Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Fontamara

Di

Editore: Oscar Mondadori

3.9
(4625)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 259 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco

Isbn-10: A000063358 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History , Political

Ti piace Fontamara?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Romanzo che si fonda sui flashback di tre cittadini di Fontamara (marito, moglie e figlio). Descrizione tutt'altra che approssimativa di come si viveva sotto la dittatura fascista: specialmente per chi era contadino, ignorante (nel romanzo vengono chiamati cafoni). Scritto in modo leggero ma che ...continua

    Romanzo che si fonda sui flashback di tre cittadini di Fontamara (marito, moglie e figlio). Descrizione tutt'altra che approssimativa di come si viveva sotto la dittatura fascista: specialmente per chi era contadino, ignorante (nel romanzo vengono chiamati cafoni). Scritto in modo leggero ma che non manca di quella tragicità che ha fatto parte del ventennio del secolo scorso.

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissimo.Penso che questo libro possa essere annoverato fra i capolavori della letteratura italiana.Scritto dall'autore durante il suo esilio è una aperta denuncia sullo sfruttamento del l'uomo sul l'uomo,ma ci fa anche capire come tale soprusi possono essere fronteggiati con l'onestà e la dign ...continua

    Bellissimo.Penso che questo libro possa essere annoverato fra i capolavori della letteratura italiana.Scritto dall'autore durante il suo esilio è una aperta denuncia sullo sfruttamento del l'uomo sul l'uomo,ma ci fa anche capire come tale soprusi possono essere fronteggiati con l'onestà e la dignità della gente semplice.

    ha scritto il 

  • 5

    Scritto in esilio nel 1930, è l'opera più conosciuta ed apprezzata ed allo stesso tempo più politicamente e socialmente impegnata di Ignazio Silone. E' la storia della miseria, dello sfruttamento e dei soprusi a cui sono costretti a soggiacere gli abitanti, soprattutto contadini, di Fontamara in ...continua

    Scritto in esilio nel 1930, è l'opera più conosciuta ed apprezzata ed allo stesso tempo più politicamente e socialmente impegnata di Ignazio Silone. E' la storia della miseria, dello sfruttamento e dei soprusi a cui sono costretti a soggiacere gli abitanti, soprattutto contadini, di Fontamara in Abruzzo. In questo paese della Marsica la vita scorre nella più stagnante quotidianità ed è scandita dalla durezza delle abitudini consuete: alzarsi presto la mattina e trascorrere l'intera giornata nei campi ad arare, seminare, raccogliere ecc. Una continua ed estenuante lotta per la sopravvivenza che solo il robusto ed irruento Berardo Viola tenterà di cambiare, ribellandosi con la forza alle ingiustizie. Ma anche il suo tentativo si rivelerà vano, soffocato, in una conclusione tragica e amara, da una inesorabile repressione della milizia fascista che farà strage di cafoni. Un libro bellissimo e godibile, scritto con registro ed un linguaggio semplici ed incisivi, un romanzo di forte impatto e di dura denuncia delle angherie e delle iniquità che sono costretti a subire “gli ultimi” di ogni periodo storico.

    ha scritto il 

  • 4

    capolavoro

    Un libro che rimane forte e asciutto, irresistibile e coinvolgente come quando fu scritto. Il mondo dei braccianti abruzzesi ignari dei primi trionfi del fascismo viene ritratto al di fuori di qualsiasi retorica o tronfia agiografia. Lo stile è leggero e scorrevole, in molti tratti ironico. Un li ...continua

    Un libro che rimane forte e asciutto, irresistibile e coinvolgente come quando fu scritto. Il mondo dei braccianti abruzzesi ignari dei primi trionfi del fascismo viene ritratto al di fuori di qualsiasi retorica o tronfia agiografia. Lo stile è leggero e scorrevole, in molti tratti ironico. Un libro che dovrebbe rientrare nelle aule scolastiche, dove suona oggi ingiustamente superato e "commemorativo".

    ha scritto il 

  • 0

    Soprusi agresti

    In chiave talvolta ironica, Silone dipinge le vicende di un paese del mezzogiorno, dove gli avvenimenti evolvono rapidamente sino all'epilogo, forse inevitabile. La vita dei contadini del secolo scorso che assomiglia tanto a certe cronache del feudalesimo giunte sino a noi. Veritiero.

    ha scritto il 

  • 5

    Libro che consiglio vivamente. La lettura è molto scorrevole anche se le tematiche affrontate molto profonde. L'autore riflette sulla condizione di ignoranza in cui vivevano i 'cafoni' e su come la demagogia possa rivelarsi l'arma migliore per manipolare la massa.

    ha scritto il 

  • 2

    in genere non amo scrivere recensioni stringate, ma l'unica cosa che mi viene in mente pensando a questo libro che ho appena finito è: che infinita serie di tristezze...

    ha scritto il 

Ordina per