Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Fondazione

La quadrilogia completa (1953-1983)

Di

Editore: Mondadori (I Massimi della Fantascienza, 1)

4.5
(2431)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 742 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8804239638 | Isbn-13: 9788804239635 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Traduttore: L. Serra , C. Scaglia

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , Political , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Fondazione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Codice ISBN assegnato a posteriori
Ordina per
  • 4

    Molto diverso da ciò che mi aspettavo

    Mi sono avvicinata ad Asimov con qualche riserva, aspettandomi battaglie interstellari ed effetti speciali invecchiati insieme alle sue galassie: la fantascienza di Asimov non è nulla di tutto questo. ...continua

    Mi sono avvicinata ad Asimov con qualche riserva, aspettandomi battaglie interstellari ed effetti speciali invecchiati insieme alle sue galassie: la fantascienza di Asimov non è nulla di tutto questo. I contenuti filosofici e sociologici sono predominanti, donando all'opera un più ampio respiro rispetto ad altre saghe fantascientifiche ed impedendole perciò di accumulare polvere. In un impero lontano, in cui l'umanità ha conquistato la galassia, le dinamiche sociali descritte sono paragonabili alle attuali, e stimolano riflessioni approfondite sulla società per come la conosciamo e sulla sua possibile evoluzione (etica, politica ed economica) futura.
    Anche la mancanza di un protagonista e di un'unica trama (ogni racconto è ambientato in un'epoca successiva al precedente), che inizialmente mi aveva spiazzata, è stata una piacevole sorpresa, sebbene l'ultimo libro non sia all'altezza dei precedenti. La protagonista principale di questa saga è, infatti, l'umanità stessa, con i suoi difetti, le sue capacità e le sue meraviglie.
    Non amo i generi di nicchia di per sé, tranne quando la loro qualità li eleva da cult per pochi fanatici a qualcosa di diverso: credevo di trovare una lettura leggera, affrontata con curiosità e qualche dubbio, e invece mi sono trovata davanti della letteratura.

    ha scritto il 

  • 3

    I tempi corrono

    Di Asimov sono pieni gli scaffali delle librerie, dei supermercati, delle bancarelle. Se chiedete a qualcuno di citarvi un nome di uno scrittore di fantascienza state pur certi che citeranno Asimov.
    E ...continua

    Di Asimov sono pieni gli scaffali delle librerie, dei supermercati, delle bancarelle. Se chiedete a qualcuno di citarvi un nome di uno scrittore di fantascienza state pur certi che citeranno Asimov.
    Ed è per questa ragione che viene definito il classico della fantascienza, per il fatto che essendo onnipresente è entrato nell'immaginario delle persone poco avvezze alla letteratura di genere come icona della fantascienza. Asimov scrive male, anzi malissimo. I punti di vista non vengono rispettati, le ridondanze sono onnipresenti, i riassuntini degli antefatti fastidiosi. Il suo modo di scrivere e le sue avventure procedono per interminabil dialoghi tra personaggi senza spessore.Questo poteva essere giustificabile per i primi tre romanzi della saga, che sono stati scritti negli anni cinquanta, dove il meraviglioso sense of wonderful della fantascienza doveva incantare i brufolosi lettori di pulp magazine, con mondi e galassie lontani.
    Dopo molti anni, nell' ottantaquattro, viene chiesto ad Asimov di continuare il ciclo, e lui scrive l'orlo della fondazione. E da quest'orlo si può scagliare questo sequel in un baratro temporale. Dopo trent'anni Asimov scrive come si scriveva negli anni cinquanta. Stessi madornali errori, stessi dialoghi, una noia mortale, un personaggio che si chiama Pelorat (ma con un nome così come ti fa ad essere simpatico). Insomma per Asimov non è passato il tempo, neanche la pigrizia di leggere i suoi contemporanei per migliorare il suo stile. Purtroppo per finire la saga dovrò leggere anche l' ultimo capitolo "Fondazione e terra", poi confido nei racconti dei Robot. Tre stelle ai primi tre romanzi del ciclo. Una e mezzo all' orlo della fondazione.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Trilogia della Fondazione ★★★★★
    E' stato semplicemente il libro giusto al momento giusto.
    Quando, nei momenti in cui ci si fa un po' di "seghe mentali", si pensa al senso di tutto e al futuro, lontano ...continua

    Trilogia della Fondazione ★★★★★
    E' stato semplicemente il libro giusto al momento giusto.
    Quando, nei momenti in cui ci si fa un po' di "seghe mentali", si pensa al senso di tutto e al futuro, lontano, dell'umanità, credo che un po' tutti ci immaginiamo, in linea generale, un universo come quello descritto da Asimov in questa trilogia.
    Premettendo che personalmente ho pochi dubbi sull'esistenza di altri mondi vivibili in altre galassie, il grande dilemma è: saremo davvero in grado di svilupparci tecnologicamente in modo da "scappare" e colonizzare nuovi pianeti prima che questo nostro mondo collassi e noi con lui?... Ansia xD

