Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Favole al telefono

Di

Editore: Einaudi

4.5
(196)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 141 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Galego

Isbn-10: 8806307185 | Isbn-13: 9788806307189 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Children , Fiction & Literature , Humor

Ti piace Favole al telefono?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"C'era una volta il ragionier Bianchi, di Varese. Era rappresentante di commercio e sei giorni su sette girava l'Italia intera vendendo medicinali. Ladomenica tornava a casa sua e il lunedì mattina ripartiva. Ma prima che partisse la sua bambina gli diceva: Mi raccomando papà: tutte le sere una storia... Così ogni sera, dovunque si trovasse, alle nove in punto il ragionierBianchi chiamava al telefono Varese e raccontava una storia alla sua bambina.Questo libro contiene appunto le storie del ragionier Bianchi. Sono tutte unpo' corte: per forza, il ragioniere pagava il telefono di tasca sua, nonpoteva mica fare telefonate troppo lunghe".
Ordina per
  • 5

    In principio la Terra era tutta sbagliata,
    renderla più abitabile fu una bella faticata.
    Per passare i fiumi non c'erano ponti.
    Non c'erano sentieri per salire sui monti.
    Ti volevi sedere? Neanche l'ombra di un panchetto.
    Cascavi dal sonno? Non esisteva il letto.
    Per non pungersi i piedi
    ...continua

    In principio la Terra era tutta sbagliata, renderla più abitabile fu una bella faticata. Per passare i fiumi non c'erano ponti. Non c'erano sentieri per salire sui monti. Ti volevi sedere? Neanche l'ombra di un panchetto. Cascavi dal sonno? Non esisteva il letto. Per non pungersi i piedi, né scarpe né stivali. Se ci vedevi poco non trovavi gli occhiali. Per fare una partita non c'erano i palloni: mancava la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni, anzi a guardare bene mancava anche la pasta. Non c'era nulla di niente. Zero via zero, e basta. C'erano solo gli uomini, con due braccia per lavorare, e agli errori più grossi si poté rimediare. Da correggere, però, ne restano ancora tanti: rimboccatevi le maniche, c'è lavoro per tutti quanti!

    ha scritto il 

  • 4

    Non trovavo più la vecchia copia di casa, e l'ho ricomprato oggi per il nipotino di sette anni. Fa profumo d'infanzia: non il profumo della mia infanzia, che era odore di legna bruciata nella cucina economica, di arance e di pane, ma il profumo, decisamente più ricco, dell'infanzia delle ...continua

    Non trovavo più la vecchia copia di casa, e l'ho ricomprato oggi per il nipotino di sette anni. Fa profumo d'infanzia: non il profumo della mia infanzia, che era odore di legna bruciata nella cucina economica, di arance e di pane, ma il profumo, decisamente più ricco, dell'infanzia delle mie figlie, negli anni '80. Per questo io lo sento ancora come un libro modernissimo, e invece mi sono trovata a dover spiegare al nipote che una volta non c'erano i cellulari, e si facevano le telefonate interurbane passando per il centralino, e si pagavano le "unità"... Mi è sembrato di essere un archeologo più vecchio dei suoi scavi.

    ha scritto il 

  • 0

    l'oro [escrementizio]

    sulla spiaggia di Ostia (dove incontri gagarin, e leggi in romanesco), pp.47-49; il topo che mangiava i gatti [studiare dal vero; ripetizione della formula Eh, tu la sai lunga"], pp.100-101; tante domande (sulla posizione del soggetto), pp.107-108; il re mida (l'oro e la cacca), pp.96-97

    ha scritto il 

  • 0

    "...la lagrima di un bambino capriccioso pesa meno del vento, quella di un bambino affamato pesa più di tutta la terra": questo libro andrebbe letto un meravigliardo di volte in tutte le scuole italiane e dirò di più, la macchina per dire le bugie esiste: è installata a Montecitorio, chi riusciss ...continua

    "...la lagrima di un bambino capriccioso pesa meno del vento, quella di un bambino affamato pesa più di tutta la terra": questo libro andrebbe letto un meravigliardo di volte in tutte le scuole italiane e dirò di più, la macchina per dire le bugie esiste: è installata a Montecitorio, chi riuscisse a sabotarla vincerebbe un viaggio gratuito sul pianeta della verità guidato dal pulcino cosmico.

    ha scritto il 

  • 4

    Uno stramilione di biliardoni. Anzi... di più: un ottone di millantoni!!!!!

    Non l'ho terminato ma ho letto varie storie-favole e mi è sufficiente per dire che sono davvero geniali nella loro semplicità e, talvolta, solo apparente banalità. Sicuramente possono essere un ottimo ausilio per mettere a prova la propria fantasia e per usarle come spunto nel creare altre storie ...continua

    Non l'ho terminato ma ho letto varie storie-favole e mi è sufficiente per dire che sono davvero geniali nella loro semplicità e, talvolta, solo apparente banalità. Sicuramente possono essere un ottimo ausilio per mettere a prova la propria fantasia e per usarle come spunto nel creare altre storielle e invenzioni per bambini... che siano i propri figli o altri che si accompagnano in un viaggio o in una gita. Mi è servito molto leggere la postfazione di Rodari stesso, che aiuta a "entrare" dentro a questo libro, che altrimenti a una prima iniziale lettura può apparire appunto un po' troppo... da bambini e da far storcere il naso dopo averne letta qualcuna.

    ha scritto il