Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Finestra con le sbarre

Di

Editore: SE

3.8
(57)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 112 | Formato: Altri

Isbn-10: 8877105593 | Isbn-13: 9788877105592 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Amoroso F.

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Biography

Ti piace Finestra con le sbarre?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Pubblicato nel 1937, questo è un racconto che appartiene al genere storico. Tuttavia, nonostante la sua fedeltà alle fonti, propone nel finale una identificazione tra Ludwig e Tristano che illumina da una prospettiva inconsueta l'enigmatica figura del personaggio.
Ordina per
  • 4

    Conoscere Ludwig per capire la Germania

    Ludwig II di Baviera è un personaggio quasi mitologico, in particolare nel nostro paese dopo che Luchino Visconti realizzò nel 1972 un film che può senza dubbio essere considerato uno dei vertici asso ...continua

    Ludwig II di Baviera è un personaggio quasi mitologico, in particolare nel nostro paese dopo che Luchino Visconti realizzò nel 1972 un film che può senza dubbio essere considerato uno dei vertici assoluti della cinematografia italiana (e quindi mondiale).
    Alla costruzione del mito di Ludwig hanno contribuito e contribuiscono diversi fattori: la sua ascesa al trono appena ventenne, la sua bellezza apollinea (perlomeno in gioventù), il controverso rapporto con Wagner e l'amore per la sua musica e per l'arte in genere, l'amore sublimato per la cugina Sissi (altra figura dell'aristocrazia europea mitizzata dal cinema e dalla letteratura), la costruzione dei famosi castelli, la tragica e misteriosa fine.
    Anche se oggi è ormai un mito da turismo di massa e da paccottiglia acquistabile nei negozi di souvenir della Baviera, la sua figura, vero paradigma della contraddittorietà del potere e di come le esigenze di quest'ultimo necessitino di sacrificare chi non ne percorre i binari prestabiliti, emerge ancora prepotentemente dietro la patina disneyana che i mentori dei viaggi tutto compreso cercano di cucirgli addosso.
    Questo racconto di Klaus Mann, figlio di Thomas, scritto nel 1937, ci narra dei due ultimi giorni di vita del re deposto, dal suo arrivo – dopo essere stato arrestato – al castello di Berg presso Monaco, sino al ritrovamento del corpo nelle acque del vicino lago di Starnberg ed all'arrivo dell'afflitta imperatrice Elisabeth, che chinandosi su di lui quasi lo ricopre con la sua scura, lunga chioma. Quest'ultima scena, su cui si chiude il racconto, è talmente decadente e wagneriana da sembrare quasi una struggente parodia del gusto scenografico, dei paradigmi culturali che per tutta la vita caratterizzarono la personalità del re morto.
    Il racconto si schiera decisamente e sin dalle prime pagine per l'interpretazione più politica dell'arresto e della deposizione di Ludwig, in piena sintonia, in questo, con l'opera viscontiana. Del resto è ovvio che per la realizzazione del film il regista si sia affidato, tra le varie fonti, anche a questo bel racconto, a sua volta basato su fonti storiche di prima mano. Ludwig è sì un uomo sfatto, grasso e dai denti ormai ridotti a moncherini, è sì soggetto ad un'alternanza di momenti di esaltazione e di cupa depressione, ma non è pazzo, è pienamente consapevole di essere una vittima di quelli che chiama gli intrighi e della scienza asservita al potere, che lo ha condannato senza neppure visitarlo. La stessa scelta del titolo da parte dell'autore, che allude ad uno dei particolari della sua nuova residenza che Ludwig nota subito, sottolinea il taglio che Klaus Mann dà alla vicenda.
    In un lungo monologo, che rappresenta il punto focale del racconto, e che momentaneamente fa passare il racconto dalla terza persona alla prima, Ludwig riflette sulla sua vicenda personale e politica, sui suoi rapporti con Wagner, sulla sua omosessualità vissuta come una colpa, sull'amore per Sissi e su tante altre cose. E' uno squarcio, ancorché a tratti scritto in maniera troppo cronachistica per essere davvero un monologo interiore, sulla vita del re, che ci permette di conoscere e ricostruire le vicende che portarono al suo arresto. Mann, che pure come detto ci presenta Ludwig come vittima del sistema di potere statale, non fa comunque sconti alla sua complessa personalità, che non era sicuramente – a dispetto di una certa vulgata mitizzante - quella di un re democratico.
