Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Finalmente sei qui

Di

Editore: La Corte

4.2
(10)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8896325137 | Isbn-13: 9788896325131 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Finalmente sei qui?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il tempo in amore è tutto. È la durata di un bacio, di una litigata, di un'emozione improvvisa. È il momento giusto anche nel posto sbagliato, è l'attesa che precede l'incontro. Lo sa Marco, che nella vita e con le donne non ha mai avuto tempismo; lo sa Giulia, che ha il ritmo nel sangue ma che all'improvviso perde tutto; lo sa Edoardo, che con un anello in mano sta per fare la proposta che potrebbe legarlo per sempre a Bianca. E poi lo sanno Gabry, Matilde, Noemi, Tiziano, Carlo, Leonardo, personaggi veri e sfaccettati che, sullo sfondo una Torino più viva che mai, non potranno più permettersi il lusso di temporeggiare, che dovranno mettersi completamente in gioco e che, vivendo una storia adrenalinica, emozionante e piena di colpi di scena, dovranno imparare che, come per magia, ogni istante è buono per stravolgere e rivoluzionare la propria esistenza.
Ordina per
  • 4

    Allora. Sono partita con aspettative molto alte per questo libro perché l'ho comprato al salone del libro (yee) e perché ho la copia autografata direttamente dall'autore (yee yee) ma. Ma ammetto che s ...continua

    Allora. Sono partita con aspettative molto alte per questo libro perché l'ho comprato al salone del libro (yee) e perché ho la copia autografata direttamente dall'autore (yee yee) ma. Ma ammetto che sono state soddisfatte, dai. Inizialmente, a scatola chiusa, quando mi è stata spiegata la trama ho pensato: oddio, io i libri che cambiano punto di vista li odio. Poi invece ho iniziato a leggere, e quel cambio di punti di vista non è così veritiero, nel senso che da un capitolo all'altro la storia continua. Non si racconta sempre la stessa cosa, ma si raccontano tanti piccoli episodi. E all'inizio, al secondo capitolo sei lì e pensi se l'autore ha bevuto, perché molla lì i personaggi come se fosse finito il racconto. Poi invece vai avanti, e la storia prende forma, e vedi quel filo sottilissimo che unisce i personaggi tra loro e ti si accende una lampadina e allora sei felice, perché adesso ha tutto senso. E a me le cose che hanno un filo logico piacciono.
    Comunque.
    A un certo punto la trama diventa un tantino surreale, ma ci può stare. E i colpi di scena sono uno dopo l'altro, sempre al momento giusto, quando stai per perdere le speranze. E ti tirano su che manco un paracadute fa un lavoro simile. E ti agiti, e poi ti tranquillizzi, e sorridi.
    Ho trovato un po' troppo marcata l'ambientazione, ma d'altronde lo dice anche Gianni: ama Torino in modo viscerale. Sarà che non è la mia città e quindi ho trovato poca empatia, però ci sta.
    E i personaggi stranamente nonostante non fossero stra-caratterizzati si fanno amare tutti. Che quando finisci di leggere un capitolo sei in pena per il modo in cui li hai lasciati, e speri che vada tutto per il meglio. Che quando leggi cosa succede sorridi, poi ti emozioni, poi ti immedesimi in modo tale da non sapere più nemmeno dove sei.
    E in due giorni lo finisci.
    E ti senti un pochino più sola quando finisce, perché ormai eri entrata a tal punto in quel mondo che è come se ti avessero strappato via il tuo sogno.
    Lo consiglio, soprattutto a chi crede ancora nell'amore.

    Ci sono amori che sono così. Anche se non si sono mai consumati, diventano il motore stesso della nostra vita. Il centro del mondo. E quando lo smarriamo e perdiamo definitivamente la speranza di farli diventare reali, creano un senso di totale annaspamento, di vuoto improvviso.

    La fiducia è una delicata bolla di sapone. Basta un nulla per farla esplodere.

    Forse stava lì il segreto dell'amore. Vivere ogni emozione come se non si avesse più tempo per viverne altre. Perché è l'unicità a rendere speciale un momento. Il sapere che è ora o mai più.

    ha scritto il 

  • 4

    Da www.sognipensieriparole.com

    “Finalmente sei qui” l’ultima produzione letteraria di Gianni La Corte pubblicata da La Corte Editore, è davvero particolare e coinvolgente.

    E’ una storia ricca di sent ...continua

    Da www.sognipensieriparole.com

    “Finalmente sei qui” l’ultima produzione letteraria di Gianni La Corte pubblicata da La Corte Editore, è davvero particolare e coinvolgente.

    E’ una storia ricca di sentimenti, dall’amore passionale a quello più innocente, dall’amore familiare all’amicizia, dove i personaggi sono i soggetti di vicende che in un primo momento sembrano essere scollegate tra loro, ma che poi si riuniscono in un’unica storia complessa.
    Interessante espediente narrativo utilizzato dall’autore, al fine, forse,di catturare l’attenzione dei lettori: non si fa in tempo a chiedersi dove stia il senso di tutti quegli episodi sconnessi, che subito, poco a poco, gli avvenimenti iniziano a legarsi l’un l’altro e a trovare una generale giustificazione.

    Le vite e le avventure dei protagonisti si sviluppano principalmente in tre luoghi diversi: Torino, Bologna e Parigi, ma è la prima città quella che assume connotazioni più intense e ricche di significato. E’ il luogo che non solo fa da sfondo agli avvenimenti, ma sembra viverli attivamente rispecchiando le emozioni e gli stati d’animo dei personaggi.

