Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Fratelli Coltelli

1943-2010. L'Italia che ho conosciuto

Di

Editore: Feltrinelli

3.8
(38)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 331 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8807171961 | Isbn-13: 9788807171963 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: History , Non-fiction , Political

Ti piace Fratelli Coltelli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Di Giorgio Bocca sono note la vena polemica e la mordace ironia che puntellano con forza i suoi settimanali commenti sulla situazione politica. Per l'Antiitaliano per eccellenza del giornalismo nostrano è persino facile mettere alla berlina i tanti protagonisti delle vicende nazionali, quando si ha alle spalle una conoscenza storica degli eventi di prima mano, come per certi versi testimoniano i tanti libri scritti sulla Resistenza o sui protagonisti del primo dopoguerra, come la sua biografia su Togliatti. In questo libro-antologia è raccolto in modo organico e sistematico il meglio della sua produzione "storica", articoli che a suo tempo hanno rivoluzionato lo stesso modo di fare inchiesta e quindi il giornalismo italiano, quando Bocca si mischiava ai pendolari che al mattino presto si recavano al lavoro nel Triangolo industriale o descriveva gli abbacinanti fasti del Miracolo italiano. Dalla caduta del fascismo alla Resistenza, dall'eredità della dittatura al boom economico degli anni sessanta, dal Sessantotto al fattore K., dagli anni di piombo alla fine del fordismo, dalle mafie al leghismo e all'ascesa del berlusconismo: tutti i grandi temi storici e civili che hanno contrassegnato la storia nazionale dal secondo dopoguerra sono qui al centro di un libro straordinario, specchio di antichi mali e al contempo di caduche virtù.
Ordina per
  • 0

    Che Bocca grande che hai!

    Finito?
    Diciamo che per questo libro mi sono riservata uno dei diritti imprescrittibili del lettore enunciati da Pennac: quello di saltare le pagine. L'ho fatto, leggendo quà e là tra i capitoli, saltando le pagine che non mi interessavano e soffermandomi sui periodi storici che mi premevano di ...continua

    Finito? Diciamo che per questo libro mi sono riservata uno dei diritti imprescrittibili del lettore enunciati da Pennac: quello di saltare le pagine. L'ho fatto, leggendo quà e là tra i capitoli, saltando le pagine che non mi interessavano e soffermandomi sui periodi storici che mi premevano di più. Non amo Giorgio Bocca, il fatto che sia leghista me lo rende ancora più inviso e secondo me non è un fulgido esempio di obiettività. Ho voluto leggerlo perchè si è fatto un gran parlare della scarsa imparzialità di autori del sud revisionisti e ho fatto bene perchè ho capito che l'obiettività è una dote sconosciuta anche al signor Bocca.

    ha scritto il 

  • 4

    Notevole sguardo sull'Italia dagli anni della Resistenza ad oggi, sotto forma di una raccolta di articoli e estratti da altri libri di una delle penne più importanti nel panorama giornalistico italiano

    ha scritto il 

  • 3

    Un libro che raccoglie gli interventi di Giorgio Bocca, già precedentemente pubblicati in libri o articoli di giornale. Di nuovo solo qualche commento di introduzione ai vari periodi storici trattati.

    ha scritto il 

  • 4

    Sempre graffiante la prosa di BOCCA, giornalista autentico e lucido cui non sfuggono le pieghe segrete della storia. Le sue pagine sono una piacevole ed istruttiva carrellata su momenti cruciali della storia italiana spesso dimenticati :come per esempio l’8 settembre e la nascita delle brigate ...continua

    Sempre graffiante la prosa di BOCCA, giornalista autentico e lucido cui non sfuggono le pieghe segrete della storia. Le sue pagine sono una piacevole ed istruttiva carrellata su momenti cruciali della storia italiana spesso dimenticati :come per esempio l’8 settembre e la nascita delle brigate partigiane o il fenomeno delle brigate rosse e l’uccisione di Moro.Penso sia utile soprattutto per i giovani ma anche per i non più giovani!

    ha scritto il 

  • 3

    Una carrellata lunga quasi settant'anni, una raccolta di testimonianze e racconti degli eventi più salienti della storia del nostro Paese.
    Da Mussolini a Berlusconi, dal boom economico al sessantotto e agli anni di piombo, fino all'avvento della Lega sul palcoscenico politico, per terminare con i ...continua

    Una carrellata lunga quasi settant'anni, una raccolta di testimonianze e racconti degli eventi più salienti della storia del nostro Paese. Da Mussolini a Berlusconi, dal boom economico al sessantotto e agli anni di piombo, fino all'avvento della Lega sul palcoscenico politico, per terminare con il fenomeno attuale del Berlusconismo. Lucide riflessioni per un libro molto interessante, seppur talvolta un po' lezioso e dispersivo.

    ha scritto il