Fra l'ultimo libro letto e il primo nuovo da aprire

Letture e passioni che abitiamo

di | Editore: Olschki
Voto medio di 6
| 28 contributi totali di cui 4 recensioni , 24 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Fra l’ultimo libro letto e il primo nuovo da aprire si schiude il territorio segreto delle passioni di lettura, che fendono la notte e accendono il giorno. Fra primo e ultimo si apre il regno del penultimo, abitato dai sogni diurni, dalla tentazione ...Continua
...
Ha scritto il 16/06/14

"Il lettore gira le pagine come mercatini delle pulci, per piazzare (attraverso la citazione, l’appunto, il calco) e per trovare le sue gemme." (p. 34)

Sidner
Ha scritto il 24/12/13
"I libri, dice l'EZLN, si caratterizzano per i loro voli e per i loro silenzi. E come vi sono i voli di tutti i tipi ( da quello timido e balbuziente dei libri che volano a balzelloni, a quello deciso del libro che sa fin dall'inizio dove andrà ad at...Continua
angelus novus
Ha scritto il 04/11/13
ringrazio l'autore per questo libro di grande densità e intensità. aspettando il secondo volume dedicato alle passioni amorose... "Casanova leggeva le donne come si legge un libro, con la stessa passione quando lo facevano innamorare, con la stessa v...Continua
Athmos
Ha scritto il 31/10/13
All'inizio, leggendo questo libro, la mia reazione è stata: tu vuoi troppo da me; il pensiero di Luca Ferrieri mi era parso complesso, troppo complesso per un'anima abbastanza semplice come la mia. Ma poichè sono una vera lettrice appassionata,...Continua

Sidner
Ha scritto il Nov 19, 2013, 19:23
I libri, dice l'EZLN, si caratterizzano per i loro voli e per i loro silenzi. E come vi sono i voli di tutti i tipi ( da quello timido e balbuziente dei libri che volano a balzelloni, a quello deciso del libro che sa fin dall'inizio dove andrà ad att...Continua
Pag. 155
Sidner
Ha scritto il Nov 19, 2013, 19:17
Leggeva quando era solo e quando era accompagnato, buttato per terra, attorcigliato su una seggiola, appeso a una trave, o in equilibrio incerto sull'ultimo gradino di una scala. Voglio dire che Opal era un lettore senza tempo né destinazione, che le...Continua
Pag. 146
Sidner
Ha scritto il Nov 19, 2013, 19:15
Sento la profonda esigenza non solo di leggere lentamente, ma di rallentare tutto me stesso quando leggo.
Pag. 143
Sidner
Ha scritto il Nov 19, 2013, 19:14
L'eternamente cangiante multiformità del mondo intorno e l'impietrito microcosmo di un occhio che legge. Come un nocciolo di silenzio nel cuore di un boato.
Pag. 137
Sidner
Ha scritto il Nov 19, 2013, 19:12
Come il regno dei cieli, la lettura abita il non sapere, vive nel dubbio, è il pane degli idioti in senso dostojevskiano (gli uomini che vivono nella compassione).
Pag. 109

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi