Lingua: Italiano | Numero di pagine: 142 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8897928099 | Isbn-13: 9788897928096 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Andrea Storti

Genere: Bambini

Ti piace Fiabe per leoni veneziani?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
A Venezia è scoppiato il finimondo. Le statue dei leoni che costellano la città hanno improvvisamente preso vita, svegliandosi dal loro sonno di pietra. Ora corrono per campi e calli facendo scherzi e dispetti a chiunque. Rubano i dolcetti ai pasticceri, spingono in acqua i poveri turisti e ruggiscono in faccia ai vecchietti.
Tutti sono spaventatissimi e ai bambini viene persino proibito di giocare all’aperto! Restare tutto il giorno al chiuso, tuttavia, è fuori discussione. Fortunatamente, il piccolo Marco e i suoi amici hanno un piano: raccontare ai leoni delle fiabe della buonanotte.
Le statue, però, esigono solo storie di Venezia! Con un po’ di fantasia, ecco allora che la Bella si addormenta in gondola, Biancaneve diventa candida come una spumiglia e la Regina delle Nevi ghiaccia il Canal Grande.
Riusciranno i nostri eroi ad addormentare i grossi gattoni capricciosi?
Un’avventura è nell’aria…

Dieci riletture di fiabe famose.
Una raccolta per ritornare a sognare destinata a grandi e piccini.
Il progetto sostiene l’associazione U.I.L.D.M., sezione di Mestre.

Con le fiabe di:
Fulvia Degl’Innocenti – Mantellina Gialla, ispirata a Cappuccetto Rosso
Cristina Marsi – La principessa sul biso, ispirata a La principessa sul pisello
Francesca Ruggiu Traversi – La bella addormentata in gondola, ispirata a La bella addormentata nel bosco
Barbara Fiorio – Spumigliaispirata a Biancaneve e i sette nani
Deborah Epifani – Nena e l’anello d’oro, ispirata a La regina delle nevi
M.P. Black – Messer Casanova e il gatto con gli stivali, ispirata a Il gatto con gli stivali
Claudia Tonin – Il ranocchio quasi principe, ispirata a Il principe rospo
Fabiana Redivo – Che fame Arlecchino!, ispirata a Vardiello
Aquilino – Ansio e Greta, ispirata a Hansel e Gretel
Daniele Nicastro – Il pifferaio variopinto di Venezia, ispirata a Il pifferaio di Hamelin

Con le filastrocche di:
Roberto Piumini – Il leone di San Marco
Antonia Romagnoli – Il pestello di Venezia
Gabriella Sanapo – Cuore di pietra
Mario De Martino – Ninna nanna per leoni veneziani

Illustrazioni a colori di Vincenzo Sanapo

Il sito del progetto:
http://www.fiabeperleoniveneziani.com/
Il sito dell'editore:
http://www.studiolt2.it/
Per maggiori informazioni:
info@fiabeperleoniveneziani.com
studio_lt2@libreriatoletta.it(less)

Ordina per
  • 4

    Davvero un bel libro, molto dolce e divertente. Ovviamente ero di parte e c'è una storia che mi è particolarmente piaciuta, ma anche altre erano proprio ben pensate e ben scritte!

    ha scritto il 

  • 0

    Un salto nelle fantasie dell’infanzia; una scampagnata tra le fiabe che più ci sono note, incorniciate ed inserite nella loro nuova connotazione veneziana, per splendere di nuova vita e intrattenere n ...continua

    Un salto nelle fantasie dell’infanzia; una scampagnata tra le fiabe che più ci sono note, incorniciate ed inserite nella loro nuova connotazione veneziana, per splendere di nuova vita e intrattenere nuove generazioni di piccoli sognatori; tutto questo è racchiuso nelle colorate pagine della raccolta Fiabe per leoni veneziani, a cura di Andrea Storti, che ha saputo unire e coordinare le idee di nuove voci italiane che, tutte insieme, hanno dato vita a questa piacevole raccolta. Appassionanti, simpatiche e allegre come sanno essere le storie per bambini, ma anche un po’ spaventose e ricche di morali conclusive – che si mantengono inalterate nei diversi racconti, nonostante la rilettura di cui sono state oggetto –, le fiabe contenute in Fiabe per leoni veneziani hanno intrattenuto migliaia di bambini e, ancora una volta, riescono nel loro intento, riuscendo a acquietare lo spirito di bambini e leoni veneziani birbantelli, che non sono in grado di resistere al loro ritmo trascinante.

    Il ritmo è fresco e frizzante e le fiabe ben si inseriscono nella macrotrama del racconto, creando un’opera nel complesso fluida e piacevole, impreziosita da sagaci illustrazioni che sanno cogliere la nuova vita che è stata donata loro.

    Fiabe per leoni veneziani è un libro per tutta la famiglia, adatto sia alla fantasia dei più piccoli che alla curiosità di chi può leggerlo con loro, per passare piacevoli momenti di coesione familiare allietati dai grandi classici tra le fiabe. Non solo un’occasione per far del bene – ricordiamo infatti che parte dei profitti verranno versati alla sezione di Mestre dell’UILDM. A questo proposito, è estremamente toccante l’introduzione di Maria Cristina Zambon, che ci racconta quanto amore e quanta forza animino sostengano le famiglie dei malati – ma anche per riscoprire i racconti che ci hanno emozionati.

