Flicka med pärlörhänge

By

Förlag: MånPocket

4.0
(9499)

Language: Svenska | Number of Pages: 246 | Format: Others | På andra språk: (andra språk) English , Chi traditional , Spanish , French , German , Italian , Dutch , Catalan , Greek , Portuguese , Czech , Romanian

Isbn-10: 9176438902 | Isbn-13: 9789176438909 | Publish date:  | Edition Ny utg.

Category: Art, Architecture & Photography , Fiction & Literature , History

Do you like Flicka med pärlörhänge ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Bokbeskrivning
Flicka med pärlörhänge är en berättelse om konstnären Vermeers målning Flicka med turban och omständigheterna kring porträttets skapande i den holländska staden Delft på 1600-talet.

Griet är sexton år när hon träder i tjänst hos konstnären Vermeer. Hennes uppgifter . i det stora och barnrika hushållet består av tvätt och barnpassning, men hon har också fått i uppdrag att städa konstnärens ateljé utan att rubba ett enda föremål i hans minutiöst uppbyggda scenerier.
Snart uppstår ett slags samförstånd med en underström av attraktion mellan Griet och Vermeer, en själarnas sympati mellan den store målaren och den enkla tjänsteflickan. Han lockar fram en förmåga som finns slumrande hos Griet och lär henne att se tingen med en konstnärs ögon.
Vermeers hustru Catharina är sin mans absoluta motsats. Catharina är från första stund avogt inställd till Griet och avskyr sin makes intresse för flickan.
När Vermeers rike mecenat van Ruijven fattar tycke för den söta tjänsteflickan, och insisterar på att Vermeer skall måla henne, skärps spänningarna. Ryktena och skvallret i småstaden Delft ökar trycket och när tavlan är fullbordad väntar en dramatisk uppgörelse...

Chevalier gör inte ett felsteg i detta triumferande verk ...Det är en underbar berättelse The Wall Street Journal
En juvel till roman... Time
Den är ett litterärt konstverk, en av de vackraste kärlekshistorier jag läst ... Bodil Malmsten, Tara

Sorting by
  • 3

    La voce narrante è quella di Griet che ci descrive minuziosamente ogni aspetto della sua vita a partire dalla sua condizione di sguattera ai momenti in cui si ritrova a passare sempre più tempo nell'a ...fortsätt

    La voce narrante è quella di Griet che ci descrive minuziosamente ogni aspetto della sua vita a partire dalla sua condizione di sguattera ai momenti in cui si ritrova a passare sempre più tempo nell'atelier di Vermeer che diventa per lei una specie di rifugio sicuro. Solo quando si trova nello studio e ad usufruire della compagnia del pittore viene fuori un aspetto diverso della sua personalità, solitamente così passiva e di sottomissione, si dimostra curiosa e intuitiva. Possiede una dote innata nell'accostamento e nella preponderanza dei colori... Ma ovviamente tutto finisce lì. L'autrice sceglie volutamente di non narrare dettagli riguardanti i sentimenti di Griet per l'artista e quelli che prova nei confronti di Pieter, forse per tracciare una sorta di alone di mistero attorno alla figura di questa giovane donna popolana.
    Si legge facilmente, sebbene lo abbia trovato un po' noioso e piatto in alcuni punti; direi che si tratta di uno di quei rari casi in cui ho preferito di gran lunga la trasposizione cinematografica al libro.

    sagt den 

  • 5

    Wow.
    Mi è davvero, davvero piaciuto questo libro. Ho trovato bellissima l'ambientazione storica, il personaggio principale di Griet, il carattere ben delineato dei molti personaggi che bucano la pagin ...fortsätt

