Frankenstein. La città dei dannati

Di

Editore: Sperling and Kupfer

3.6
(38)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8873396119 | Isbn-13: 9788873396116 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Frankenstein. La città dei dannati?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il libro Sono più forti, resistenti e intelligenti di qualunque essere umano. E sono ormai fuori controllo. Nemmeno Victor Helios, alias dottor Frankenstein, è in grado di fermare i mostri a cui lui stesso ha dato vita, anche se nel suo ...
Ordina per
  • 2

    Imbarazzante rispetto al primo capitolo della saga (e lì eravamo già a livello lettura da spiaggia...). Proverò a leggiucchiare il terzo romanzo della serie giusto per scrupolo.

    ha scritto il 

  • 3

    Ed il finale??

    Questa serie di Koontz mi sta piacendo molto. La trovo originale, leggera, divertente e con alcuni personaggi come Carson, Michael o Deucalion, veramente intriganti. Però cavolo, ma che razza di final ...continua

    Questa serie di Koontz mi sta piacendo molto. La trovo originale, leggera, divertente e con alcuni personaggi come Carson, Michael o Deucalion, veramente intriganti. Però cavolo, ma che razza di finale è quello di questo libro? Ma è possibile definirlo tale? Quanti scrittori hanno portato avanti le loro serie anche per decine di libri?
    Eppure ognuno di essi aveva un finale per lo meno decente!! Avessi saputo che alla fine di questa storia mi sarei ritrovato con una sola mano sull'orlo di un precipizio profondo quanto il tempo che dovrò aspettare per il prossimo libro, avrei aspettato ad appendermi!!
    Mi sembra corretto che lo sappiate anche voi, prossimi lettori.

    ha scritto il 

  • 5

    Conferma di una storia che "funziona"

    Anche il secondo volume di questa saga conferma quanto già scritto nella recensione del primo volume rimanendo fedele a tutti quegli elementi che ne fanno un ottimo romanzo.
    Complimenti a Koontz per l ...continua

    Anche il secondo volume di questa saga conferma quanto già scritto nella recensione del primo volume rimanendo fedele a tutti quegli elementi che ne fanno un ottimo romanzo.
    Complimenti a Koontz per le idee e la storia

    ha scritto il 

  • 4

    Séguito del precedente "Frankestein - L'immortale" si conclude bruscamente e costringe ad aspettare il prossimo episodio.
    Buon ritmo e suspance anche se in alcuni punti l'ironia dei personaggi è abbas ...continua

    Séguito del precedente "Frankestein - L'immortale" si conclude bruscamente e costringe ad aspettare il prossimo episodio.
    Buon ritmo e suspance anche se in alcuni punti l'ironia dei personaggi è abbastanza tirata.

    ha scritto il 

  • 5

    "La sola cosa necessaria per il trionfo del male...."
    ....é che la brava gente non faccia niente" Sí, l'ho già sentita.
    "Chi lo ha detto , comunque?"chiese lei.
    "Credo fosse Tigro, ma potrebbe essere
    ...continua

    "La sola cosa necessaria per il trionfo del male...."
    ....é che la brava gente non faccia niente" Sí, l'ho già sentita.
    "Chi lo ha detto , comunque?"chiese lei.
    "Credo fosse Tigro, ma potrebbe essere stato Winnie the Pooh"

    Non so che dirvi, che abbia un debole per Koontz é assodato, pochi fronzoli e tanta sostanza, i suoi romanzi sono come quei classici film d'azione e d'avventura, che difficilmente vincono un Oscar o un premio della critica, ma fanno faville al botteghino.

    Nei libri di Koontz, spesso e volentieri i protagonisti hanno caratteristiche particolari, ben precise; o qualità fuori dal comune, dotati di poteri e intelligenza suprema, oppure hanno limitazioni fisiche e mentali  a causa delle quali si prova immediata simpatia, personaggi con manie assurde, magari di estrema pignoleria e ordine delle cose, e contemporaneamente pervasi dalla violenza piú cieca e dall'odio totale verso il prossimo.

    In questa seconda parte della storia del delirio di onnipotenza del dottor Victor Helios, tutti i personaggi del primo racconto proseguono le loro vicende e viene meglio sviscerata la struttura organizzata della Nuova Razza, l'esercito di replicanti creati dalla diabolica mente del Dr. Helios e "collocati" nei posti che contano nella New Orleans dei giorni nostri; politici, poliziotti, sacerdoti, ma anche mansioni meno altolocate, come gli addetti allo "smaltimento" delle persone eliminate e sostituite dai cloni, i quali hanno particolarità ben precise,  con delle limitazioni (l'impossibilità di suicidarsi e di rivoltarsi  verso il loro creatore) e delle capacità (estrema forza e preparazione) calibrate al livello occorrente alle mansioni assegnate; ma qualcosa, nel complesso meccanismo non va per il verso giusto, come granelli di sabbia in ingranaggi ben oliati,  cominciano una serie di inconvenienti che fanno vacillare gradualmente la sicurezza dello scienziato e raggiungeranno probabilmente il loro apice nel prossimo episodio.....

    To be continued......

    ha scritto il 

  • 4

    Questo secondo capitolo della saga di Frankenstein di Koontz è bello (a livello del primo). La soria è intrigante e ben scritta, scorre velocemente e ti prende. Però ha qualche piccolo difetto: ci son ...continua

    Questo secondo capitolo della saga di Frankenstein di Koontz è bello (a livello del primo). La soria è intrigante e ben scritta, scorre velocemente e ti prende. Però ha qualche piccolo difetto: ci sono davvero tante storie e Koontz saltella dall'una all'altra in continuazione e a volte ci si perde un po' e in più nessuna di queste storie e nessun personaggio riesce ad essere al 100% efficace. Ad esempio: come nel primo capitolo il personaggio di Ducaelion (il mostro, per intenderci) che dovrebbe essere un po' il centro è invece un personaggio quasi di sendo piano. Confermo però che, nonostante questi difetti, il libro è buono e non vedo l'ora di leggere il terzo libro.

    ha scritto il