Figlia del silenzio

Di

Editore: Mondolibri S.p.A.

3.7
(4942)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 412 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Spagnolo , Chi semplificata , Francese , Portoghese , Olandese , Svedese

Isbn-10: A000075797 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Luciana Crepax

Disponibile anche come: Altri

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Salute, Mente e Corpo

Ti piace Figlia del silenzio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lexington, 1964. Sulla città infuria una tempesta di neve. È notte quando Norah Henry avverte le prime doglie: è impossibile raggiungere l'ospedale e suo marito David decide di far nascere il bambino con l'aiuto di Caroline, la sua infermiera. Norah partorisce due gemelli: il maschio, nato per primo, è perfettamente sano, ma i tratti del viso della bambina rivelano immediatamente la sindrome di Down. Travolto dalla disperazione, David affida la piccola a Caroline, ordinandole di rinchiuderla in un istituto. A Norah, sedata dall'anestesia durante il parto, dice che la bambina è morta. Ma Caroline non può abbandonare la piccola Phoebe. Con un coraggio che non credeva di avere, fugge in un'altra città, determinata a prendersi cura della bambina e a conservare un segreto che solo lei e David conoscono. Un segreto che nel tempo si farà sempre più insopportabile e, come una piovra, allungherà i suoi tentacoli sulla vita di David e della sua famiglia: lui, ossessionato dal senso di colpa, ma incapace di affrontare la realtà, Norah, inconsolabile per la figlia che crede morta, e Paul, il fratellino di Phoebe, che cresce in una casa piena di dolore. Intanto Caroline vivrà con gioia l'inaspettata maternità ma dovrà affrontare anche molte difficoltà: Phoebe è vivace e sensibile ma i suoi problemi e i pregiudizi che la circondano costringeranno Caroline a combattere una dura battaglia contro il mondo. Fino al giorno in cui i destini delle due famiglie torneranno a incrociarsi.
Ordina per
  • 3

    La storia di come un novello padre decide di rovinare la vita a sé stesso e alla sua famiglia in un momento di panico e disperazione. Una storia molto interessante e scorrevole nonostante le numerose ...continua

    La storia di come un novello padre decide di rovinare la vita a sé stesso e alla sua famiglia in un momento di panico e disperazione. Una storia molto interessante e scorrevole nonostante le numerose pagine.

    ha scritto il 

  • 4

    Sliding doors ....

    Come una decisione in un istante può stravolgere una vita intera di tante persone... Un uomo che vittima del proprio passato prende una decisione apparentemente per lui giusta in quell momento, a tute ...continua

    Come una decisione in un istante può stravolgere una vita intera di tante persone... Un uomo che vittima del proprio passato prende una decisione apparentemente per lui giusta in quell momento, a tutela del benessere della moglie e del figlio, ma che si rivelerà la causa di una vita triste ed infelice di cose non dette di rimorsi di insoddisfazioni che porteranno I tre componenti della famiglia ad isolarsi l'uno dall'altro ... senza conoscerne la ragione che salterà fuori solo quando ormai sarà troppo tardi per recuperare rapporti oramai deteriorati.
    Una donna come tante invece, Caroline, anche abbastanza insoddisfatta della sua vita anonima, diventa l'eroina a mio avviso di questa storia. In un periodo dove la sindrome di down non era un argomento discusso a cui non veniva data l'importanza che grazie a Dio oggi inveca riveste ... la forza del progresso .... questa donne non solo si prende cura di una figlia non sua affetta dalla sindrome di down, ma combatte per la sua integrazione a scuola e nella società, cosa impensabile a quei tempi. Un ottimo libro che offre moltecipli spunti di riflessione. Se fossi un'insegnante lo farei leggere ai ragazzi e lo discuterei in classe.

    ha scritto il 

  • 5

    The Memory Keeper's Daughter
    Kim Edwards

    David was filled with the old, sure sense that the snowy night when he had handed his daughter Phoebe to Caroline Gill would not pass without consequence. Life ...continua

