Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Figlia del silenzio

Di

Editore: Mondolibri S.p.A.

3.7
(4883)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 412 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Spagnolo , Chi semplificata , Francese , Portoghese , Olandese , Svedese

Isbn-10: A000075797 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Luciana Crepax

Disponibile anche come: Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Health, Mind & Body

Ti piace Figlia del silenzio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lexington, 1964. Sulla città infuria una tempesta di neve. È notte quando Norah Henry avverte le prime doglie: è impossibile raggiungere l'ospedale e suo marito David decide di far nascere il bambino con l'aiuto di Caroline, la sua infermiera. Norah partorisce due gemelli: il maschio, nato per primo, è perfettamente sano, ma i tratti del viso della bambina rivelano immediatamente la sindrome di Down. Travolto dalla disperazione, David affida la piccola a Caroline, ordinandole di rinchiuderla in un istituto. A Norah, sedata dall'anestesia durante il parto, dice che la bambina è morta. Ma Caroline non può abbandonare la piccola Phoebe. Con un coraggio che non credeva di avere, fugge in un'altra città, determinata a prendersi cura della bambina e a conservare un segreto che solo lei e David conoscono. Un segreto che nel tempo si farà sempre più insopportabile e, come una piovra, allungherà i suoi tentacoli sulla vita di David e della sua famiglia: lui, ossessionato dal senso di colpa, ma incapace di affrontare la realtà, Norah, inconsolabile per la figlia che crede morta, e Paul, il fratellino di Phoebe, che cresce in una casa piena di dolore. Intanto Caroline vivrà con gioia l'inaspettata maternità ma dovrà affrontare anche molte difficoltà: Phoebe è vivace e sensibile ma i suoi problemi e i pregiudizi che la circondano costringeranno Caroline a combattere una dura battaglia contro il mondo. Fino al giorno in cui i destini delle due famiglie torneranno a incrociarsi.
Ordina per
  • 5

    大衛也許是為了不讓他的妻子洛拉感到難過,將雙胞胎中的唐氏症女兒默默送走,並對妻子宣稱她不幸夭折。然而這樣的愛,卻同樣讓他背負著沉重的罪惡感,他的家庭或許能在他的隱瞞之下看似幸福美滿,但大衛卻無法從自己卑劣的心態中得到寬恕,為了妻子好也許只是個藉口,他只是不願承認自己有一個唐氏症的孩子、一個智能不足的女兒。
    那位唐氏症女孩,在大衛當年診所裡的護士──卡洛琳的照顧之下,也相當於擁有一個美滿的家庭,或許唐氏症兒童並不聰明,但是他們終其一生就如同一個個天真無邪的天使一般,在知道被拋棄的實情之後,她並不責怪大衛,反而給予了微笑。我想就像卡洛琳責備大衛的話「你逃過了很多心痛,但你也錯過了 ...continua

    大衛也許是為了不讓他的妻子洛拉感到難過,將雙胞胎中的唐氏症女兒默默送走,並對妻子宣稱她不幸夭折。然而這樣的愛,卻同樣讓他背負著沉重的罪惡感,他的家庭或許能在他的隱瞞之下看似幸福美滿,但大衛卻無法從自己卑劣的心態中得到寬恕,為了妻子好也許只是個藉口,他只是不願承認自己有一個唐氏症的孩子、一個智能不足的女兒。
    那位唐氏症女孩,在大衛當年診所裡的護士──卡洛琳的照顧之下,也相當於擁有一個美滿的家庭,或許唐氏症兒童並不聰明,但是他們終其一生就如同一個個天真無邪的天使一般,在知道被拋棄的實情之後,她並不責怪大衛,反而給予了微笑。我想就像卡洛琳責備大衛的話「你逃過了很多心痛,但你也錯過了無數的喜樂」,只要不要逃避,事情真的不會糟到一切失常。

    ha scritto il 

  • 3

    Caso lampante in cui l'autrice ha avuto un'ottima idea e non ha saputo sfruttarla a pieno :(
    E' il 1964 e Norah partorisce due gemelli, di cui la femmina presenta la sindrome di down; David, il padre, decide senza nemmeno pensarci su un minuto di affidarla ad in istituto speciale per gente ...continua

