Festa mobile

Di

Editore: mondadori

4.0
(1608)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Francese , Tedesco , Chi semplificata , Giapponese

Isbn-10: A000071736 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace Festa mobile?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Tu mi appartieni.

    Ernest Miller Hemingway è stato uno scrittore e giornalista statunitense. Autore di famosi romanzi e racconti brevi, ricevette, nel 1953, il Premio Pulitzer per “Il vecchio e il mare”. Nel 1954, vinse ...continua

    Ernest Miller Hemingway è stato uno scrittore e giornalista statunitense. Autore di famosi romanzi e racconti brevi, ricevette, nel 1953, il Premio Pulitzer per “Il vecchio e il mare”. Nel 1954, vinse il Premio Nobel per la letteratura.

    “Festa Mobile” è un libro pubblicato postumo nel 1964. Nella prima edizione l’editing venne realizzato dalla quarta moglie di Hemingway, Mary Walsh.
    Nell’edizione successiva a quella del 1964, e da me letta (Mondadori editore), l’editing venne effettuato dal nipote dell’autore Sean Hemingway, il quale curò una restaurazione filologica del testo reintegrando non solo i titoli che erano stati scartati ma anche ripristinando l’indice originale.
    “Festa Mobile”, romanzo incompiuto, custodisce i ricordi parigini degli anni ’20 di Hemingway. A quel tempo l’autore muoveva i suoi primi passi nell’ambiente letterario e artistico grazie all’incontro e all’amicizia di Gertrude Stein e Ezra Pound. Nei racconti oltre ad essere citati e, a volte, descritti autori americani espatriati in Europa come Ford, Crowley, Joyce, Belloc e Fitzgerald, vengono narrate scene di quotidiana felicità trascorse con la prima moglie Hadley.
    “Festa Mobile” è sicuramente tra i romanzi meno conosciuti di Hemingway e benché possa essere considerato una sorta di diario, il soggetto principale non è l’io narrante, quindi l’autore, ma Parigi. In questa città Hemingway imparerà e comprenderà l’arte della scrittura. Il legame che tesse con il luogo è qualcosa di magico, unico, e ciò lo si può avvertire durante tutta la lettura. I racconti, con un apparente filo cronologico, percorreranno la carriere dello scrittore che da piccolo e anonimo diverrà famoso e conosciuto tutto il mondo.
    La narrazione è fluida e travolgente, continuamente sospesa tra nostalgia, commozione e ironia. Le passeggiate tra i boulevard, i caffè ai bistrò, la libreria “Shakespeare & Company” vengono descritti così bene e con così tanto affetto, che si ha l’impressione di esser stati veramente in quei posti. Questi luoghi, così ben delineati, son stati una componente fondamentale per la sua formazione: sia letteraria che umana. L’immagine di Hemingway che vien fuori da queste righe è sorprendente. Un uomo umile che non si da mai per vinto, sicuro della sua strada e della sua vocazione.
    Quello che mi ha particolarmente colpita è l’inclinazione di quest’uomo a trasformare un momento difficile in uno produttivo: non si hanno soldi per il pranzo? Bene, si va a vedere i quadri perché da affamati si percepisce e si capisce di più.
    La lettura di “Festa Mobile” mi ha entusiasmata molto. In primo luogo perché mi ha svelato e fatto apprezzare al meglio Hemingway, svegliando ancora di più in me la curiosità per i suoi scritti. In secondo luogo perché il caso ha voluto che qualche capitolo fosse dedicato a Francis Scott Fitzgerald ed, essendo stata la lettura precedente “Il Grande Gatsby”, è stata una bellissima sorpresa leggere quelle parole perché svela dei retroscena che non mi sarei mai aspettata e che lascio così, avvolti da un alone di mistero, in modo tale che se mai doveste ritrovarvi a leggere questo libro ritroviate la sorpresa che ho avuto io.

    ha scritto il 

  • 4

    Per chi conosce Hemingway, ne apprezza il personaggio oltre che lo scrittore, questo libro rappresenta un piccolo vangelo, un diario, una parte intima di un uomo dalla vita mirabolante. Ezra, Gertrude ...continua

    Per chi conosce Hemingway, ne apprezza il personaggio oltre che lo scrittore, questo libro rappresenta un piccolo vangelo, un diario, una parte intima di un uomo dalla vita mirabolante. Ezra, Gertrude, Pablo, Scott... ci sono tutti.

    ha scritto il 

  • 1

    "Questo è un libro di fantasia."