    The Memory Keeper's Daughter
    Kim Edwards

    David was filled with the old, sure sense that the snowy night when he had handed his daughter Phoebe to Caroline Gill would not pass without consequence. Life had gone on, it was full and rich; he was, in all visible ways, a success. And yet at odd moments—in the middle of surgery, driving into town, on the very edge of sleep—he'd start suddenly, stricken with guilt. He had given his daughter away. She had Down's syndrome, which meant she was retarded. So he gave her away. He never told anyone. It was 1964.
    This secret stood in the middle of his family: they believed Phoebe was dead at the birth and this false truth shaped their lives together. He knew it, he saw it, visible to him as a rock wall grown up between them. And he saw his wife Norah and his son Paul reaching out and striking rock and not understanding what was happening, only that something stood between them that could not be seen or broken.
    David thought of his sister June; a deep sense of loss rose up in him, so forceful, woven of so many memories: June's voice and Paul slamming the door shut behind him, and Norah's clothes scattered on the beach. His newborn daughter, released into Caroline Gill's waiting hands.
    Too much. Too much. David often thought that his own life—the difficult choices he had made—would be justified if Paul would only realize his potential, and he lived with the constant, nagging fear that he'd failed his son somehow; that Paul would throw his gifts away.
    This is what he knew that Paul didn't: the world was precarious and sometimes cruel. He'd had to fight hard to achieve what Paul simply took for granted. His parents had hard lives. They didn't have money. Sometimes they didn't know if they were going to have food to eat. It pained his father, who was a hard-working man. And it pained his mother, because they couldn't get much help for his sister June. When he was about his son's age, he got a job so he could go to high school in town.
    And then June died, and he made a promise to himself. "I was going to go out and fix the world." But however hard he worked to make Paul's life smooth and easy, the fact remained that David had built that life on a lie. He had tried to protect his son from the things he himself had suffered as a child: poverty and worry and grief. Yet his very efforts had created losses David never anticipated. The lie had grown up between them like a rock, forcing them to grow oddly too, like trees twisting around a boulder.
    How hard he had worked to make things good for them all, to make things right, and yet somehow it had always been so difficult, for all of them, as if they were swimming the shallow sea that once had covered all this land.
    He had caused Norah pain; his deception had made her suffer in ways he had never imagined or intended. And then Paul's music moved through him in waves.
    "I like music," Paul said, "Music is like you touch the pulse of the world. Music is always happening, and sometimes you get to touch it for a while, and when you do you know that everything's connected to everything else."
    David had wanted to connect with Paul, to have a moment when they understood each other. He considered what he'd said to Paul—that the world was made of hidden things, of secrets; built of bones that never saw the light. It was true that he'd once sought unity, as if the underlying correspondences between tulips and lungs, veins and trees, flesh and earth, might reveal a pattern he could understand. But they had not. He'd kept this silence because his own secrets were darker, more hidden, and because he believed that his secrets had created those of her wife.
    "Photography is all about secrets," David said, "The secrets we all have and will never tell." There was not only one photo in a negative, there were multitudes. A moment was not a single moment at all, but rather an infinite number of different moments, depending on who was seeing things and how: "Dunes at Dusk," "A Tree in the Heart."
    David tried so hard to catch each moment, pin it in place, make it last, but when the images emerged in the dark ¬ room they were already altered. Hours, days had passed by then; he had become a slightly different person. Yet he had wanted so much to catch the fluttering veil, to capture the world even as it disappeared, once and again and then again.
    He saw he'd been caught, frozen for all these years in that moment when he handed Caroline his daughter. His life turned around that single action: a newborn child in his arms—and then he reached out to give her away. It was as if he'd taken pictures all these years since to try and give another moment similar substance, equal weight. He'd wanted to try and still the rushing world, the flow of events, but of course that had been impossible.
    He thought of Norah, who had become a self-sufficient and powerful woman, She'd had more than one affair over the years, he knew that, and her secrets, like his own, had grown up into a wall between them.
    She complained that he was becoming obsessed with photography, but Norah was wrong about the rest. He didn't use the camera to escape the world, but to find who was this child of his flesh, the girl he had given away in the world? He had not expected that she would live this long, or that she would have the sort of life Caroline wrote him about.
    Phoebe, her struggling to learn to shape letters, to tie her shoes. Phoebe, playing happily in the backyard while Caroline made phone call after phone call, fighting for her education. Phoebe, putting her soft arms around Caroline's neck for no reason at all and saying, I love you, Mom.
    Because love is the main thread of the novel, everything that is made is made with love and at the end love triumphs.