    Potete trovare questa recensione anche qui:
    http://www.diariodipensieripersi.com/2013/01/recensione-fiabe-per-leoni-veneziani.html

    ha scritto il 

  • 0

    Un salto nelle fantasie dell’infanzia; una scampagnata tra le fiabe che più ci sono note, incorniciate ed inserite nella loro nuova connotazione veneziana, per splendere di nuova vita e intrattenere n ...continua

    Un salto nelle fantasie dell’infanzia; una scampagnata tra le fiabe che più ci sono note, incorniciate ed inserite nella loro nuova connotazione veneziana, per splendere di nuova vita e intrattenere nuove generazioni di piccoli sognatori; tutto questo è racchiuso nelle colorate pagine della raccolta Fiabe per leoni veneziani, a cura di Andrea Storti, che ha saputo unire e coordinare le idee di nuove voci italiane che, tutte insieme, hanno dato vita a questa piacevole raccolta. Appassionanti, simpatiche e allegre come sanno essere le storie per bambini, ma anche un po’ spaventose e ricche di morali conclusive – che si mantengono inalterate nei diversi racconti, nonostante la rilettura di cui sono state oggetto –, le fiabe contenute in Fiabe per leoni veneziani hanno intrattenuto migliaia di bambini e, ancora una volta, riescono nel loro intento, riuscendo a acquietare lo spirito di bambini e leoni veneziani birbantelli, che non sono in grado di resistere al loro ritmo trascinante.

    continua su: http://www.diariodipensieripersi.com/2013/01/recensione-fiabe-per-leoni-veneziani.html

    ha scritto il 

  • 5

    Un progetto bellissimo al quale ho avuto il piacere di partecipare. Si è trattato di una sfida davvero interessante: interpretare in chiave veneziana una famosa fiaba dei Grimm. Il risultato? Ottimo i ...continua

    Un progetto bellissimo al quale ho avuto il piacere di partecipare. Si è trattato di una sfida davvero interessante: interpretare in chiave veneziana una famosa fiaba dei Grimm. Il risultato? Ottimo in ogni caso, visto che il ricavato di questo libro è destinato a un'associazione benefica.

    ha scritto il 

  • 5

    "A Venezia è scoppiato il finimondo. Le statue dei leoni che costellano la città hanno improvvisamente preso vita, svegliandosi dal loro sonno di pietra. Ora corrono per campi e calli facendo scherzi ...continua

    "A Venezia è scoppiato il finimondo. Le statue dei leoni che costellano la città hanno improvvisamente preso vita, svegliandosi dal loro sonno di pietra. Ora corrono per campi e calli facendo scherzi e dispetti a chiunque. Rubano i dolcetti ai pasticceri, spingono in acqua i poveri turisti e ruggiscono in faccia ai vecchietti." Davvero un bel guaio! I bambini non possono nemmeno uscire in strada a giocare.. e si annoiano. Uh quanto si annoiano. Ma è grazie a loro se la situazione di emergenza riesce a risolversi. Come? Ma è semplice: raccontare ai leoni le fiabe per la buonanotte. Tutti prendono sonno con le fiabe. O forse no? L'idea è geniale e viene subito messa in atto anche se.. i leoni si rivelano essere un po' pretenziosi e capricciosi. Eh già, perché non vogliono le fiabe normali. No no. Vogliono delle Fiabe per Leoni Veneziani.

    Ho letto questo libro con molto entusiasmo e interesse: mi è piaciuto davvero tanto. Perché? Perché è la prima volta che leggo un libro dove i protagonisti e gli eroi sono dei bambini. Ma non dei bambini con super poteri, in un mondo fantastico o cos'altro.. no. Bambini come i nostri, nel nostro mondo odierno. Che risolvono una situazione complicata persino per i grandi grazie al loro essere fanciulli: fantasia, intraprendenza, coraggio e semplicità sono le basi per riportare tutto com'era. Un finale davvero splendido. I complimenti al team di Autori Italiani che ha confezionato un bellissimo libro di fiabe.
    Ricordo che il progetto sostiene l'associazione U.I.L.D.M. di Mestre: un'ottima occasione per fare del bene e regalarsi delle fiabe davvero particolari!

    ha scritto il 

  • 5

    Deliziosa raccolta di fiabe buone per far appisolare 1) leoni di ogni genere; 2) gatti insonni (mai incontrato uno, ma nel caso...); 3) bambini recalcitranti.
    E per tenere sveglio il narratore o la na ...continua

    Deliziosa raccolta di fiabe buone per far appisolare 1) leoni di ogni genere; 2) gatti insonni (mai incontrato uno, ma nel caso...); 3) bambini recalcitranti.
    E per tenere sveglio il narratore o la narratrice, sia per le fiabe in sè che per le magnifiche illustrazioni che le accompagnano.
    Menzione di merito, infatti, anche alla cura grafica che è stata riservata al volume: i piccoli disegni introduttivi sono sempre azzeccati, e le illustrazioni a doppia pagina veramente d'effetto.

    ha scritto il 

  • 5

    Dieci fiabe famose riviste in chiave veneziana, una voce narrante ironica e divertente, delle filastrocche adorabili e dei disegni magici. Un libro che piacerà ai piccini ma anche ai grandi. E il tutt ...continua

    Dieci fiabe famose riviste in chiave veneziana, una voce narrante ironica e divertente, delle filastrocche adorabili e dei disegni magici. Un libro che piacerà ai piccini ma anche ai grandi. E il tutto per una buona causa, la lotta alla distrofia muscolare.
    Un progetto a cui sono fiera di aver dato un piccolo contributo.

    ha scritto il