Fiamma fredda

I Romanzi neri del Giallo Mondadori n. 1

Di

Editore: Arnoldo Mondadori

3.7
(557)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 215 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: A000013770 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Giancarlo Carlotti

Disponibile anche come: Altri

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Fiamma fredda?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    UNO SBANDATO TRA I FREAK

    Che Bill Roberts non sia uno proprio normale lo si capisce subito dal fatto che vive in casa con la madre morta e in decomposizione per incassarne la pensione, un po’ come Norman Bates di “Psyco”, un ...continua

    Che Bill Roberts non sia uno proprio normale lo si capisce subito dal fatto che vive in casa con la madre morta e in decomposizione per incassarne la pensione, un po’ come Norman Bates di “Psyco”, un po’ come “Anna” nel romanzo di Ammaniti.
    Per raccattare qualche soldo, decide di rapinare una bancarella di fuochi artificiali assieme ad altri balordi, ma le cose vanno decisamente male e si trova a fuggire nella paludi (ambientazione ricorrente in Lansdale, basti pensare a “In fondo alla palude”), dove incontra uno strano circo di mostri, e sembra di essere proiettati nel vecchio film “Freaks” del 1932, con una donna barbuta, un uomo-cane, nani, microcefali e macrocefali e altre stranezze, tra cui un misterioso uomo surgelato.Creature assai più sfortunate degli strani fanciulli de "La casa per bambini speciali di Miss Peregrine" di Ramson Riggs.
    Bill viene accolto nella comitiva da un “vecchio”, che non sembra un mostro, ma è in realtà il superstite di un parto siamese trigemino e conserva ancora la mano di uno dei fratelli che gli spunta avvizzita dal petto.
    Bill s’innamora della sua bella e capricciosa moglie, ficcandosi in una nuova serie di guai.
    Questa è la trama di “Freddo nell’anima”, un romanzo del grande Joe R. Lansdale che come al suo solito scorre con forte e crudo realismo, di avventura in avventura, senza annoiare mai, in una scrittura diretta e visiva, che non ha neppure un paragrafo inutile.
    Il mondo che descrive è quello di un’umanità alla deriva, dove la deformità fisica è, in fondo minore di quella psichica e dove proprio chi all’apparenza sembra più normale è il vero mostro.
    Come ne “La foresta” o in “Cielo di sabbia” tutte le avventure partono da un disastro familiare (qui la morte della madre) che scatena gli eventi.
    Siamo sempre nella rozza e violenta provincia americana di “In fondo alla palude”, “Acqua buia”, “La foresta”, “Cielo di sabbia” e persino dei surreali “La notte del Drive-in” e “Deadman’s road”, come nei romanzi del suo conterraneo McCarthy, ma, rispetto a questo autore, i toni di Lansdale sono più surreali e quasi grotteschi, ma non per questo meno gelidi e lasciano sempre un po’ di “Freddo nell’anima”.

    ha scritto il 

  • 4

    Bill Roberts (Incipit)

    "Bill Roberts decise di rapinare la bancarella dei fuochi artificiali, dato che non aveva lavoro, era al verde e sua madre era morta e liofilizzata in camera da letto."

    ha scritto il 

  • 4

    Come è freddo l’inverno per coloro che non hanno ricordi caldi

    Ammettiamolo.
    In tempi di crisi economica e sociale un povero cristo senza voglia di lavorare non dispone di una gran quantità di sistemi per sopravvivere. Convivere ad oltranza con la madre per sfrut ...continua

    Ammettiamolo.
    In tempi di crisi economica e sociale un povero cristo senza voglia di lavorare non dispone di una gran quantità di sistemi per sopravvivere. Convivere ad oltranza con la madre per sfruttarne la casa e l’assegno della pensione diventa una scelta quasi obbligata.
    L’unico fastidioso problema è che mammina è morta da mesi, e il cadavere comincia a puzzare un po’ troppo, nonostante il grande uso di deodoranti vari. Prima o poi qualcuno inizierà a fare domande, e dare risposte sensate sarebbe arduo.
    Urge andarsene, e cercare nuove fonti di sostentamento.
    Per uno strano scherzo del destino viene accolto in una carovana di freaks. Ma la sfiga l’ha preso di mira e lo marca stretto.

