Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Fotografia e pittura nel Novecento

Una storia «Senza combattimento»

Di

Editore: Mondadori Bruno

3.8
(96)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Altri

Isbn-10: 8842493686 | Isbn-13: 9788842493686 | Data di pubblicazione: 

Genere: Art, Architecture & Photography , History , Da consultazione

Ti piace Fotografia e pittura nel Novecento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Molti critici sostengono che la fotografia sia un "pennello tecnologicamenteaggiornato", destinato semplicemente a proseguire la tradizione della pitturae in competizione con essa. Al contrario, questo libro mostra come la logicadi produzione e fruizione della fotografia sia profondamente diversa daquella pittorica, e possa fare riferimento a un canone autonomo. Un'opera perristabilire i corretti rapporti tra due forme d'arte che rappresentano duepunti focali delle avanguardie artistiche del Novecento.
Ordina per
  • 5

    Chiedere molto e dare di più

    E' esattamente così che, dopo magari un primo faticoso approccio, ci si sente nei confronti di questo libro, adesso riuscito in versione aggiornata (aprile 2012). Per capire non solo la fotografia, ma l'arte contemporanea, aprendo la mente (e la visione), ancora troppo spesso centrate sul concett ...continua

    E' esattamente così che, dopo magari un primo faticoso approccio, ci si sente nei confronti di questo libro, adesso riuscito in versione aggiornata (aprile 2012). Per capire non solo la fotografia, ma l'arte contemporanea, aprendo la mente (e la visione), ancora troppo spesso centrate sul concetto artistico di "bello". Mette voglia di leggere altri suoi libri.

    ha scritto il 

  • 3

    Scrittura troppo ricca di aggettivi. Confonde il senso della lettura.
    Le note sono inserite male, spezzano la frase e distraggono dal filo del discorso (lo so, dovrebbe essere un saggio e in quanto tale le note sono necesarie. Eppure queste a lungo andare stancano, altre invece mi sembrano ...continua

    Scrittura troppo ricca di aggettivi. Confonde il senso della lettura.
    Le note sono inserite male, spezzano la frase e distraggono dal filo del discorso (lo so, dovrebbe essere un saggio e in quanto tale le note sono necesarie. Eppure queste a lungo andare stancano, altre invece mi sembrano davvero poco necessarie).
    Le argomentazioni non riesco a condividerle per intero.
    La scelta editoriale (presumo) di inserire le immagini unicamente a metà libro le rendono poco consultabili.
    La scelta delle fotografie è ottima, anche perchè ovviamente non si sofferma su ciò che tutti conoscono dell'autore, ma su cose che esprimano pienamente il concetto sul quale l'autore vuole portare il discorso.
    Le immagini, comunque, sono poche. Dovendo studiare il testo per un esame, ho dovuto fare delle ricerche per integrare tutto.
    Aggiungiamoci anche il fatto che sono in bianco e nero, si perde molto dell'effettiva "comprensione" delle opere trattate.

    ha scritto il 

  • 4

    Libro assolutamente interessante. Marra ci mette del suo con una scrittura affascinante e coinvolgente. Perfetta la scelta delle correnti, puntuali le corrispondenze, originale il discorso teorico. Un libro che arriva facilmente ad essere capito, che non lascia nulla all'intentato. La sezione del ...continua

    Libro assolutamente interessante. Marra ci mette del suo con una scrittura affascinante e coinvolgente. Perfetta la scelta delle correnti, puntuali le corrispondenze, originale il discorso teorico. Un libro che arriva facilmente ad essere capito, che non lascia nulla all'intentato. La sezione delle fotografie interne è una perla. Imperdibile anche per chi non è un cultore della fotografia (io non lo sono).

    ha scritto il 

  • 5

    Lettura che apre gli occhi sul linguaggio della fotografia, troppo spesso erroneamente paragonato a quello della pittura. Un libro che mostra come queste due espressioni artistiche possano [e debbano] convivere 'pacificamente' ma, soprattutto, indipendentemente.

    ha scritto il 

  • 0

    ...non ne abbia a male

    Claudio Marra è stato un mio insegnante e con lui ho sostenuto due esami di storia dell'Industrial Design, inoltre mi ha formato la "prima"coscienza critica per giudicare una qualsiasi forma d'arte... meglio ascoltarlo però che leggerlo anche perchè ne ero affascinata

    ha scritto il 

Ordina per