Ha scritto il 12/01/17
Un libro che dà una chiave di lettura tra le righe della realtà e dei luoghi comuni. Mette al centro i dati per esaltare l'informazione e la cultura. Forse a volte un pochino ripetitivo, ma sicuramente si può definire un libro dal quale prendere ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 05/12/16
spettacolo...Come risolvere problemi in modo non convenzionale, come pensare cercando di utilizzare la propria testa, come scoprire che non tutto quello che ci viene propugnato, ha sempre un senso. Come capire che sta a noi prenderci la briga di ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 13/07/14
Un nuovo modo di fare affari ed impresa...
non mi ha lasciato gran che.
  • Rispondi
Ha scritto il 16/01/14
Mi aspettavo curiosità statistiche più sottili e sorprendenti, invece gli autori si limitano ad applicare strumenti statistici standard a contesti insoliti, senza che necessariamante le conclusioni siano insolite o controintuitive. Comunque scorre ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 21/04/12
Brillante ma noioso
Libro nato da una serie di articoli sul new york times. Il giornalista ha delle buone idee ma il suo stile sempre con la battuta pronta, brillante, salace, annoia dopo un centinaio di pagine. L'idee del libro bastano per coprirne una cinquantina, le ..." Continua...
  • Rispondi

Ha scritto il Jun 08, 2010, 23:40
"La verità è che i rischi che fanno paura alla gente e quelli che fanno perdere la vita davvero sono due cose ben diverse"
Pag. 170
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 08, 2010, 23:39
Siamo sempre più avvezzi a stabilire nessi causali tra elementi evidenti e tangibili, non tra fenomeni distanti e scomodi. E siamo sempre pronti a dar credito a legami di causa ed effetto tra fatti immediatamente riconducibili l'uno all'altro;
Pag. 158
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 08, 2010, 23:34
[...] se una donna non vuole un figlio, spesso ha le sue buone ragioni.
Pag. 155
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 08, 2010, 23:33
"Si tende ad associare la verità alla convenienza", scriveva [Galbraith], "ossia con quanto non disturba il proprio interesse, il proprio benessere o il proprio comodo. Viene inoltre tenuto in grande considerazione tutto ciò che contribuisce ... Continua...
Pag. 99
  • Rispondi
Ha scritto il Jun 08, 2010, 23:26
A seconda di chi la fornisce e come, l'informazione può fungere da faro, da clava, da ramoscello d'ulivo o da deterrente. Tale è il potere dell'informazione che essa può rivelarsi efficace anche quando è semplicemente presunta.
Pag. 75
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi