Fever Pitch

By

Publisher: Penguin Books Ltd

3.8
(3515)

Language: English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , French , Italian , German , Portuguese , Japanese , Swedish , Czech

Isbn-10: 0140295577 | Isbn-13: 9780140295573 | Publish date: 

Also available as: Softcover and Stapled , Audio Cassette , Audio CD , Hardcover , Others , eBook

Category: Biography , Fiction & Literature , Sports, Outdoors & Adventure

Do you like Fever Pitch ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This title presents a famous account of growing up to be a fanatical football supporter. Told through a series of match reports, "Fever Pitch" has enjoyed enormous critical and commercial success since it was first published in 1992. It has helped to create a new kind of sports writing, and established Hornby as one of the finest writers of his generation.
Sorting by
  • 3

    Cronaca di un'ossessione

    C'è qualcosa che non funziona in questo libro.
    E pensare che è il libro più conosciuto, più famoso di Hornby.
    Certo ci sono valide osservazioni ed ottimi spunti, specie quelli relativi alla violenza n ...continue

    C'è qualcosa che non funziona in questo libro.
    E pensare che è il libro più conosciuto, più famoso di Hornby.
    Certo ci sono valide osservazioni ed ottimi spunti, specie quelli relativi alla violenza negli stadi ma il libro si trascina stancamente di partita in partita, da marcatore a marcatore...
    Sarà questo voler "spiegare", anzi no diciamo questo voler raccontare una passione come quella calcistica per sua natura così irrazionale e poco "spiegabile"....(e lo dico da tifoso).
    Nick sa scrivere ma prende le "cose" troppo sul serio. Questa volta è il calcio, altre volte era la musica. Mi piacciono le persone con passioni, quelli che quando parlano di quello che gli piace s'infiammano, si animano...ma in questo libro non ho trovato questo...e poi si arriva ad un certo punto nella vita in cui la passione trova la sua giusta collocazione, il suo posto nell'ordine delle cose...altrimenti più che una passione diventa una malattia.
    Comunque il libro è noioso, noioso come solo una partita dell'Arsenal sa essere (lo dice Nick), poi se sei un tifoso dei Gunners il discorso cambia...

    said on 

  • 1

    Letto da: Laura.

    Non so nemmeno io perche' l'ho letto tutto e non l'ho piantato li' prima.
    Un libro noiosissimo e senza il minimo mordente.
    Non so se daro' un'altra chance a Hornby. ...continue

    Letto da: Laura.

    Non so nemmeno io perche' l'ho letto tutto e non l'ho piantato li' prima.
    Un libro noiosissimo e senza il minimo mordente.
    Non so se daro' un'altra chance a Hornby.

    said on 

  • 3

    Alla scoperta dei sentimenti per il proprio padre

    Bel libro... tra le righe il vero motivo del motivo perché tante persone sono appassionate di calcio

    said on 

  • 1

    Non mi è proprio piaciuto ... un autobiografia della passione calcistica dello scrittore ... ogni evento della vita collegato ad una partita di calcio dell'Arsenal o forse più viceversa... non mi è pi ...continue

    Non mi è proprio piaciuto ... un autobiografia della passione calcistica dello scrittore ... ogni evento della vita collegato ad una partita di calcio dell'Arsenal o forse più viceversa... non mi è piaciuto

    said on 

  • 2

    2.5*

    Ho provato a scindere la storia e l'Hornby narratore, sempre gradevole e accattivante, ma niente: la prima ha avuto uil sopravvento sull'altra e non riesco a dare tre stelline :(
    La verità vera è ...continue

    2.5*

    Ho provato a scindere la storia e l'Hornby narratore, sempre gradevole e accattivante, ma niente: la prima ha avuto uil sopravvento sull'altra e non riesco a dare tre stelline :(
    La verità vera è che sono l'antisportività (e l'anti-calcio) fatta persona. Cioè, quando veniva distribuita la pazienza, la calma e il buon senso, io ero lì ad attardarmi alla coda del "No Maria per me il calcio è no!", chiedendo anche un piccolo extra per cadere in catalessi di fronte a omini random che corrono dietro un pallone.. Ecco, è andata così.

