Febbre a 90'

Di

Editore: Guanda (Narratori della Fenice)

3.8
(3547)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Francese , Tedesco , Portoghese , Giapponese , Svedese , Ceco

Isbn-10: 8877469455 | Isbn-13: 9788877469458 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Federica Pedrotti , Laura Willis

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , eBook

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Sport, Attività all\'aperto & Avventura

Ti piace Febbre a 90'?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La sorpresa. È questa la sensazione dominante in chi legge anche poche paginedel libro. Sembrerebbe impossibile che un libro sul calcio riesca a contenereuna gamma così ampia di temi e personaggi, a sprigionare una tale carica diemozione ed umorismo. Raccontando la sua storia di tifoso, Nick Hornby cidescrive i multiformi aspetti di un'ossessione: le abitudini, i riti, i tic diun assiduo frequentatore di stadi.
Ordina per
  • 4

    E se è piaciuto a me...

    Ho letto questo libro senza grandi aspettative, ma devo dire che, nonostante io non sia un'amante del calcio, ne' una conoscitive del campionato inglese, lo stile di Hornby mi è piaciuto e il libro è ...continua

    Ho letto questo libro senza grandi aspettative, ma devo dire che, nonostante io non sia un'amante del calcio, ne' una conoscitive del campionato inglese, lo stile di Hornby mi è piaciuto e il libro è risultano piacevole. Quindi se vi piace il calciò lo consiglio vivamentè.

    ha scritto il 

  • 3

    Cronaca di un'ossessione

    C'è qualcosa che non funziona in questo libro.
    E pensare che è il libro più conosciuto, più famoso di Hornby.
    Certo ci sono valide osservazioni ed ottimi spunti, specie quelli relativi alla violenza n ...continua

    C'è qualcosa che non funziona in questo libro.
    E pensare che è il libro più conosciuto, più famoso di Hornby.
    Certo ci sono valide osservazioni ed ottimi spunti, specie quelli relativi alla violenza negli stadi ma il libro si trascina stancamente di partita in partita, da marcatore a marcatore...
    Sarà questo voler "spiegare", anzi no diciamo questo voler raccontare una passione come quella calcistica per sua natura così irrazionale e poco "spiegabile"....(e lo dico da tifoso).
    Nick sa scrivere ma prende le "cose" troppo sul serio. Questa volta è il calcio, altre volte era la musica. Mi piacciono le persone con passioni, quelli che quando parlano di quello che gli piace s'infiammano, si animano...ma in questo libro non ho trovato questo...e poi si arriva ad un certo punto nella vita in cui la passione trova la sua giusta collocazione, il suo posto nell'ordine delle cose...altrimenti più che una passione diventa una malattia.
    Comunque il libro è noioso, noioso come solo una partita dell'Arsenal sa essere (lo dice Nick), poi se sei un tifoso dei Gunners il discorso cambia...

    ha scritto il 

  • 1

    Letto da: Laura.

    Non so nemmeno io perche' l'ho letto tutto e non l'ho piantato li' prima.
    Un libro noiosissimo e senza il minimo mordente.
    Non so se daro' un'altra chance a Hornby. ...continua

    Letto da: Laura.

    Non so nemmeno io perche' l'ho letto tutto e non l'ho piantato li' prima.
    Un libro noiosissimo e senza il minimo mordente.
    Non so se daro' un'altra chance a Hornby.

    ha scritto il 

  • 1

    Non mi è proprio piaciuto ... un autobiografia della passione calcistica dello scrittore ... ogni evento della vita collegato ad una partita di calcio dell'Arsenal o forse più viceversa... non mi è pi ...continua

    Non mi è proprio piaciuto ... un autobiografia della passione calcistica dello scrittore ... ogni evento della vita collegato ad una partita di calcio dell'Arsenal o forse più viceversa... non mi è piaciuto

    ha scritto il 

  • 2

    2.5*

    Ho provato a scindere la storia e l'Hornby narratore, sempre gradevole e accattivante, ma niente: la prima ha avuto uil sopravvento sull'altra e non riesco a dare tre stelline :(
    La verità vera è ...continua

    2.5*

    Ho provato a scindere la storia e l'Hornby narratore, sempre gradevole e accattivante, ma niente: la prima ha avuto uil sopravvento sull'altra e non riesco a dare tre stelline :(
    La verità vera è che sono l'antisportività (e l'anti-calcio) fatta persona. Cioè, quando veniva distribuita la pazienza, la calma e il buon senso, io ero lì ad attardarmi alla coda del "No Maria per me il calcio è no!", chiedendo anche un piccolo extra per cadere in catalessi di fronte a omini random che corrono dietro un pallone.. Ecco, è andata così.

    So che sono ingiusta - il calcio mi annoia, perché leggere dunque un libro che ha questo tema come argomento? In fondo non ho iniziato il libro aspettandomi un trattato di astrofisica e restando ingannata con un'autobiografia di un fan sfegatato.. probabilmente Hornby non si meritava una lettrice così ingrata ma mia discolpa c'è da dire che forse mi aspettavo qualcosa di meno 'settoriale' e più godibile e accessibile anche a quelle persone che non saprebbero distinguere due squadre nemmeno se una delle due fosse aliena: prendiamo per esempio "Il resto della settimana" di De Giovanni: è un libro sul calcio ma mi ha trasmesso entusiasmo e gioia, mi ha fatto sentire parte di qualcosa (.... di cosa non lo so, ma fidatevi :D), mi ha divertito e intrattenuto.

    Il libro di Hornby è positivo perché l'autore racconta la sua vita e ci regala un sacco di aneddoti (e poi a me la sua ironia piace da morire!).. Però per trovare queste piccole perle tocca soffrire con squadre e nomi, con partite che a me non dicono niente, con un Arsenal odiato e amato in egual misura..
    Niente, mi è partito un sonno a volte!!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Libro muy recomendado para futboleros, sobre todo para los que van al campo a verlo y si el club de los amores del lector es el Arsenal de Londres, no hace falta decir que es imprescindible. Lo de Nic ...continua

    Libro muy recomendado para futboleros, sobre todo para los que van al campo a verlo y si el club de los amores del lector es el Arsenal de Londres, no hace falta decir que es imprescindible. Lo de Nick Hornby con el Arsenal fue amor a primera vista, lo suyo no es pasión es una obsesión que acaba influyendo en su vida y determina sus estados de animo dependiendo de las victorias o derrotas de su equipo. Hornby reflexiona con inteligencia sobre varios aspectos de la afición al fútbol incluyendo la vergonzosa violencia. Muy interesantes sus opiniones. Lo peor del libro es que termina en 1992 y me quedo con ganas de saber mas. La opinión del autor sobre la evolución del fútbol inglés, qué opina del Arsenal actual que, al contrario del de los 70 y 80 que era muy aburrido, practica un juego vistoso pero lleva mucho tiempo sin ganar la Liga, como llevó la época de gloria con Thierry Henry. Pero lo que mas me interesa es saber como vivió la final de Champions del 2006 en la que el Arsenal fue derrotado por el Barcelona con gol del sagrado Belletti.

    ha scritto il 

  • 5

    Da accanito tifoso del Tottenham, mai avrei immaginato di apprezzare un libro basato sulle vicende dei nostri acerrimi nemici sportivi dell'Arsenal. Alla fine delle 244 pagine che compongono questo sc ...continua

    Da accanito tifoso del Tottenham, mai avrei immaginato di apprezzare un libro basato sulle vicende dei nostri acerrimi nemici sportivi dell'Arsenal. Alla fine delle 244 pagine che compongono questo scritto autobiografico, invece, posso affermare che 'Febbre a 90' è entrato ufficialmente nella top ten dei miei libri preferiti di tutti i tempi. Nonostante sia uscito dalla penna di un vero e proprio fanatico, questo scritto è quanto di più equilibrato e intelligente abbia mai letto in tema di fede sportiva. Non c'è una virgola fuori posto. È tutto perfettamente condivisibile, dalla prima all'ultima riga, comprese le opinioni su due tra le più terribili tragedie avvenute nel mondo del calcio (Heysel e Hillsborough). È il libro definitivo sul tifo, quello che meglio di qualunque altro è in grado di spiegare una passione che, spesso, sconfina nella malattia vera e propria. Imperdibile.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per