambry[3] costituite probabilmente da un nucleo primario di favole a cui nel corso dei secoli se ne sono aggiunte altre di varia origine. Le favole di Esopo si possono descrivere come archetipiche; la stessa definizione corrente di "favola" è basata principalmente sulla favola esopica. Si tratta di componimenti brevi, in genere con personaggi che sono animali personificati, con lo scopo esplicito di comunicare una morale. Molte di queste favole sono talmente celebri da aver acquisito nella cultura moderna il ruolo di proverbio; alcuni esempi sono La volpe e l'uva, La cicala e la formica, Al lupo! Al lupo!, La gallina dalle uova d'oro. Molte furono anche riadattate da grandi scrittori di fiabe (per esempio Fedro o Jean de La Fontaine). Le favole di Esopo divennero proverbiali anche in epoca medievale, quando non si conoscevano più gli originali, con le volgarizzazioni in lingua francese dette Isopet (il cui nome deriva chiaramente da Esopo)[4] o con l’Esopo volgare in lingua volgare[5]. Recentemente viene segnalato "Esopo in Toscana", di Lido Pacciardi[6], con tutte le favole esopiche conosciute (Esopo, Fedro, Babrio e altri), in rima, e con una nutrita raccolta delle facezie di Leonardo da Vinci, sempre in versi, più alcune moderne favole dell'autore.

    ha scritto il 

  • 3

    L'edizione BUR si rifà alla famosa ed. Chambry del 1925-26 con 359 favole all'attivo, anche se, in particolare, è una traduzione della editio minor (1927), in cui manca la favola n° 100 (facendo sì ch ...continua

    L'edizione BUR si rifà alla famosa ed. Chambry del 1925-26 con 359 favole all'attivo, anche se, in particolare, è una traduzione della editio minor (1927), in cui manca la favola n° 100 (facendo sì che la 100° italiana sia la 101° dell'ed. originale e così via). L'ed. Chambry maior, inoltre, è ammirabile perché contiene le diverse varianti di ogni favola tramandate tramite i manoscritti, cosa che manca nella BUR, la quale propone un'unica versione. Assenti, per terminare, 3 favole incomplete presenti nell'appendice di Chambry e, soprattutto, l'intero comparto di note. La traduzione di Elena Ceva Valla è, inoltre, continua a non convincermi.

    Tutto questo non è correlato con il voto mediocre dato all'opera. Ciò che qui è possibile leggere è un rimaneggiamento durato almeno un millennio delle opere originali di Esopo. Tanto per fare un esempio esplicativo: la favola 252 (253) è in realtà tratta dall'Antico Testamento. È molto emozionante rileggere alcune storie presenti ancora ora nella cultura popolare ("al lupo, al lupo", "la gallina dalle uova d'oro", "la formica e la cicala/scarabeo" etc.), così come è molto emozionante riscontrare una certa sagacia in certi fulmines in cauda. La maggioranza delle storielle, però, è abbastanza scialba. Dev'essere dovuto alla quantità, ma in molti casi i concetti morali di base semplicemente si ripetono a ruota in modo eccessivamente monotono. C'è da dire, comunque, che repetita iuvant.

    ha scritto il 

  • 5

    Copia in neogreco con bellissima dedica d'autore (non Esopo, naturalmente)

    Non posso dire di averlo finito, perché la mia versione è in neogreco e il neogreco non lo so (anche se mi piacerebbe saperlo), ma le illustrazioni sono davvero molto speciali!

    ha scritto il 

  • 0

    ieri sera sono stato costretto a lavare i piatti a
    casa di mia mamma eh ma

    ciccia che mi rivedono adesso, a ora di cena
    io mi presento verso le dieci, le dieci e venti

    non son mica scemo, io
    eh no ...continua

    ieri sera sono stato costretto a lavare i piatti a
    casa di mia mamma eh ma

    ciccia che mi rivedono adesso, a ora di cena
    io mi presento verso le dieci, le dieci e venti

    non son mica scemo, io
    eh no

    ha scritto il