Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Fermate il boia

Agatha Christie, 1

Di

Editore: RCS Quotidiani - Corriere della Sera

3.8
(1197)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 299 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Spagnolo , Francese , Ceco , Olandese , Portoghese

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Grazia Griffini

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Fermate il boia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un caso veramente semplice quello dell'omicidio della signora McGinty,uno di quelli che non attirano nemmeno l'attenzione.
La vittima non è una persona importante ma un'anziana domestica rapinata e assassinata, con un colpo alla testa, in un tranquillo paesino di campagna. Inoltre, nel giro di pochi giorni, la polizia recupera la misera refurtiva e incrimina il presunto assassino, un nervoso giovanotto che viveva come pensionante a casa della vittima. Eppure, malgrado il processo e la condanna a morte dell'imputato, qualcosa non quadra, e deve trattarsi di qualcosa di grave se, poco prima dell'esecuzione, persino il poliziotto che ha condotto le indagini si rivolge a Hercule Poirot per cercare di chiarire i suoi dubbi. Le prove di colpevolezza sembrano schiaccianti, eppure, per un investigatore abile come Poirot anche il più insignificante dei dettagli può far scoprire verità insospettabili.
Ordina per
  • 4

    Bello, geniale e con un'inaspettata soluzione del caso: non riesco mai a capire l'assassino nei romanzi della Christie. E' sempre astuta nel racconto e riesce a mescolare indizi e prove, rendendo difficile capire chi sia il colpevole, perchè pagina dopo pagina sembrano quasi tutti possibile colpe ...continua

    Bello, geniale e con un'inaspettata soluzione del caso: non riesco mai a capire l'assassino nei romanzi della Christie. E' sempre astuta nel racconto e riesce a mescolare indizi e prove, rendendo difficile capire chi sia il colpevole, perchè pagina dopo pagina sembrano quasi tutti possibile colpevoli.
    Adoro troppo quando riunisce tutti i protagonisti e l'investigatore del romanzo inizia il suo monologo... adoro!
    Comunque rispetto ad altri romanzi della Christie, l'ho trovato un po' più fiacco nella parte investigativa, però non male, mi è piaciuto lo stesso.

    ha scritto il 

  • 3

    Agile e divertente

    La Christie, ormai abilissima mestierante, gioca con il suo odiato Poirot con grande maestria, divertendosi anche ad ironizzare su se stessa, sul rapporto con il proprio personaggio e fornendo anticipazioni sulla fine che farà fare a Poirot (in "Sipario"). Un abile giallo che si legge d'un fiato. ...continua

    La Christie, ormai abilissima mestierante, gioca con il suo odiato Poirot con grande maestria, divertendosi anche ad ironizzare su se stessa, sul rapporto con il proprio personaggio e fornendo anticipazioni sulla fine che farà fare a Poirot (in "Sipario"). Un abile giallo che si legge d'un fiato.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi mancava Poirot... Questo libro rispetta tutti i crismi delle opere precedenti della Christie aventi il mitico investigatore belga come protagonista: a Poirot è chiesto aiuto, mentre oziava e s'annoiava terribilmente, dal sovrintendente Spence. Ha meno sicurezza della situazione presentatagli r ...continua

    Mi mancava Poirot... Questo libro rispetta tutti i crismi delle opere precedenti della Christie aventi il mitico investigatore belga come protagonista: a Poirot è chiesto aiuto, mentre oziava e s'annoiava terribilmente, dal sovrintendente Spence. Ha meno sicurezza della situazione presentatagli rispetto ad altre volte, ed infatti trova parecchie difficoltà per tutto il corso della trattazione. Infine, come sempre, raduna tutti i personaggi della vicenda per esporre i suoi ragionamenti ed individuare il colpevole.

    ha scritto il 

  • 4

    stupefacente, come gli altri, col fiato sospeso fino all'ultimo, ti porta vicino sempre più vicino all'assassino, per poi capovolgere tutte le tue congetture. Appena al di sotto dei suoi capolavori, ma non da meno degli altri. consigliato!

    ha scritto il 

  • 5

    Una donna viene trovata morta es il suo inquilino James Bentley viene arrestato. Ma non finisce qui. L'ispettore Spence, non convinto si rivolge al grande detective Hercule Poirot. Riuscirà Poirot a scoprire la verità? Io consiglio vivamente questo libro che vi terrà con il fiato sospeso dall' ...continua

    Una donna viene trovata morta es il suo inquilino James Bentley viene arrestato. Ma non finisce qui. L'ispettore Spence, non convinto si rivolge al grande detective Hercule Poirot. Riuscirà Poirot a scoprire la verità? Io consiglio vivamente questo libro che vi terrà con il fiato sospeso dall'inizio alla fine

    ha scritto il 

  • 4

    Riletto a distanza di secoli, l'ho trovato divertentissimo!
    Solito giallo della Christie, con i suoi indizi fondamentali abilmente nascosti tra una serie di depistaggi; con una storia in questo caso anche un po' troppo contorta, a contrasto però con l'apparente banalità che il delitto in es ...continua

    Riletto a distanza di secoli, l'ho trovato divertentissimo!
    Solito giallo della Christie, con i suoi indizi fondamentali abilmente nascosti tra una serie di depistaggi; con una storia in questo caso anche un po' troppo contorta, a contrasto però con l'apparente banalità che il delitto in esame mostra all'inizio della storia.
    Ma soprattutto mi sono piaciuti un sacco i vari siparietti comici che l'autrice organizza per Poirot, e gli sfoghi che la Christie si permette grazie al suo "alter ego" Ariadne Oliver.
    Godibilissimo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Allora, sgombriamo il campo da equivoci: il giallo di per se è orrendo, sovraccarico com'è di madri inferme (due) misteriose storie del passato (quattro come minimo) figli adottivi (troppi perché abbia voglia di contarli) e personaggi in genere. Il finale poi, oltre ad essere parzialmente incompr ...continua

    Allora, sgombriamo il campo da equivoci: il giallo di per se è orrendo, sovraccarico com'è di madri inferme (due) misteriose storie del passato (quattro come minimo) figli adottivi (troppi perché abbia voglia di contarli) e personaggi in genere. Il finale poi, oltre ad essere parzialmente incomprensibile per il pubblico italiano (Evelyn un nome maschile??? Insomma...) è il solito delirio di rischio folle e improbabilità tipico della Christie. Perché tre stelle? Ho vissuto con grande divertimento il ritorno della mitica Ariadne Oliver (sorta di alter ego comico dell'autrice) e del suo scomodissimo investigatore finlandese Sven Hjerson. Sotto con il prossimo.

    ha scritto il 

  • 5

    E' stato il mio primo incontro con Agatha Christie che ho cominciato a leggere per sfida: non ho mai apprezzato il giallo/thriller cartaceo. Ma "Fermate il boia" mi ha conquistata: incipit incalzante come il resto del romanzo che ti tiene inchiodata alle sue pagine fino alla fine... che non ha pr ...continua

    E' stato il mio primo incontro con Agatha Christie che ho cominciato a leggere per sfida: non ho mai apprezzato il giallo/thriller cartaceo. Ma "Fermate il boia" mi ha conquistata: incipit incalzante come il resto del romanzo che ti tiene inchiodata alle sue pagine fino alla fine... che non ha proprio nulla di scontato, e peraltro, personalmente di difficilissima soluzione. Da non riuscire a smettere di leggere.

    ha scritto il 

Ordina per