Fine di un romanzo familiare

Voto medio di 21
| 5 contributi totali di cui 5 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Stufi
Ha scritto il 30/08/10

Pur essendo meno criptico della Muller, Nàdas utilizza una tecnica narrativa, quella del "flusso di coscienza", che lo rende di difficile lettura.

Nannerl
Ha scritto il 25/05/10

Flusso di coscienza infantile. Di comprensione non immediata, diciamo che diventa più chiaro dopo pagina 100. Interessante la storia degli ebrei e in generale i racconti del nonno.

Annarita
Ha scritto il 17/03/10

Abbandonato, non sono riuscita a stare dietro allo stile. Lo chiamano flusso di coscienza? Ci riproverò.

Idreno
Ha scritto il 06/01/10
Davvero duro da leggere. Un libro disorientante per il suo incedere caotico e allucinato, senza sbocchi sul futuro e che si ricompone solamente nei racconti del passato, nella ricostruzione della genealogia familiare fatta dal nonno al giovane nipote...Continua
Occhi di velluto
Ha scritto il 16/09/09
C’è un bambino nascosto tra i cespugli. Nessuno sa che lui è lì e osserva. Osserva la casa della signora che si toglie la vestaglia. Osserva la casa di Gábor ed Éva, i bambini con i quali ogni tanto gioca. Osserva. Fino a che la signora e i figli spa...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi