Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Footnotes in Gaza

A Graphic Novel

By

Publisher: Metropolitan Books

4.5
(141)

Language:English | Number of Pages: 434 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) French , Italian

Isbn-10: 0805073477 | Isbn-13: 9780805073478 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback

Category: Comics & Graphic Novels , History , Political

Do you like Footnotes in Gaza ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
From the great cartoonist-reporter, a sweeping, original investigation of a
forgotten crime in the most vexed of places Rafah, a town at the bottommost tip
...
Sorting by
  • 5

    Notevole ricostruzione di un tragico episodio che, come dice il titolo, è solo una nota a pié di pagina in una storia ormai secolare di tragedie. Il dramma del passato si contrappone al ben più pressante dramma di oggi (anzi ormai di una decina di anni fa, ora la situazione è ben peggiore) e ci s ...continue

    Notevole ricostruzione di un tragico episodio che, come dice il titolo, è solo una nota a pié di pagina in una storia ormai secolare di tragedie. Il dramma del passato si contrappone al ben più pressante dramma di oggi (anzi ormai di una decina di anni fa, ora la situazione è ben peggiore) e ci si intreccia. Chi ha fatto ricerca storica riconoscerà l'esaltazione della scoperta, e l'ombra di follia che aleggia su tutta l'impresa.

    Manca quasi del tutto la "versione" israeliana dei fatti, a quanto dice l'autore non esattamente per mancanza di sforzi nel trovarla. Probabilmente è stato decisivo il fatto che Sacco non conosce l'ebraico. E il poco che è presente, è sinistramente contraddittorio...

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Capolavoro

    C'è poco da dire, un dolorosissimo terribile capolavoro.
    A livello giornalistico, storico, narrativo, di tecnica del fumetto, di disegni... manca qualcosa?

    Dopo Palestina, Joe Sacco torna sul luogo per indagare su due specifici eventi: gli eccidi avvenuti nelle città di Khan Y ...continue

    C'è poco da dire, un dolorosissimo terribile capolavoro.
    A livello giornalistico, storico, narrativo, di tecnica del fumetto, di disegni... manca qualcosa?

    Dopo Palestina, Joe Sacco torna sul luogo per indagare su due specifici eventi: gli eccidi avvenuti nelle città di Khan Younis e Rafah, nella striscia di Gaza, nel 1956, accuratamenti rimossi dagli annali ma indelebilmente impressi nella memoria di chi c'era e c'è ancora.
    In un continuo rimando tra passato e presente (il 2003), le ingiustizie e le violenze subite dai palestinesi sono raccontate senza retorica e in modo quanto più imparziale possibile. Unico, geniale, "cedimento" voluto in chiusura, la scelta della soggettiva per testimoniare di ciò che era sfuggito allo storico. La paura dei protagonisti.

    said on 

  • 5

    Questa settimana, in occasione del "Convoglio Vik Gaza to Italy" proponiamo questo reportage a fumetti, che racconta i crimini di guerra commessi dall'esercito israeliano nel 1956 nelle città di Khan Yunis e Rafah. Tramite le immagini in bianco e nero ripercorriamo l'esperienza diretta dell'autor ...continue

    Questa settimana, in occasione del "Convoglio Vik Gaza to Italy" proponiamo questo reportage a fumetti, che racconta i crimini di guerra commessi dall'esercito israeliano nel 1956 nelle città di Khan Yunis e Rafah. Tramite le immagini in bianco e nero ripercorriamo l'esperienza diretta dell'autore: vagando di casa in casa - mostrandoci così la tragica realtà odierna della Striscia di Gaza - Sacco raccoglie preziose testimonianze oculari di un massacro che le fonti ufficiali sminuiscono e distorcono col nome di "incidente di Rafah". Tra inchiesta, giornalismo e racconto, quelle che vengono considerate delle semplici note a margine della storia acquistano dignità e vengono riportate alla memoria tramite un mezzo, il fumetto, che mostra qui tutte le sue potenzialità.
    Lo trovi a BiblioScup! Lun-ven h.17.00-21.00

    said on 

  • 5

    SEI STELLE

    Se avessi sei stelle di aNobii a disposizione, le darei tutte a questa straordinaria graphic novel storico/giornalistica dell'immenso Joe Sacco. Perfetto sotto ogni punto di vista. Una vera opera d'arte.
    Il miglior libro "letto" nell'anno.

    said on 

  • 5

    SEI STELLE

    Se avessi sei stelle di aNobii a disposizione, le darei tutte a questa straordinaria graphic novel storico/giornalistica dell'immenso Joe Sacco. Perfetto sotto ogni punto di vista. Una vera opera d'arte.
    Il miglior libro "letto" nell'anno.

    said on 

  • 5

    Novembre 2012

    Mai ci fu (purtroppo) momento migliore per leggere questa graphic novel...e, solo dopo la testimonianza diretta dei fatti, leggo con occhi diversi quello che mi propinano i "media".....e cresce l'indignazione..

    said on 

  • 5

    Un'inchiesta in tutti i sensi, molto accurata, corredata anche, nel finale, da documenti cercati anche da israeliani. Disegno molto efficace, come sempre, con figure a filo pagina. La storia è tremenda e purtroppo si ripete e, come dice un personaggio, si ripeterà in eterno. E' tristissimo vedere ...continue

    Un'inchiesta in tutti i sensi, molto accurata, corredata anche, nel finale, da documenti cercati anche da israeliani. Disegno molto efficace, come sempre, con figure a filo pagina. La storia è tremenda e purtroppo si ripete e, come dice un personaggio, si ripeterà in eterno. E' tristissimo vedere come le vittime si possano fare carnefici ancora più crudeli. Lo stato di diritto in certi luoghi non esiste e all'occidente va bene così!!! Una lettura imprescindibile per chi voglia capire quei luoghi e quelle sofferenze. Il fumetto non è cosa da ragazzini!

    said on