Follia

Di

Editore: CDE

4.1
(7552)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 294 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Portoghese , Inglese , Tedesco , Francese , Spagnolo , Catalano , Olandese

Isbn-10: A000006986 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Matteo Codignola

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Criminalità , Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura

Ti piace Follia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Colpisce il contrasto tra la scrittura asettica, scientifica e la morbosità del rapporto tra i due protagonisti. Una narrazione sicura, analitica, che viviseziona i legami, non si abbandona a facili s ...continua

    Colpisce il contrasto tra la scrittura asettica, scientifica e la morbosità del rapporto tra i due protagonisti. Una narrazione sicura, analitica, che viviseziona i legami, non si abbandona a facili sensazionalismi e che avvinghia il lettore al groviglio di passioni di cui sono schiavi Stella ed Edgar, tralasciando l'aspetto scandalistico della vicenda. Dal mio pdv unico neo un finale troppo veloce, il lettore viene lentamente condotto all'epilogo che si consuma senza troppe spiegazioni...forse non volevo abbandonare i due amanti così in fretta.

    ha scritto il 

  • 3

    ....una fascinazione che si insinua fra le maglie di un matrimonio freddo come una diagnosi. Una discesa all'inferno scritta magistralmente e totalmente ammazzata dal un cup du teatre inverosimile che ...continua

    ....una fascinazione che si insinua fra le maglie di un matrimonio freddo come una diagnosi. Una discesa all'inferno scritta magistralmente e totalmente ammazzata dal un cup du teatre inverosimile che regala un pessimo epilogo.

    ha scritto il 

  • 4

    null

    Mi sono chiesta: "Chissà se è una storia vera?". Non ho trovato niente in merito quindi suppongo di no, cercando, però, sono venuta a conoscenza di alcuni particolari sulla vita dell'autore. È figlio ...continua

    Mi sono chiesta: "Chissà se è una storia vera?". Non ho trovato niente in merito quindi suppongo di no, cercando, però, sono venuta a conoscenza di alcuni particolari sulla vita dell'autore. È figlio di uno psichiatra (ma non mi dire) e ha passato buona parte della sua infanzia vivendo in ospedali psichiatrici, questa è inquietante.
    Il libro è scritto bene, la storia è interessante, i retroscena decisamente sconvolgenti, ma c'è qualcosa che non mi convince. Edgar è pazzo, d'accordo, su lui c'è poco da dire. Max è tutto sommato il personaggio che ho apprezzato di più, maniacalmente razionale ma, in fondo, anche molto umano. Di Peter inevitabilmente pensi che, a forza di trascorrere tempo con i matti, forse, lo è diventato pure lui, ma la cosa non torna. Come può uno psichiatra d'esperienza come lui commettere lo stesso errore che Stella compie per amore di Edgar? Almeno Stella ha la scusante di non essere un'esperta in malattie mentali. Peter, come si suol dire, nell'epilogo, si perde in un bicchiere d'acqua, si innamora di una paziente e decide di sposarla...decisamente poco credibile.
    Infine Stella...altro punto debole dell'opera, risulta evidente che è un'ingenua psicolabile senza nessun istinto materno, eppure l'autore a volte cerca di "riabilitarla" agli occhi del lettore giustificando la sua totale mancanza di ragione e di affetto per la sua famiglia con l'odio che prova nei confronti di Max, facendo passare quest'ultimo come vero responsabile di tutti gli avvenimenti. Tutto ciò è totalmente senza senso visto che a raccontare i fatti è Peter a posteriori, ergo dopo essersi reso conto di essere un fallimento come medico psichiatra e dopo essere stato preso in giro.

    ha scritto il 

  • 4

    Dopo anni mi sono decisa a leggere questo romanzo, ero molto titubante, ma in realtà il libro ti tiene incollato alle pagine sin dalle prime righe. L'ansia ti pervade spesso, l'inquietudine dei person ...continua

    Dopo anni mi sono decisa a leggere questo romanzo, ero molto titubante, ma in realtà il libro ti tiene incollato alle pagine sin dalle prime righe. L'ansia ti pervade spesso, l'inquietudine dei personaggi ti entra dentro.
    Alla fine ci si chiede se la follia che sembra appartenere ai protagonisti del romanzo, non sia parte di tutti i personaggi della storia... a partire dalla voce narrante.
    Penso che il finale sia degno di questo romanzo.

    ha scritto il 

  • 4

    un romanzo sicuramente diverso dagli altri...molto scorrevole e molto bello! come è ovvio risulta difficile immedesimarsi nei personaggi e in un certo senso capirli, altrimenti non si parlerebbe di fo ...continua

    un romanzo sicuramente diverso dagli altri...molto scorrevole e molto bello! come è ovvio risulta difficile immedesimarsi nei personaggi e in un certo senso capirli, altrimenti non si parlerebbe di follia! Ma la scrittura è molto semplice ed esaustiva, all'inizio, cosa anche un pò fastidiosa, eccessivamente distaccata a mio parere, ma poi sempre più partecipe. Ecco...se devo trovare una nota negativa, sicuramente non ho apprezzato la "distrazione" del narratore sul finale. Mi è sembrata fuori luogo per uno psichiatra e abbastanza surreale...quasi "folle" !!!

    ha scritto il 

  • 4

    Mai titolo fu più azzeccato!! All'inizio sembra una storia di adulterio un po' sopra le righe, ma andando avanti in questo romanzo quello che rimane è la sensazione che tutti i personaggi siano pervas ...continua

    Mai titolo fu più azzeccato!! All'inizio sembra una storia di adulterio un po' sopra le righe, ma andando avanti in questo romanzo quello che rimane è la sensazione che tutti i personaggi siano pervasi da una personale follia. Nessuno si salva da questa atmosfera di presagio alla catastrofe. Di sicuro è un romanzo interessante, nel quale spesso non intravedi un filo logico e spesso sei costretto a perderlo, come nel finale, quando abbandoni le tue poche certezze acquisite e ti chiedi dove alberga la vera follia

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Stella e Peter uniche pecche

    Stella è davvero odiosa, non sono riuscita né a simpatizzare con lei né a trovarla minimamente affascinante.
    In più l''ingenuità di Peter è disarmante. Possibile che uno psichiatra esperto possa non a ...continua

    Stella è davvero odiosa, non sono riuscita né a simpatizzare con lei né a trovarla minimamente affascinante.
    In più l''ingenuità di Peter è disarmante. Possibile che uno psichiatra esperto possa non aver colto i cosiddetti segnali ed essersi fatto ammaliare come un novellino?
    Mi stava piacendo molto, ma gli avvenimenti finali mi hanno un po' delusa, anche se il finale non è quello che ti aspetti a inizio libro

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per