    So che sono ingiusta - il calcio mi annoia, perché leggere dunque un libro che ha questo tema come argomento? In fondo non ho iniziato il libro aspettandomi un trattato di astrofisica e restando ingannata con un'autobiografia di un fan sfegatato.. probabilmente Hornby non si meritava una lettrice così ingrata ma mia discolpa c'è da dire che forse mi aspettavo qualcosa di meno 'settoriale' e più godibile e accessibile anche a quelle persone che non saprebbero distinguere due squadre nemmeno se una delle due fosse aliena: prendiamo per esempio "Il resto della settimana" di De Giovanni: è un libro sul calcio ma mi ha trasmesso entusiasmo e gioia, mi ha fatto sentire parte di qualcosa (.... di cosa non lo so, ma fidatevi :D), mi ha divertito e intrattenuto.

    Il libro di Hornby è positivo perché l'autore racconta la sua vita e ci regala un sacco di aneddoti (e poi a me la sua ironia piace da morire!).. Però per trovare queste piccole perle tocca soffrire con squadre e nomi, con partite che a me non dicono niente, con un Arsenal odiato e amato in egual misura..
    Niente, mi è partito un sonno a volte!!!!

    said on 

  • 4

    Libro muy recomendado para futboleros, sobre todo para los que van al campo a verlo y si el club de los amores del lector es el Arsenal de Londres, no hace falta decir que es imprescindible. Lo de Nic ...continue

    Libro muy recomendado para futboleros, sobre todo para los que van al campo a verlo y si el club de los amores del lector es el Arsenal de Londres, no hace falta decir que es imprescindible. Lo de Nick Hornby con el Arsenal fue amor a primera vista, lo suyo no es pasión es una obsesión que acaba influyendo en su vida y determina sus estados de animo dependiendo de las victorias o derrotas de su equipo. Hornby reflexiona con inteligencia sobre varios aspectos de la afición al fútbol incluyendo la vergonzosa violencia. Muy interesantes sus opiniones. Lo peor del libro es que termina en 1992 y me quedo con ganas de saber mas. La opinión del autor sobre la evolución del fútbol inglés, qué opina del Arsenal actual que, al contrario del de los 70 y 80 que era muy aburrido, practica un juego vistoso pero lleva mucho tiempo sin ganar la Liga, como llevó la época de gloria con Thierry Henry. Pero lo que mas me interesa es saber como vivió la final de Champions del 2006 en la que el Arsenal fue derrotado por el Barcelona con gol del sagrado Belletti.

    said on 

  • 5

    Da accanito tifoso del Tottenham, mai avrei immaginato di apprezzare un libro basato sulle vicende dei nostri acerrimi nemici sportivi dell'Arsenal. Alla fine delle 244 pagine che compongono questo sc ...continue

    Da accanito tifoso del Tottenham, mai avrei immaginato di apprezzare un libro basato sulle vicende dei nostri acerrimi nemici sportivi dell'Arsenal. Alla fine delle 244 pagine che compongono questo scritto autobiografico, invece, posso affermare che 'Febbre a 90' è entrato ufficialmente nella top ten dei miei libri preferiti di tutti i tempi. Nonostante sia uscito dalla penna di un vero e proprio fanatico, questo scritto è quanto di più equilibrato e intelligente abbia mai letto in tema di fede sportiva. Non c'è una virgola fuori posto. È tutto perfettamente condivisibile, dalla prima all'ultima riga, comprese le opinioni su due tra le più terribili tragedie avvenute nel mondo del calcio (Heysel e Hillsborough). È il libro definitivo sul tifo, quello che meglio di qualunque altro è in grado di spiegare una passione che, spesso, sconfina nella malattia vera e propria. Imperdibile.

    said on 

  • 4

    Hornby scrive di una storia d'amore tre lui e il team londinese della north side l' Arsenal. Sbocciata sin da bambino, descrive come un tifoso(o come puo sembrare maggiormente un'ossessionato) viva di ...continue