    ha scritto il 

  • 5

    蠻悲傷的故事,但結局還蠻溫馨的。
    一個存在父親內心的秘密,竟造成家庭分子中無法橫跨的一道牆。當年只為了童年時造成父母傷痛的過往,就做出自己無法原諒的錯事,這在往後人生中,一直帶著懺悔的心情贖罪,更毀壞了自己的家庭。
    一句謊言,就需要更多的謊言來隱瞞。無法面對就選擇逃避,以為藉由攝影就可以將罪惡感寄託於此,反而讓自己更痛苦。這個世上,下一秒會怎樣,我想連自己都不知道吧!面對事實,才有勇氣面對往後的人 ...continua

    蠻悲傷的故事,但結局還蠻溫馨的。
    一個存在父親內心的秘密,竟造成家庭分子中無法橫跨的一道牆。當年只為了童年時造成父母傷痛的過往,就做出自己無法原諒的錯事,這在往後人生中,一直帶著懺悔的心情贖罪,更毀壞了自己的家庭。
    一句謊言,就需要更多的謊言來隱瞞。無法面對就選擇逃避,以為藉由攝影就可以將罪惡感寄託於此,反而讓自己更痛苦。這個世上,下一秒會怎樣,我想連自己都不知道吧!面對事實,才有勇氣面對往後的人生。就如書中的護士,帶走了患有唐氏症的女兒後,也漸漸找到人生的真諦,也找到自己的歸屬。失去與贖罪,一直存在父親的一生中,我想珍惜自己身邊的一切,勇於面對自己的人生,才能擁有不虛此行的人生吧!

    ha scritto il 

  • 5

    大衛也許是為了不讓他的妻子洛拉感到難過,將雙胞胎中的唐氏症女兒默默送走,並對妻子宣稱她不幸夭折。然而這樣的愛,卻同樣讓他背負著沉重的罪惡感,他的家庭或許能在他的隱瞞之下看似幸福美滿,但大衛卻無法從自己卑劣的心態中得到寬恕,為了妻子好也許只是個藉口,他只是不願承認自己有一個唐氏症的孩子、一個智能不足的女兒。
    那位唐氏症女孩,在大衛當年診所裡的護士──卡洛琳的照顧之下,也相當於擁有一個美滿的家庭,或許 ...continua

    大衛也許是為了不讓他的妻子洛拉感到難過,將雙胞胎中的唐氏症女兒默默送走,並對妻子宣稱她不幸夭折。然而這樣的愛,卻同樣讓他背負著沉重的罪惡感,他的家庭或許能在他的隱瞞之下看似幸福美滿,但大衛卻無法從自己卑劣的心態中得到寬恕,為了妻子好也許只是個藉口,他只是不願承認自己有一個唐氏症的孩子、一個智能不足的女兒。
    那位唐氏症女孩,在大衛當年診所裡的護士──卡洛琳的照顧之下,也相當於擁有一個美滿的家庭,或許唐氏症兒童並不聰明,但是他們終其一生就如同一個個天真無邪的天使一般,在知道被拋棄的實情之後,她並不責怪大衛,反而給予了微笑。我想就像卡洛琳責備大衛的話「你逃過了很多心痛,但你也錯過了無數的喜樂」,只要不要逃避,事情真的不會糟到一切失常。

    ha scritto il 

  • 3

    Caso lampante in cui l'autrice ha avuto un'ottima idea e non ha saputo sfruttarla a pieno :(
    E' il 1964 e Norah partorisce due gemelli, di cui la femmina presenta la sindrome di down; David, il padre, ...continua

