Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ferro recente

Di

Editore: Einaudi (Einaudi Tascabili. Letteratura; 603)

3.6
(282)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8806151584 | Isbn-13: 9788806151584 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Political

Ti piace Ferro recente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Fois è uno scrittore tutto fatti e concretezza che utilizza le tecniche e i ritmi del noir per raccontare le delusioni e gli errori di una generazione che finisce per tradire se stessa. Il titolo ci rimanda ironicamente alle periodizzazioni dei manuali di storia, per i quali il tempo della civiltà nuragica è divisa in cinque fasi. La quinta e ultima, quella del Ferro recente, è durata dal 500 al 238 a. C., anno in cui la Sardegna cade sotto il dominio di Roma.
Ordina per
  • 4

    “Quando ho iniziato a scrivere ferro recente non sapevo che sarei diventato scrittore. é…[…]la storia è il tentativo di stabilire fino a che punto può resistere una cultura millenaria di fronte alle malie della modernità. Una storia di terrorismo in Sardegna, a Nuoro. Una storia di generazioni co ...continua

    “Quando ho iniziato a scrivere ferro recente non sapevo che sarei diventato scrittore. é…[…]la storia è il tentativo di stabilire fino a che punto può resistere una cultura millenaria di fronte alle malie della modernità. Una storia di terrorismo in Sardegna, a Nuoro. Una storia di generazioni confuse, o , forse, troppo coscienti rispetto a una crisi irreversibile.
    [..]
    L’ingenuità e l’incoscienza dell’esordiente mi hanno portato a raccontarla senza preoccuparmi delle conseguenze e delle convenienze, senza preoccuparmi della complessità del problema…

    In qualche modo Ferro Recente si è scritta da sola, con furia, con rabbia. Non è un buon metodo, non è un metodo che consiglierei, però è così che è successo. Non ho più provato lo stesso sentimento di fronte a una storia: la certezza che mi avrebbe condotto verso un viaggio senza ritorno".
    Un doppio omicidio. Orribile. Opera di un maniaco. Sicuramente.
    o forse l’esito di una storia iniziata dieci anni prima, un conto in sospeso. Una vendetta che si mostra.
    La trama è un po’ faticosa e mi ha costretto a rileggere delle pagine, ma la scrittura di Fois ha la capacità di rapirmi.

    ha scritto il 

  • 4

    bel noir. lui è padrone dell'anfratto del racconto: emergono come zombie "personeri" con l'animo nascosto in nomine di un indipendentismo sardo ormai sfiorito. ma nell'anfratto non manca una ricetta poetica, una nostalgia costante di ciò che poteva essere e non è stato... rimane solo il conto da ...continua

    bel noir. lui è padrone dell'anfratto del racconto: emergono come zombie "personeri" con l'animo nascosto in nomine di un indipendentismo sardo ormai sfiorito. ma nell'anfratto non manca una ricetta poetica, una nostalgia costante di ciò che poteva essere e non è stato... rimane solo il conto da pagare.
    devo ricordare di predermi anche "meglio morti", così completo l'opera.

    ha scritto il 

  • 4

    Lorenzo e Ilaria fanno rifornimento a un self service; qui vengono massacrati e ricomposti con "cura" dall'assassino dinanzi alla loro macchina.
    Noir breve ma intenso, ben scritto, ma letto al mare tra castelli, racchettoni e nuotatina...più volte sono dovuta tornare indietro. Nè è valsa co ...continua

    Lorenzo e Ilaria fanno rifornimento a un self service; qui vengono massacrati e ricomposti con "cura" dall'assassino dinanzi alla loro macchina.
    Noir breve ma intenso, ben scritto, ma letto al mare tra castelli, racchettoni e nuotatina...più volte sono dovuta tornare indietro. Nè è valsa comunque la pena.

    Consigliato a chi non si arrende alle "letture da ombrellone". :-)

    ha scritto il 

  • 3

    "E ancora uomini da terza media «fatti da sé», con figli laureati a Firenze, Bologna, Roma che tornavano dalle sedi in Continente solo quando il loro posto di lavoro nei giornali, nei Consorzi Agrari, nelle Banche, nell'Ospedale, nei vari Inps, Enel, Sip, era pronto, o che non tornavano affatto." ...continua

    "E ancora uomini da terza media «fatti da sé», con figli laureati a Firenze, Bologna, Roma che tornavano dalle sedi in Continente solo quando il loro posto di lavoro nei giornali, nei Consorzi Agrari, nelle Banche, nell'Ospedale, nei vari Inps, Enel, Sip, era pronto, o che non tornavano affatto."

    ha scritto il 

  • 3

    "ucciso... e 'l modo ancor m'offende."

    Una scrittura da cinque stelle, che emoziona, cattura, colpisce, lacera. Però la storia, seppur interessante, è frammentaria, ingarbugliata. Tanti personaggi, tante vite, passati che ritornano, tutto collegato da un filo sottile, che non sempre è facile districare. Più volte ho sentito il bisogno ...continua

    Una scrittura da cinque stelle, che emoziona, cattura, colpisce, lacera. Però la storia, seppur interessante, è frammentaria, ingarbugliata. Tanti personaggi, tante vite, passati che ritornano, tutto collegato da un filo sottile, che non sempre è facile districare. Più volte ho sentito il bisogno di tornare indietro e rileggere dei passi, per vedere se avevo capito e collegato bene personaggi ed eventi. Mi succede raramente, e non è mai un buon segno. Nonostante ciò, sono rimasto incollato alle pagine e l'ho divorato. Il finale è un pugno nello stomaco. Fois merita.

    ha scritto il 

  • 0

    uhm :-\

    storia molto complessa, giocata sul flashback e sull'intreccio estremo.
    l'idea poteva essere interessante, ma secondo me gli è scappata di mano.
    eccessivamente ambizioso?

    ha scritto il