Fotogrammi ingialliti. La vita nella bassa modenese negli anni '50 e '60. Ricordi giovanili

Di

5.0
(1)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 200 | Formato: Altri

Isbn-10: 8864620907 | Isbn-13: 9788864620909 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Fotogrammi ingialliti. La vita nella bassa modenese negli anni '50 e '60. Ricordi giovanili?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Dopo il Diario di un ragazzo del Bosco di Alfredo Silvestri, esce per la stessa collana curata dal centro Studi Storici Nonantolani un altro fresco e intenso amarcord, questa volta a firma di Claudio ...continua

    Dopo il Diario di un ragazzo del Bosco di Alfredo Silvestri, esce per la stessa collana curata dal centro Studi Storici Nonantolani un altro fresco e intenso amarcord, questa volta a firma di Claudio Malagoli. Al piacere di calarsi nella quotidianità faticosa ma autentica della campagna modenese degli anni ’50, si aggiunge l’accattivante architettura del volume, organizzato come un glossario - si potrebbe dire un lessico familiare - per argomenti e parole chiave: “il prete a letto; spigolature; bicicletta e dintorni; la zia sarta; nebbia (la fumena); Mingon (o Menegon)”, per citare solo alcune delle numerose voci e sottovoci che compongono il mosaico di un’originalissima enciclopedia di ricordi giovanili. Come un paniere di ciliegie, il libro invita a una lettura curiosa, indisciplinata, guidata dalla passione per la spigolatura: sono le parole a farla da padrone, i termini ancora in uso e quelli che ormai non si conoscono più perché appartengono ormai solo alla lingua dei padri. Nel portarli di nuovo alla luce l’autore non compie una discutibile operazione nostalgica ma un’interessante operazione storica: perché, pare suggerire, se davvero abbiamo voglia di comprendere il mondo dei nostri antenati - gli odori, le atmosfere, i sapori, il sentimento del tempo - non possiamo far altro che abitarne di nuovo il linguaggio e rivivere, con vecchie parole, nuove emozioni.

    ha scritto il