    Hornby scrive di una storia d'amore tre lui e il team londinese della north side l' Arsenal. Sbocciata sin da bambino, descrive come un tifoso(o come puo sembrare maggiormente un'ossessionato) viva di calcio. Essendo una autobiografia si deduce come la sua ossesione sia minuziosa, ogni partita viene descritta nel dettaglio, umore, situazioni meterologiche, marcatori ed eventi, la sua a chi è estraneo al contesto del tifo puo sembrare follia. Il calcio diventa per Hornby una via di sfogo dalla sua vita travagliata, gli eventi familiari come il divorzio dei genitori, i problemi personali come il relazionarsi con altre persone e il non riuscire a valorizzare i suoi sforzi nel mondo lavorativo. Ho trovato il libro interessante essendo io in prima persona un tifoso, mi piace come riesca il libro a farmi immergere dentro nel personaggio e compredere la trans agonistica.

    said on 

  • 1

    Ossessione

    Dalla prima all’ultima pagina il libro è un elenco interminabile di partite dell’Arsenal, dal 1968 al 1992, con risultato, marcatori, condizioni meteorologiche, annotazioni sulle sensazioni dell’autor ...continue

    Dalla prima all’ultima pagina il libro è un elenco interminabile di partite dell’Arsenal, dal 1968 al 1992, con risultato, marcatori, condizioni meteorologiche, annotazioni sulle sensazioni dell’autore e sulle persone che lo accompagnavano. Il calcio è x Hornby una droga x superare problemi familiari e personali, dal divorzio dei genitori, alle delusioni con una ragazza, a un insuccesso lavorativo. Non è un piacere, sia chiaro, perché un tifoso soffre nel fisico e nella mente. Tutto nella sua vita è condizionato dal calcio, nulla è più importante di una partita della sua squadra. Il libro è la noiosa autobiografia di un uomo insignificante e insicuro che sente la necessità d’identificarsi con una folla, che ha trasformato una passione in un’ossessione, sia pure con un pizzico di humour britannico e ironia. Forse un racconto sarebbe stato simpatico, come il film, che mi ha purtroppo ispirato l’acquisto, ma quasi 250 pagine sono di una monotonia mortale. Sconcerta l’interpretazione di Hornby sulla tragedia dell’Heysel, in cui morirono trentotto persone: secondo lui gli inglesi caricarono giocosamente i tifosi juventini, che, spaventati, si accalcarono contro una ringhiera che cedette, x cui precipitarono e furono travolti dalla folla. Il libro è un manuale di ciò che il calcio non dovrebbe essere, desiderio di violenza, timore di subirla, intimidazione, frustrazione. La parte razionale di Hornby sa che non è giusto, ma li prova. Mi stupisce il successo editoriale, ma io sono un tifoso atipico. Da sempre tifo Genoa, scrivevo le formazioni sui quaderni a righe della seconda elementare, a sei anni a Natale ho chiesto in regalo la maglia rossoblù, x molto tempo ho avuto l’abbonamento a Marassi, anche adesso non perdo una partita in TV. Riconosco, però, se il rigore concesso agli avversari era giusto, se hanno giocato meglio, sono contento solo se il Genoa ha meritato di vincere. Ho sempre visto le partite dal lato lungo del campo, però. Forse non sono un vero tifoso.

    said on 

  • 3

    Il calcio dentro

    È la storia d'amore, sofferta ma fedele, di un bambino, poi uomo verso la sua squadra, l'Arsenal. Un amore condizionante e profondo. Hornby riporta nella pagina i suoni, gli odori e le urla del calcio ...continue

    È la storia d'amore, sofferta ma fedele, di un bambino, poi uomo verso la sua squadra, l'Arsenal. Un amore condizionante e profondo. Hornby riporta nella pagina i suoni, gli odori e le urla del calcio inglese così come i tormenti dell'evoluzione personale.Un bel libro, che però mi ha preso meno di quanto pensassi, ma che merita. Soprattutto se per voi una squadra di calcio non è solo una squadra di calcio

    said on 

Sorting by