    Oltre all'ambientazione e le tematiche davvero affascinanti, trovo sia un capolavoro anche la trama (psicostoria, crisi Seldon, Fondazioni..tutto) e seppur non ci sia un vero e proprio protagonista, come lo si intende normalmente, ci si affeziona a tutti i personaggi principali che si succedono nel corso di centinaia di anni: Hari Seldon, Salvor Hardin (il mio preferito), Hobert Mallow, i Darell, Han Pritcher, il Mule (forse il più figo oggettivamente) e Preem Palver (o Primo Oratore).
    E forse una delle cose più belle è che non ci sia molto di così fantascientifico..potenzialmente.

    L'orlo della Fondazione ★★★★☆
    Scritto molti anni dopo rispetto la Trilogia. Infatti ha una struttura più convenzionale, a romanzo, e abbiamo un protagonista vero, Golan Trevize, un tipo spaccone che ha l’abilità innata di prendere le decisioni giuste partendo da basi pressochè inesistenti..si potrebbe altrimenti definire un tizio con grandi botte di culo.. e che per questa sua dote ha il compito di decidere le sorti dell’Universo.
    Subito dopo la lettura, l’ho trovato molto bello (anche se meno della trilogia precedente), però a posteriori, dopo aver letto anche l’altro sequel “Fondazione e Terra”, un pochino l’ho rivalutato, perché getta le basi per allontanarsi dalla trama principale, quella del Piano Seldon e delle due Fondazioni.

    Quindi sostanzialmente, per me, Trevize ha sbagliato: tra l’individualità degli umani e la prospettiva di una umanità “fusa” in un’unica, armoniosa, entità con tutto l’universo, avrebbe dovuto scegliere la prima e non la seconda! Soprattutto perché così nell’ultimo sequel si sarebbe di nuovo tornati al Piano Seldon e alla costituzione del Secondo Impero Galattico, tralasciando quella figlia dei fiori di Gaia e la sua Galaxia (molto meno interessanti).

    ha scritto il 

  • 4

    Quattro romanzi molto piacevoli da leggere. La fantascienza di Asimov si concentra sui contenuti psicologici e sociologici piuttosto che sulla tecnologia o esplorazione spaziale.

    Ne risulta un'opera p ...continua

    Quattro romanzi molto piacevoli da leggere. La fantascienza di Asimov si concentra sui contenuti psicologici e sociologici piuttosto che sulla tecnologia o esplorazione spaziale.

    Ne risulta un'opera profondissima dal punto di vista dei contenuti, le dinamiche sociali ed economiche sono verosimili e soprattutto possono essere rapportare al mondo di oggigiorno regalando insegnamenti morali di pregevolissima fattura.

    I difetti sono pochi e per lo più trascurabili: la vastità di un impero galattico e l'omogeneità dei vari mondi che compongono la galassia fanno un poco storcere il naso, sono abbastanza improponibili.
    Le previsioni tecnologiche e alcune riflessioni sono figlie come è naturale del periodo in cui è stata scritta l'opera quindi non sono, a ben vedere, ascrivibili a veri e propri difetti.

    Dei quattro romanzi sicuramente l'ultimo è il più interessante e completo dal punto di vista dell'intrattenimento e del messaggio veicolato. Gli altri comunque non sono nè noiosi nè superficiali.

    Lettura molto consigliata.

    ha scritto il 

  • 5

    Assolutamente un capolavoro

    Non esistono parole per celebrare il genio e le capacità di Asimov. A non leggere questa quadrilogia, si perde tanto, tanto, tanto. Se potessi aggiungerei altre cinque stelle.

    ha scritto il 

  • 5

    Prima volta

    Non avevo mai letto Asimov, ed era da tempo che mi riproponevo di farlo. Ora che l'ho fatto mi sono chiesto. Ma perchè non non mi sono svegliato prima?
    Lettura consigliatissima.

    ha scritto il 

  • 5

    Asimov è abile nel creare un grande universo narrativo, dove riesce a far muovere un gran numero di personaggi. Ogni capitolo è un tassello che ricrea uno schema elaboratissimo ricco di intrecci, un p ...continua

    Asimov è abile nel creare un grande universo narrativo, dove riesce a far muovere un gran numero di personaggi. Ogni capitolo è un tassello che ricrea uno schema elaboratissimo ricco di intrecci, un pezzo che aggiunge valore ad una storia affascinante a cavallo tra società, politica e guerra.

    ha scritto il 

Ordina per