    Caso lampante in cui l'autrice ha avuto un'ottima idea e non ha saputo sfruttarla a pieno :(
    E' il 1964 e Norah partorisce due gemelli, di cui la femmina presenta la sindrome di down; David, il padre, decide senza nemmeno pensarci su un minuto di affidarla ad in istituto speciale per gente ritardata affidandola all'infermiera presente, Caroline.. A Norah dirà semplicemente che la bambina è nata morta.
    Caroline compirà una scelta coraggiosissima e abbandonerà la sua vita per ricominciare da capo con la piccola Phoebe.
    L'opera è articolata su due piani paralleli: quello che segue Norah, David e Paul (il primogenito nato sano) e quello che invece segue Caroline e Phoebe. Quest'ultimo è quello più interessante e che ho letto con più piacere, però purtroppo è quello a cui viene dedicato (ingiustamente, secondo me) meno spazio narrativo: mi sarebbe piaciuto approfondire il discorso di cosa abbia voluto dire crescere un figlio Down negli anni '70/'80.. Ad esempio ho trovato davvero interessante la lotta chw Caroline affronta per far frequentare a Phoebe la scuola pubblica: le viene detto che i 'ritardati mentali' rallenterebbero troppo i bambini 'normali', mettendogli il bastone tra le ruote e che dunque si sprecherebbero le già poche risorse finanziare per la scuola.. Agghiacciante, mamma mia!
    I discorsi della diversità, delle lotte combattute e della vita stessa con una ragazza con la sindrome di Down sono trattati solo di striscio e lasciano il lettore insoddisfatto, anche perché viene dato ampio spazio alla famiglia Henry: Norah sorda di dolore per la perdita della bambina e di quello che "avrebbe potuto essere se fosse ancora viva", David che proprio non capisce perché Norah non sia più la Norah che ha conosciuto e Paul, che vede disfare la propria famiglia senza riuscire a capirne il motivo.
    Chi più chi meno sono riusciti a farmi una gran antipatia: aridi, egoisti, convinti di essere gli unici esseri sulla terra a soffrire (e non come famiglia: proprio come individui!), di aver diritto a tutto e soprattutto incapaci di comunicare.
    Una famiglia altamente disfunzionale che non è capace di perdonare l'altro, nonostante essi stessi commettano tanti errori.. Terribile :(
    I fatti si susseguono a volte senza un filo logico, alcune cose sono date per scontate e buttate lì e soprattutto c'è un senso di "Adesso si redimono" che poi viene puntualmente disatteso: giuro che per tutto il romanzo ho aspettato una sorta di rivincita e di ammenda, ma zero!
    Oltre a ciò.. Io David l'ho proprio detestato.. Mi ha fatto venire i nervi a fior di pelle!!!

    Non mi sento di sconsigliarvelo, ci sono alcuni punti molto belli e poi apre un po' gli occhi sulla situazione dei bambini down quando ancora li si considerava individui 'inferiori'.. Peccato che l'autrice abbia voluto concentrarsi sugli effetti psicologici di cosa voglia dire perdere un figlio alla nascita (non riuscendoci però, secondo me, al cento per cento).

    ha scritto il 

  • 3

    E se..?

    "Chissà cosa sarebbe successo se avessimo preso questa decisione invece che un'altra?": a chi di noi non è mai capitato di pensarlo? Qui il protagonista fa una decisione che gli sconvolgerà la vita, gliela devasterà e dovrà convivere con il peso di questa decisione per sempre.

    ha scritto il 

  • 4

    Scritto bene e scorrevole trama interessante e anche se avevo già visto il film (purtroppo) non è stato pesante, anzi comunque l'ho letto volentieri...
    Brave le due protagoniste ad affrontare le proprie difficoltà separatamente e poi........

    ha scritto il 

Ordina per