    Dopo "Il vecchio e il mare" mi sono lasciato tentare di nuovo da quella leggenda letteraria che è Hemingway e il consiglio altrui mi ha portato a "Festa mobile".
    Ho iniziato pieno di entusiasmo questa ...continua

    Dopo "Il vecchio e il mare" mi sono lasciato tentare di nuovo da quella leggenda letteraria che è Hemingway e il consiglio altrui mi ha portato a "Festa mobile".
    Ho iniziato pieno di entusiasmo questa nuova avventura letteraria, ma mi sono trovato subito ad arrancare per tutto il libro e finirlo è stata una liberazione.
    Lo stile di Hem non incontra il mio gusto. La sua scrittura pulita e sincera qui non mi emoziona, non ho trovato il cuore e quella passione necessaria che cerco dentro un libro. C'è indubbiamente la capacità dello scrivere e metto in conto lo scarto della traduzione, che inevitabilmente toglie sempre qualcosa (il quanto è imponderabile) all'originale. Ma ho avvertito un'assenza emotiva (qualche traccia è affiorata negli ultimi "sketch parigini") che ha appesantito ogni parola, zavorrandola di una sensazione di inutilità difficile da sopportare.
    Senza avere la minima pretesa di giudicare altro che la mia esperienza diretta, esprimo un'opinione strettamente personale.

    ha scritto il 

  • 5

    A me non piace sempre Hemingway, la scrittura è semplice e piacevole, probabilmente non troppo difficile da tradurre e da rendere, ma lo stile non è tutto! Ernest mi sembra falso e caricato tranne qu ...continua

    A me non piace sempre Hemingway, la scrittura è semplice e piacevole, probabilmente non troppo difficile da tradurre e da rendere, ma lo stile non è tutto! Ernest mi sembra falso e caricato tranne qualche volta che è magnifico. E qui mi sembra che lo sia, in molte pagine, anche se non in tutte. E poi sembra sincero nella sua malinconia e nel rimpianto: finalmente un "uomo vero" e non solo un "vero uomo".

    ha scritto il 

  • 5

    Hemingway macho e maschilista, compiaciuto dei suoi vezzi letterari, ridotto ormai a monumento? Può darsi, ma la capacità di scrittura che restituisce una Parigi ormai scomparsa insieme agli scintilla ...continua

    Hemingway macho e maschilista, compiaciuto dei suoi vezzi letterari, ridotto ormai a monumento? Può darsi, ma la capacità di scrittura che restituisce una Parigi ormai scomparsa insieme agli scintillanti anni '20 ce l'ha solo lui.

    ha scritto il 

  • 2

    Midday in Paris

    Festa Mobile vuole essere un ritorno all'epoca d'oro di Hemingway, il racconto di una Parigi in pieno fervore culturale che brulicava di artisti e scrittori, ritrovo della Generazione Perduta dove si ...continua

    Festa Mobile vuole essere un ritorno all'epoca d'oro di Hemingway, il racconto di una Parigi in pieno fervore culturale che brulicava di artisti e scrittori, ritrovo della Generazione Perduta dove si viveva molto poveri e molto felici, un libro di ricordi. Il libro d'addio.
    Sarò sincera, non mi ha preso per niente.
    Quello che mi aveva ammaliato in Fiesta l'ho ritrovato solo in parte ne Il Vecchio e il Mare e perso del tutto in Festa Mobile.
    Racconti, ma soprattutto descrizioni che ho trovato poco incisive -ad eccezione forse dei capitoli riguardanti Fitzgerald- gli splendidi scatti di Lisetta Carmi mi hanno raccontato molto in più di Ezra Pound rispetto alle pagine scritte da Hemingway.
    Leggere questo libro a pancia vuota non è bastato a renderlo più bello.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per