    Ludwig infatti aveva come ideale politico Luigi XIV, come testimonia in modo clamoroso il palazzo di Herreninsel costruito sul Chiemsee ad imitazione di Versailles. Vagheggiava un assolutismo diretto nel quale lui, il re illuminato e sapiente, si sarebbe rapportato direttamente al popolo senza l'intermediazione di ministri e parlamento. Era chiaramente una posizione politica non solo inadeguata ai tempi, ma apertamente in contrasto con lo sviluppo della società tedesca, che dopo la vittoriosa guerra con la Francia stava rapidamente andando verso l'unificazione statale egemonizzata dalla Prussia. In un'epoca di rapida industrializzazione, di costruzione della potenza economica e militare tedesca, di necessità di adeguare la struttura dello stato alle esigenze della borghesia dominante un re sognatore, che ha una visione antica del suo potere, che si dedica al mecenatismo culturale e – tramite la costruzione dei suoi castelli - alla rievocazione dello spirito germanico medievale intriso di assolutismo francese, disdegnando gli affari correnti dello Stato, diviene oggettivamente un ostacolo rispetto alle esigenze delle classi dominanti, e in quanto tale deve essere emarginato.
    In questo senso diviene secondo me secondario sapere se Ludwig si sia volontariamente annegato nelle acque del lago di Starnberg o se il suo suicidio e la morte con lui del dottor Gudden sia stata una macabra messa in scena. Klaus Mann propende per la prima ipotesi, e ci descrive con grande forza evocativa la scena di Ludwig che nella notte incombente, sotto una pioggia che incessantemente ha accompagnato la sua prigionia, si lancia nell'acqua del lago e quindi, gridando A casa voglio andare! Nel mio regno! trascina con sé il dottor Gudden che era entrato in acqua per convincerlo ad uscirne. Il suicidio viene visto da Mann come la resa definitiva del re ai meccanismi che lo hanno intrappolato, la presa di coscienza finale che il suo regno non potrà più essere ristabilito in Baviera, ma va ricreato in un'altra dimensione. Ludwig ha comunque l'estrema soddisfazione di trascinare con sé il rappresentante di quella medicina che si era prestata a dare una patina di necessità scientifica alla sua prigionia.
    Per capire appieno quest'opera, a mio avviso, vanno comunque evidenziati altri aspetti. Il primo riguarda il periodo in cui è stata scritta: siamo come detto nel 1937, Klaus Mann è da quattro anni fuori dalla Germania ed è impegnato in attività di propaganda contro il regime nazista. Scrivere in quel periodo la storia di un re intellettuale tedesco, imprigionato e fatto uccidere dallo stesso potere politico di cui era parte non può a mio avviso essere un semplice caso: sia pure in forma mediata, emerge nella storia un riferimento a ciò che stava accadendo in Germania ai suoi tempi, ed a come la dittatura nazista fosse figlia della storia tedesca pregressa.
    Nella breve nota di Giacomo Debenedetti posta al termine del racconto, il critico sposa la tesi di una forte componente autobiografica, paragonando in particolare il rapporto tra Ludwig e Wagner a quello, denso di ambiguità, tra Klaus e il padre Thomas. Trovo forzata questa tesi, o meglio ritengo che la componente autobiografica, se è presente, sia nettamente secondaria rispetto alle tematiche più direttamente storiche e di critica politica che ho sopra cercato di evidenziare, anche se è indubbio che le assonanze tra la vicenda umana di Ludwig e quella di Klaus Mann si sarebbero protratte sino alla fine per suicidio dell'autore (1949). Klaus, come è noto, era politicamente e culturalmente più affine allo zio Heinrich piuttosto che al padre, e dallo zio aveva mutuato l'attenzione all'analisi sociale: non mi pare proprio che si possa dire che, scrivendo Finestra con le sbarre nel 1937 avesse come obiettivo rimirarsi l'ombelico.

    ha scritto il 

  • 3

    Un turbinio di follia e di passioni caratterizzano questo libro che racconta gli ultimi due giorni di Ludwig II di Baviera, ed e' vero quello hanno scritto prima di me, leggi il libro ed hai davanti ...continua

    Un turbinio di follia e di passioni caratterizzano questo libro che racconta gli ultimi due giorni di Ludwig II di Baviera, ed e' vero quello hanno scritto prima di me, leggi il libro ed hai davanti la faccia stravolta di Helmut Berger. Scritto molto bene e coinvolgente.

    ha scritto il 

  • 4

    Io sono il cavaliere del cigno, e sono il cigno

    Impossibile durante la lettura di questo bel racconto togliermi dalla mente il Ludwig di Visconti! Il volto bellissimo, ma ormai sfigurato dagli eccessi e dalla follia, di Helmut Berger si sovrapponev ...continua

    Impossibile durante la lettura di questo bel racconto togliermi dalla mente il Ludwig di Visconti! Il volto bellissimo, ma ormai sfigurato dagli eccessi e dalla follia, di Helmut Berger si sovrapponeva continuamente a quello del sovrano, impresso nelle foto che accompagnano il libro. Eppure Klaus Mann è proprio bravo a raccontare le ultime ore di vita del re di Baviera, e certo non poteva aver visto il film perché morì suicida nel 1949 a soli quarantatré anni (ma sicuramente Visconti lesse questo libro, pubblicato in Italia anche con il titolo "La morte del cigno").
    Probabilmente la sua omosessualità apertamente vissuta, e proprio per questo mai accettata dal celebre padre, gli ha permesso di entrare in sintonia con il sensibile e romantico sovrano e di innescare anche nel lettore la profonda carica emotiva con cui lo scrittore accompagna l'infelice Ludwig sulle rive del lago... verso l'eterno annientamento... Oh! più giù...

    ha scritto il 

  • 4

    Letto poco dopo Sinfonia Patetica, primo libro per me di K. Mann.
    E' evidente l'immedesimazione dell'autore in figure tragiche e tormentate come Ludwig. Un bellissimo racconto.

    ha scritto il 

  • 5

    La pazzia di re Ludwig

    Stampato ad Amsterdam nel 1937, la Finestra con le sbarre di Klaus Mann (1906 - 1949) racconta (in forma romanzata) gli ultimi due giorni di vita di Ludwig II di Baviera.

    Recensito su Parole GLBT: htt ...continua

    Stampato ad Amsterdam nel 1937, la Finestra con le sbarre di Klaus Mann (1906 - 1949) racconta (in forma romanzata) gli ultimi due giorni di vita di Ludwig II di Baviera.

    Recensito su Parole GLBT: http://www.paroleglbt.info/2013/05/la-pazzia-di-re-ludwig.html

    ha scritto il 

  • 3

    Il principe di mezzanotte

    Pittorico, classico (nella quarta di copertina si parla di un'evidente analogia tra la figura di Elisabeth e quella di Isotta, almeno nell'atto della corsa, leggera, verso il luogo dove giacciono le s ...continua

    Pittorico, classico (nella quarta di copertina si parla di un'evidente analogia tra la figura di Elisabeth e quella di Isotta, almeno nell'atto della corsa, leggera, verso il luogo dove giacciono le spoglie mortali dei rispettivi innamorati), assolutamente sublime l'epilogo di questo volumetto; pregne di una quasi sconvolgente intensità poetica, le ultime pagine scivolano via con incredibile rapidità: la lunga gonna dell'Imperatrice austriaca (capace di celare, a quanto pare, scarpe dai tacchi piuttosto alti) ed i suoi abbondanti capelli bruni (il cui splendore è reso magnificamente da Mann attraverso il paragone con una serie di morbidi scrosci di pioggia), l'una spazzando i lucidi corridoi di una delle tante residenze reali, gli altri coprendo (o, per meglio dire, avvolgendo) quasi interamente il corpo esanime di Ludwig, contribuiscono a rubare, anche se solo per un attimo, il lettore alla tragedia di un destino infelice (quello, appunto, di Ludwig II di Baviera, del quale Mann racconta, in questo volume, le ultime ore di vita: dalla segregazione nella residenza di Berg, fino alla morte, ancora oscura, nelle acque del lago Starnberg), facendogli dimenticare certe imbarazzanti questioni di potere e successione (erano tempi infelici di spietate lotte tra consanguinei, nei quali la dichiarazione di un medico, atta a certificare la presunta infermità del sovrano, diventava, in mano ad altri, lasciapassare per il trono).
    Siamo con lei mentre corre, anzi vola, verso l'amico morto (verso quell'anima tormentata ed insofferente, tanto simile, se ci è concesso credere all'infelicità di Sissi, alla sua), e siamo con lei mentre tende l'orecchio ad una rivelazione divina capace di lenire, anche se di poco, la sua pena.
    Il resto è cronaca biografica e storica (malgrado i numerosi dubbi circa l'effettiva storicità di alcuni fatti narrati da Mann) intorno ad un sovrano (che fu, prima di ogni altra cosa, un uomo), ad un regno.
    L'incursione nella mente allucinata di Ludwig, a mio parere, è il solo passo falso in un'operetta davvero rimarchevole: servito soltanto a farci sapere il numero e l'identità degli amanti del re (tra i quali sembra proprio si debba annoverare, con la dovuta cautela, anche il celebre compositore Richard Wagner), questo brevissimo viaggio rischia di compromettere la messa a fuoco di un personaggio (e dell'autore, il quale, a quanto pare, mise molto di se in Ludwig) straordinario qual era, appunto, L., la cui statura, mortificata, tradita dal "primo (o addirittura "primissimo") piano", risulta, invece, perfettamente catturata e resa da un "piano americano".
    Di grande interesse l'appendice fotografica (ricordando le impressioni di una visita a Linderhof e ai suoi giardini).

    ha scritto il 

  • 3

    In questo breve racconto storico l'autore presenta i pensieri, i rimpianti, le amare considerazioni di Ludwig II di Baviera durante le sue ultime quarantotto ore di vita.

    Klaus Mann realizza una inter ...continua

    In questo breve racconto storico l'autore presenta i pensieri, i rimpianti, le amare considerazioni di Ludwig II di Baviera durante le sue ultime quarantotto ore di vita.

    Klaus Mann realizza una interessante e coinvolgente analisi introspettiva del re, permettendoci di seguire Ludwig attraverso le sue riflessioni, sin dall’inizio della sua prigionia, dopo essere stato dichiarato pazzo e detronizzato, fino al momento in cui scompare nelle acque del lago Starnberg.

    ha scritto il 

  • 4

    scritto molto bene e quasi autobiografico, si intuisce che lo scrittore sente molta empatia per questo personaggio e per la sua anima in bilico.
    Credo che Luchino Visconti si sia ispirato a questo lib ...continua

    scritto molto bene e quasi autobiografico, si intuisce che lo scrittore sente molta empatia per questo personaggio e per la sua anima in bilico.
    Credo che Luchino Visconti si sia ispirato a questo libro per il suo Ludwig

    ha scritto il