    Wow.
    Mi è davvero, davvero piaciuto questo libro. Ho trovato bellissima l'ambientazione storica, il personaggio principale di Griet, il carattere ben delineato dei molti personaggi che bucano la pagina del libro ed emergono in tutta la loro veridicità. Nessuno dei personaggi che si incontra in queste pagine è lasciato al caso, tutti hanno contorni definiti e assolutamente riscontrabili in persone reali: dal ricco signore con le mani lunghe, al ragazzino timido ma a tratti sfrontato, alla ragazza di umili origini che abbassa sempre la testa, alla vecchia saggia, all'antipatica bambina frustrata per essere messa in un angolo dalla famiglia che agogna rivalsa... Insomma tutti hanno un loro perché e sono assolutamente ben descritti.
    Un libro che consiglio veramente, l'ho divorato in un paio di giorni.

    sagt den 

  • 5

    Mi è piaciuta tanto la resa del carattere di Griet, la protagonista, forte e timida, brillante ma timorosa, rispettosa nei confronti dei suoi "padroni". Veniamo portati indietro nel tempo, in una Delf ...fortsätt

    Mi è piaciuta tanto la resa del carattere di Griet, la protagonista, forte e timida, brillante ma timorosa, rispettosa nei confronti dei suoi "padroni". Veniamo portati indietro nel tempo, in una Delft del 1664. Ci sembra di essere lì, al Mercato delle Carni, sul ponte sopra il canale, nella casa nel Quartiere dei Papisti. Una storia di passione celata, di invidia, gelosia, devozione, arte... che lascia una sensazione agrodolce fino all'ultima pagina.

    sagt den 

  • 5

    Come sempre libro e film sono simili, ma non uguali. È stato meraviglioso, ovviamente più dettagliato, più diretto e descrittivo rispetto al film.. io sono convinta che Vermeer provasse in realtà qual ...fortsätt

    Come sempre libro e film sono simili, ma non uguali. È stato meraviglioso, ovviamente più dettagliato, più diretto e descrittivo rispetto al film.. io sono convinta che Vermeer provasse in realtà qualcosa per quella cameriera, me lo sento.

    sagt den 

  • 5

    Autrice consigliatissima

    Il libro che anni fa mi fece innamorare di quest'autrice, tuttavia a mio parere non la sua opera migliore. Se vi è piaciuto il genere comunque consiglio di leggere anche tutti gli altri suoi romanzi. ...fortsätt

    Il libro che anni fa mi fece innamorare di quest'autrice, tuttavia a mio parere non la sua opera migliore. Se vi è piaciuto il genere comunque consiglio di leggere anche tutti gli altri suoi romanzi.

    sagt den 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    0

    Quarto romanzo della Chevalier letto

    Onestamente non mi ha soddisfatto. Direi che tra i quattro letti è quello più scadente. Sia nello stile che nella storia. Finora il migliore resta Strane creature, più vicino a noi nel periodo storico ...fortsätt

    Onestamente non mi ha soddisfatto. Direi che tra i quattro letti è quello più scadente. Sia nello stile che nella storia. Finora il migliore resta Strane creature, più vicino a noi nel periodo storico.
    La protagonista appare in secondo piano, perché la storia si gioca tutta sullo scontro tra il pittore Vermeer e la moglie Catharina, spalleggiata dalla figlia Cornelia.
    Sembrerà strano che Griet, la ragazza dagli orecchini di perla, che racconta in prima persona la sua storia, appare incerta nel modo di agire. Poco probabile che una ragazza di sedici anni riesca atenere testa agli adulti, muoversi con una libertà sospetta, che possa fare la serva, l'aiutante del pittore, abbia una storia d'amore, si difenda dalle minacce degli adulti. Tutto questo impastato da uno stile non brillante.

    sagt den 

  • 4

    La ragazza con l'orecchino di perla

    All'inizio l'ho trovato un po' noioso, il finale mi è piaciuto moltissimo. Una giovane ragazza messa alla prova dell'amore che però non si piega davanti ai propri sentimenti e riesce a uscire di scena ...fortsätt

    All'inizio l'ho trovato un po' noioso, il finale mi è piaciuto moltissimo. Una giovane ragazza messa alla prova dell'amore che però non si piega davanti ai propri sentimenti e riesce a uscire di scena a testa alta.
    Un libro bello, consiglio di leggerlo a tutti.

    sagt den 

Sorting by
Sorting by
Sorting by