    Il protagonista principale della storia è Marco, un uomo introverso e riservato, succube della propria esistenza, ma la cui vita ad un certo punto prende una piega del tutto diversa ed inaspettata da tutti i punti di vista. Da celebre frana in materia di donne, si ritrova a vivere un’intensa ed inaspettata storia d’amore con una tra le più celebri e belle attrici contemporanee. Dopo una vita passata a studiare le tattiche di approccio verso l’altro sesso, realizza che i risultati migliori si ottengono semplicemente essendo sé stessi.

    E l’amore non è vissuto solo da Marco, ma anche dagli altri protagonisti, che sperimentano, in modo l’un l’altro diverso, questo sentimento.
    Ad esempio Edoardo, che sta per fare una proposta di matrimonio a Bianca; Gabry, Matilde, Noemi, Tiziano, Carlo, Leonardo, personaggi che in modo diverso sono posti davanti a delle scelte dettate anche dallo scorrere del tempo: spesso la realtà non è come sembra.

    “Le stelle sono strane. Ti illudono di essere lì, ti fanno credere di essere eterne e poi ad un certo punto cadono, lasciandoti giusto un desiderio in loro ricordo. Anche le storie d’amore a volte funzionano così.”

    Gianni La Corte, con il suo nuovo romanzo, ci offre uno spaccato della realtà moderna, in cui possiamo trovare un tratto comune a tutti gli avvenimenti: l’incertezza del futuro delle generazioni, della gente comune, che vive oggi in un modo, domani nell’altro.
    Il principale tema del romanzo è l’amore, ma sullo sfondo sono varie le tematiche trattate: quella della diversità, esemplificata dal caso di Gabry, cresciuto in una famiglia composta da due uomini; quella della precarietà del lavoro, tema molto moderno e attuale; quella della magia bianca e dell’ipnosi, grandi passioni che Marco eredita dai suoi genitori; quella del tradimento e della difficoltà del tenere unita una famiglia anche quando vi sono delle avversità o degli imprevisti da affrontare e che vanno a ledere la routine ed il quieto vivere.

    Insomma, un libro che porta con sé diversi significati ed avvenimenti inaspettati e che lo rendono interessante soprattutto a partire dalla seconda metà!
    Buona lettura!

    ha scritto il 

  • 5

    Cosa dicono i lettori

    Ecco alcuni dei commenti lasciati al libro dai lettori. (Riscontrabili sulla nostra pagina Facebook o su quella dell'autore...)

    "Paul Sweeney disse che capisci di aver letto un buon libro, quando arri ...continua

    Ecco alcuni dei commenti lasciati al libro dai lettori. (Riscontrabili sulla nostra pagina Facebook o su quella dell'autore...)

    "Paul Sweeney disse che capisci di aver letto un buon libro, quando arrivato all'ultima pagina senti di aver perso un amico. ho da poco voltato l'ultima pagina del tuo libro e sento un senso di vuoto ora, sento di aver perso un amico che mi ha dato tanto. adoro sentire questa sensazione che ti da' leggere un buon libro, e il tuo mi è piaciuto molto"
    Simona

    "sto leggendo "finalmente sei qui" ed è stupendo..."
    Erika

    "Anche questa volta mi hai commossa.....e non poco!!!!!!
    Complimenti Gianni..."
    Silvia

    "Mi è piaciuto un sacco l'idea delle tante storie che sembrano separate ma poi capisci che sono tutte legate! fantastica...è bello che ci sia una cosa inaspettata quando ormai sei nella "routine" di un libro! ti fa tornare vigile e inizi a pensare "ah ma allora..."
    Complimenti per il il libro in generale ma la mia storia preferita è quella di Giulia sarà che mi piace molto il suo personaggio!"
    Elizabeth

    "Finale inaspettato....come sempre complimenti!!!!riesci sempre ad emozionare!!!! dieci e lode"
    Chiara

    "Sono una ragazza sedicenne che, andando in libreria, ha notato il tuo libro in bella vista sullo scaffale... Ho guardato la copertina, il titolo mi ispirava, poi l'ho girato e ho letto "o forse, semplicemente, l'amore è quella scommessa dove puoi vincere tutto o perdere ogni cosa, ma che non puoi proprio fare a meno di giocare".. Mi sono totalmente innamorata del tuo libro, del tuo modo di scrivere, delle tue parole. Ce l'ho da tre giorni e l'ho quasi finito, premetto che non sono una di quelle ragazze che leggono molto, anzi, ho letto davvero pochi libri perchè non amo leggere, ma il tuo è qualcosa di totalmente fantastico, mi sento partecipe del tuo libro! Complimenti davvero, ti seguirò in tutti i libri che scriverai"
    Serena

    "il libro è bellissimo!!"
    Cinzia

    "é stato scritto molto bene e a tratti facevo fatica a credere che l'avesse scritto un uomo! mi è piaciuta la trama e l'intrecciarsi della storia tra i vari personaggi che alla fine erano tutti concatenati,inoltre mi è piacuito che fosse ambientato a torino città che adoro e che ho visitato giusto la scorsa estate e quindi mi sembrava di camminare per le sue vie come fosse ieri!"
    Michela

    "mi è piaciuto molto"
    Sara

    ha scritto il 

  • 2

    Mi è stato regalato, ma lo regalerò sicuramente...forse ad una biblioteca... non è sicuramente un libro che intendo conservare.
    Scivola addosso come una doccia, appena fatta si desidera subito asciuga ...continua

    Mi è stato regalato, ma lo regalerò sicuramente...forse ad una biblioteca... non è sicuramente un libro che intendo conservare.
    Scivola addosso come una doccia, appena fatta si desidera subito asciugarsi!

    ha scritto il