    Stanotte Joe m’ha presentato Bill, e abbiamo viaggiato insieme lungo le strade del Texas, mettendo a confronto due realtà: i mostri da baraccone del circo, con le loro deformità fisiche, e la cosiddetta gente normale, quella che paga per entrare a guardarli, o che per soldi è disposta a qualunque crudeltà.
    Chi è il più mostruoso, in questa storia?

    Alla fine del lungo e piacevole viaggio ho salutato e abbracciato Joe, ma ora sento un gran freddo nell’anima, come da titolo.
    E mi si sono gelati anche i piedi, forse dovrei mettere un paio di calzini più pesanti, quando rimango alzata a leggere di notte.

    Una donna come quella, come Eva, come Gidget, ti convinceva ad appiccare un incendio doloso alla casa dei tuoi vecchi e prendere a badilate eventuali superstiti mentre scappavano fuori. Una donna come quella non doveva sudare molto per convincere un tipo a fregare una mela.

    ☆☆☆☆ dentro il forno

    ha scritto il 

  • 4

    Freak's tale

    Chi è il "mostro"? Questa è la domanda che ogni lettore si potrebbe porre durante la lettura di questo libro. Pulp, cattivo e dissacrante lo si potrebbe definire. Anche se la trama non è tra le più o ...continua

    Chi è il "mostro"? Questa è la domanda che ogni lettore si potrebbe porre durante la lettura di questo libro. Pulp, cattivo e dissacrante lo si potrebbe definire. Anche se la trama non è tra le più originali, Lansdale riesce a renderla piacevole trasponendola in un microcosmo che, definire peculiare, appare un delicato eufemismo.

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Bill Roberts decise di rapinare la bancarella dei fuochi d’artificio, dato che non aveva lavoro, era la verde e sua madre era morta e liofilizzata in camera da letto.....

    http://www.incipitmania.com/i ...continua

    Bill Roberts decise di rapinare la bancarella dei fuochi d’artificio, dato che non aveva lavoro, era la verde e sua madre era morta e liofilizzata in camera da letto.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/f/freddo-nellanima-o-fiamma-fredda-joe-r-lansdale/

    ha scritto il 

  • 2

    Mi dispiace davvero perché sono un grande fan di Joe, però a questo libro non si possono dare più di due stelline. Sembra una cosa scritta a tempo perso approfittando di ritagli di altri libri in lavo ...continua

    Mi dispiace davvero perché sono un grande fan di Joe, però a questo libro non si possono dare più di due stelline. Sembra una cosa scritta a tempo perso approfittando di ritagli di altri libri in lavorazione. Di per sé la storia potrebbe anche andare ma quando arrivi alla fine non ti resta in mano granché e la morale da sola non basta. Insomma, questo libro non aggiunge e non toglie nulla alla bravura di Joe, per me fa solo numero.

    http://ilpescastorie.blogspot.it/

    ha scritto il 

  • 3

    Il solito Lansdale, questa volta con qualcosa in meno. Per lunghi tratti la storia, che era iniziata in modo scoppiettante, fa fatica. Certo i personaggi sono sempre esilaranti e la rapina iniziale è ...continua

    Il solito Lansdale, questa volta con qualcosa in meno. Per lunghi tratti la storia, che era iniziata in modo scoppiettante, fa fatica. Certo i personaggi sono sempre esilaranti e la rapina iniziale è semplicemente fantastica.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Diverso a chi????

    E' il mio primo libro di Lansdale e sicuramente nelle prime pagine, se come me non lo si conosce, si nota la volgarità gratuita, quella che non serve a molto se non a rendere più marcia, cattiva e noi ...continua

    E' il mio primo libro di Lansdale e sicuramente nelle prime pagine, se come me non lo si conosce, si nota la volgarità gratuita, quella che non serve a molto se non a rendere più marcia, cattiva e noir la storia già di suo non molto felice.
    Il fatto è che non mi è ancora chiaro se poi ci si abitua o se ne trova meno andando avanti con le pagine.

    Sicuramente un finale attendibile.
    Quella Gidget ha ben capito che c'è solo una cosa che tira più di un carro di buoi......
    Il succo del discorso è chiaro, questo è un libro con la morale.
    Piacevole, ma pensavo meglio.

    ha scritto il 

Ordina per