    Caso lampante in cui l'autrice ha avuto un'ottima idea e non ha saputo sfruttarla a pieno :(
    E' il 1964 e Norah partorisce due gemelli, di cui la femmina presenta la sindrome di down; David, il padre, decide senza nemmeno pensarci su un minuto di affidarla ad in istituto speciale per gente ritardata affidandola all'infermiera presente, Caroline.. A Norah dirà semplicemente che la bambina è nata morta.
    Caroline compirà una scelta coraggiosissima e abbandonerà la sua vita per ricominciare da capo con la piccola Phoebe.
    L'opera è articolata su due piani paralleli: quello che segue Norah, David e Paul (il primogenito nato sano) e quello che invece segue Caroline e Phoebe. Quest'ultimo è quello più interessante e che ho letto con più piacere, però purtroppo è quello a cui viene dedicato (ingiustamente, secondo me) meno spazio narrativo: mi sarebbe piaciuto approfondire il discorso di cosa abbia voluto dire crescere un figlio Down negli anni '70/'80.. Ad esempio ho trovato davvero interessante la lotta chw Caroline affronta per far frequentare a Phoebe la scuola pubblica: le viene detto che i 'ritardati mentali' rallenterebbero troppo i bambini 'normali', mettendogli il bastone tra le ruote e che dunque si sprecherebbero le già poche risorse finanziare per la scuola.. Agghiacciante, mamma mia!
    I discorsi della diversità, delle lotte combattute e della vita stessa con una ragazza con la sindrome di Down sono trattati solo di striscio e lasciano il lettore insoddisfatto, anche perché viene dato ampio spazio alla famiglia Henry: Norah sorda di dolore per la perdita della bambina e di quello che "avrebbe potuto essere se fosse ancora viva", David che proprio non capisce perché Norah non sia più la Norah che ha conosciuto e Paul, che vede disfare la propria famiglia senza riuscire a capirne il motivo.
    Chi più chi meno sono riusciti a farmi una gran antipatia: aridi, egoisti, convinti di essere gli unici esseri sulla terra a soffrire (e non come famiglia: proprio come individui!), di aver diritto a tutto e soprattutto incapaci di comunicare.
    Una famiglia altamente disfunzionale che non è capace di perdonare l'altro, nonostante essi stessi commettano tanti errori.. Terribile :(
    I fatti si susseguono a volte senza un filo logico, alcune cose sono date per scontate e buttate lì e soprattutto c'è un senso di "Adesso si redimono" che poi viene puntualmente disatteso: giuro che per tutto il romanzo ho aspettato una sorta di rivincita e di ammenda, ma zero!
    Oltre a ciò.. Io David l'ho proprio detestato.. Mi ha fatto venire i nervi a fior di pelle!!!

    Non mi sento di sconsigliarvelo, ci sono alcuni punti molto belli e poi apre un po' gli occhi sulla situazione dei bambini down quando ancora li si considerava individui 'inferiori'.. Peccato che l'autrice abbia voluto concentrarsi sugli effetti psicologici di cosa voglia dire perdere un figlio alla nascita (non riuscendoci però, secondo me, al cento per cento).

    ha scritto il 

  • 3

    E se..?

    "Chissà cosa sarebbe successo se avessimo preso questa decisione invece che un'altra?": a chi di noi non è mai capitato di pensarlo? Qui il protagonista fa una decisione che gli sconvolgerà la vita, g ...continua

    "Chissà cosa sarebbe successo se avessimo preso questa decisione invece che un'altra?": a chi di noi non è mai capitato di pensarlo? Qui il protagonista fa una decisione che gli sconvolgerà la vita, gliela devasterà e dovrà convivere con il peso di questa decisione per sempre.

    ha scritto il 

Ordina per