Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Fosca

By Iginio Ugo Tarchetti

(260)

| Paperback | 9788804316879

Like Fosca ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

117 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Con uno stile narrativo che spesso si inceppa, tossisce e rantola, che insomma è un po' malato, come l'eroina del romanzo, Tarchetti ci narra la vicenda tragica di Giorgio costretto da una parte ad amare per compassione la bruttissima e malata Fosca, ...(continue)

    Con uno stile narrativo che spesso si inceppa, tossisce e rantola, che insomma è un po' malato, come l'eroina del romanzo, Tarchetti ci narra la vicenda tragica di Giorgio costretto da una parte ad amare per compassione la bruttissima e malata Fosca, ma sinceramente innamorato della vitale Clara. Già dai nomi delle due donne si percepisce il significato di fondo: la lotta tra Buio e Luce, tra Thanatos e Eros. Una lotta che è chiaramente interiore all'autore, perché il dualismo in questione non va combattuto, ma accettato come parte integrante della vita.

    Is this helpful?

    Maiade said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La scuola alle volte ci inganna e ha ragione chi ritiene che non si debba raccontare la storia della letteratura, ma fare leggere i libri.
    Solo per fare un esempio, nessuno dice mai che Fosca non è solo una donna dalla bruttezza eccezionale, ma anche ...(continue)

    La scuola alle volte ci inganna e ha ragione chi ritiene che non si debba raccontare la storia della letteratura, ma fare leggere i libri.
    Solo per fare un esempio, nessuno dice mai che Fosca non è solo una donna dalla bruttezza eccezionale, ma anche una donna dalla notevole intelligenza, che Clara è un po', anzi molto, sbiadita e che Giorgio, il protagonista del romanzo, è decisamente insulso e insopportabile.

    Is this helpful?

    Marco M. said on Jun 27, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Romanzo emblema della letteratura scapigliata, Fosca (1869), letto oggi e spogliato dagli aspetti decadenti ed estenuati, colpisce per tutti gli elementi rivoluzionari e anticipatori:
    Fosca, dark lady per eccellenza, ha il fascino pericoloso dell'an ...(continue)

    Romanzo emblema della letteratura scapigliata, Fosca (1869), letto oggi e spogliato dagli aspetti decadenti ed estenuati, colpisce per tutti gli elementi rivoluzionari e anticipatori:
    Fosca, dark lady per eccellenza, ha il fascino pericoloso dell'anoressica (la sua eccessiva magrezza è ciò che rende la semplice bruttezza una bruttezza spaventosa: come cambiano i tempi!); Fosca è una vampira (pallida, esangue, emaciata) ma è anche una donna emancipata: è lei a dichiararsi, è lei a fare della sua passione un imperativo assoluto, senza preoccuparsi minimamente del giudizio sociale; Fosca è una vorace lettrice, intelligente, colta, raffinata (qui sta il segreto del suo pur ambiguo fascino). Eroina romantica o post-romantica, dunque, ma anche estremamente attuale e tuttora pericolosamente affascinante.
    Insomma: lo stretto (fatale) legame tra Eros e Thanatos viene messo in scena da Tarchetti ben prima delle analisi freudiane (ma già Baudelaire affonda la sua penna di poeta nel marasma dell'inconscio...).
    E che dire della bionda, florida, botticelliana Clara, dichiaratamente donna-angelo e madre? Non è soltanto una figura stereotipo dell'immaginario maschile . Anzi. E' adultera senza l'ombra di un senso di colpa; vive pienamente la sua passione per Giorgio (ah, a proposito: il narratore-protagonista sarebbe lui, il povero Giorgio...) e poi, quando lei decide, semplicemente la conclude.
    E' l'Italia post-unitaria, con problemi enormi e inenarrabili. Appunto: gli Scapigliati rifuggono l'esempio di Manzoni e decidono di raccontare altro.

    Is this helpful?

    Gabril said on May 30, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Tanto ricordo con piacere i "Racconti fantastici" di Iginio (Tarchetti, non il mio caro amico), quanto poco sono riuscito ad apprezzarne "Fosca". Sempre di Iginio (e sempre Tarchetti). Che poi il *middle name* Ugo pare se lo fosse aggiunto da sé, per ...(continue)

    Tanto ricordo con piacere i "Racconti fantastici" di Iginio (Tarchetti, non il mio caro amico), quanto poco sono riuscito ad apprezzarne "Fosca". Sempre di Iginio (e sempre Tarchetti). Che poi il *middle name* Ugo pare se lo fosse aggiunto da sé, per venerazione per il suo verosimigliante Foscolo.
    Romanzo non costruito benissimo con luoghi e figure comuni, con tocco di irrealtà anziché surrealtà, ma soprattutto incompleto - causa morte dell'Autore, ancora nella Sua prima ventina d'anni,

    Is this helpful?

    Giax said on Jan 12, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection

Margin notes of this book