Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Franny e Zooey

Di

Editore: Einaudi (Nuovi Coralli; 237)

4.1
(1476)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 176 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese , Tedesco , Francese , Spagnolo , Catalano , Olandese , Ceco

Isbn-10: 8806490230 | Isbn-13: 9788806490232 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ruggero Bianchi , Romano Carlo Cerrone

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Religion & Spirituality

Ti piace Franny e Zooey?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Salinger ha l'incredibile (e a tratti fastidiosa) capacità di lasciarti avvicinare ad una Risposta, di fartela quasi toccare e poi di portartela via di colpo, abbandonandoti lì confuso e con la vaga s ...continua

    Salinger ha l'incredibile (e a tratti fastidiosa) capacità di lasciarti avvicinare ad una Risposta, di fartela quasi toccare e poi di portartela via di colpo, abbandonandoti lì confuso e con la vaga sensazione che un po' sia colpa tua, per il semplice motivo di non essere nato nella famiglia Glass.
    I tre dialoghi che caratterizzano la struttura dei racconti sono avvincenti, appassionanti e meravigliosamente inconcludenti: sì, vogliono dire qualcosa di importante, e sì, te la devi vedere tu per capire cosa perché l'autore non ha nessuna intenzione di aiutarti.
    Un esempio chiaro è il dialogo tra Franny e Zooey, a mio parere non il più riuscito (questa medaglia spetta a quello tra Zooey e Bessie) ma il più denso di significato: sei lì lì per capire, per afferrare, per illuminarti, ma poi Zooey si sdraia sul pavimento e quella scintilla svanisce, e spetta a te, lettore, a lettura finita, ritrovarla.

    ha scritto il 

  • 3

    Perché poi, diciamocelo, non è che il tutto sia davvero comprensibile: le conversazioni, i riferimenti, i modi di fare e i piccoli segreti dei protagonisti di Franny and Zooey sono riassumibili in “fa ...continua

    Perché poi, diciamocelo, non è che il tutto sia davvero comprensibile: le conversazioni, i riferimenti, i modi di fare e i piccoli segreti dei protagonisti di Franny and Zooey sono riassumibili in “fastidiosi” comportamenti che lasciano il lettore vagamente perso nel nulla, come quando dai un calcio a un sassolino e questo cade in un burrone e tu dall’alto lo guardi e cerchi di capire dove sia finito pensando comunque che tra tutte quelle foglie cadute al suolo sarà impossibile ritrovarlo.

    http://justanotherpoint.wordpress.com/2014/09/16/leggendo-67-il-matrimonio-tra-me-e-salinger-non-sha-da-fare/

    ha scritto il 

  • 2

    Libro che si sviluppa in tre lunghi dialoghi, è probabilmente l'opera meno riuscita di Salinger. Apprezzo il tema spirituale (e le ultime due pagine, semplici ma preziose), ma l'ho trovato noioso e ve ...continua

    Libro che si sviluppa in tre lunghi dialoghi, è probabilmente l'opera meno riuscita di Salinger. Apprezzo il tema spirituale (e le ultime due pagine, semplici ma preziose), ma l'ho trovato noioso e verboso. "Il Giovane Holden" è un capolavoro (specialmente per la carica innovatrice) ma Salinger temo sia un autore decisamente sopravvalutato.

    ha scritto il 

  • 4

    Lettura molto piacevole quella di questo breve romanzo. E' diviso in due capitoli, ma preferisco scinderlo in tre dialoghi: quello tra Franny e Lane, quello tra Zooey e la madre, quello tra Franny e Z ...continua

    Lettura molto piacevole quella di questo breve romanzo. E' diviso in due capitoli, ma preferisco scinderlo in tre dialoghi: quello tra Franny e Lane, quello tra Zooey e la madre, quello tra Franny e Zooey. Il primo è quello che amo di più, vivace e frizzante. Il secondo è quello che più mi ha colpito, tutto ambientato nella ristrettezza di un piccolo bagno. Il terzo è quello che rileggerei per complessità e profondità.
    Riporto una chicca: “Non dirmi che Mosè lo sapeva. Era un brav'uomo, era sempre in contatto col suo Dio e via di seguito: ma è proprio qui il punto. Lui doveva tenersi in contatto. Gesù invece capì che non c'era separazione da Dio.”
    Alto il numero di sigarette e sigari accesi in questo libro, alto anche quello di sigarette e sigari consumati senza essere fumati con i loro aspiranti fumatori persi dietro a pensieri e parole capaci di conquistare il lettore e inchiodarlo alla poltrona. Il modo in cui scrive Salinger merita da solo la lettura.

    ha scritto il 

Ordina per