Filosofare con la katana

Nietzsche reboot

Di

Editore: Villaggio Maori (Ellissi)

0.0
(0)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 90 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8898119801 | Isbn-13: 9788898119806 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Postfazione: Cateno Tempio

Ti piace Filosofare con la katana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il filosofo danza vibrando una Katana: guerriero e ballerino, questo libro si muove sul filo della lama che taglia e su quello da sutura che ricuce. Sebbene a tratti divertente e divertito, è una riscrittura funambolica e sferzante del Crepuscolo degli idoli di Nietzsche; è un manualetto di stilistica filosofica; è un trattato bellico per il campo di battaglia del pensiero. Il passo è aforismatico, ma il respiro ampio. L’incedere mai stanco della scrittura diretta e incisiva attraversa quasi d’un balzo la morale, la cultura, l’educazione, l’esistenza, per mostrarci la dimensione più propria del pensiero filosofico, sempre pronto a rimettere tutto in discussione e a lottare con armonia e grazia, per infine pensare, scrivere, vivere con stile, felicemente ridendo e danzando.
Ordina per
  • 0

    recensioni dalla rete

    La filosofia, le arti marziali, Topolino che da ribelle arriva ad essere un borghese, l'adolescenza raccontata da Geda, i libri di fantascienza e i fumetti della Marvel, il corpo nella filosofia, maes ...continua

    La filosofia, le arti marziali, Topolino che da ribelle arriva ad essere un borghese, l'adolescenza raccontata da Geda, i libri di fantascienza e i fumetti della Marvel, il corpo nella filosofia, maestri e le differenze con gli insegnanti, canti di guerra e katane affilate, idoli, rettitudine, Deleuze, l'intellettuale, la sfrontatezza, Tarantino, il corpo, il crepuscolo degli idoli, la morale dell'addestramento, l'identità colpevole, Lacan, Rousseau, il Batman di Nolan, gli zombi. Piccolo capolavoro che mostra e non spiega.
    (M. Cristina N.)

    ha scritto il