Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Freedom

By

Publisher: Picador USA

4.0
(2765)

Language:English | Number of Pages: 608 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Dutch , German , Italian , Portuguese , French , Danish , Catalan , Spanish

Isbn-10: 0312576463 | Isbn-13: 9780312576462 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Political

Do you like Freedom ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    La struttura narrativa è convincente, la vicenda dei protagonisti insieme spietata e tenera. Impossibile non interrogarsi sul significato di "libertà" nel mondo, nelle relazioni, nella propria vita. Bello. Se devo trovare un difetto, forse un po' frettoloso il finale.

    said on 

  • 2

    è tutto qui?

    Dopo le Correzioni ho pensato che Franzen rischiasse di diventare uno dei miei scrittori preferiti. Con Forte Movimento mi sono appassionata, ma fino a un certo punto. Questo Romanzo non sono riuscita a finirlo. Durante le 325 pagine ho avuto nostalgia in ogni pagina della famiglia Lambert. Poi ...continue

    Dopo le Correzioni ho pensato che Franzen rischiasse di diventare uno dei miei scrittori preferiti. Con Forte Movimento mi sono appassionata, ma fino a un certo punto. Questo Romanzo non sono riuscita a finirlo. Durante le 325 pagine ho avuto nostalgia in ogni pagina della famiglia Lambert. Poi sono passata a un altro libro.

    said on 

  • 5

    Quando Franzen non parte per la tangente e ci ammorba con la battaglia estenuante compiuta dai due personaggi, da metà del libro in avanti, per la salvaguardia del pianeta, della natura a scapito di una procreazione umana selvaggia e di uccelli sconosciuti la cui sopravvivenza sembra essere di fo ...continue

    Quando Franzen non parte per la tangente e ci ammorba con la battaglia estenuante compiuta dai due personaggi, da metà del libro in avanti, per la salvaguardia del pianeta, della natura a scapito di una procreazione umana selvaggia e di uccelli sconosciuti la cui sopravvivenza sembra essere di fondamentale importanza anche nella vita vera dello scrittore, al di fuori delle pagine del libro, il racconto scorre intenso e coinvolgente. In particolare le vicende della famiglia Berglund, tipicamente rappresentative delle famiglie americane bianche, tutte carriera politica, college e buoni sentimenti, almeno apparentemente, vengono osservate sempre più da vicino con gli occhi della protagonista Patty, sviscerandone conflitti e contraddizioni. Con il procedere del libro l'anonima Patty prende vigore e inizia il suo percorso di donna, segnata dall'indifferenza dei genitori prima, e dalle proprie sconfitte nella vita matura poi. Combattuta tra le ambizioni familiari e i propri desideri di realizzazione personale. In lotta per anni tra l'amore per il rassicurante marito e il rocker conosciuto durante il collage. E quello che a mio avviso emerge da questo bel libro, è la maturazione della protagonista, a cui tutti gli altri personaggi fanno da satellite, seppur con le loro personalità anch'esse ricche di carisma, ma in cui svetta lei, con le sue riflessioni, i suoi eccessi, la sua caparbia voglia di arrivare a conoscere sè stessa, anche quando il raggiungimento dell'obiettivo implica dolori atroci per chiunque le sia vicino. Uno dei più bei personaggi femminili di cui abbia mai letto. Contemporaneo, moderno e nello stesso tempo incarnazione del dilemma della realizzazione femminile di sempre.

    said on 

  • 4

    una scelta molto ponderata

    Era da un sacco di tempo che rimandavo la lettura di questo romanzo di Franzen perchè Le correzioni non ero riuscita a terminarlo. All'inizio stavo per abbandonare anche questo, la forma diaristica con cui si apre il romanzo è veramente noiosissima e scritta, volutamente, in modo sciatto e banale ...continue

    Era da un sacco di tempo che rimandavo la lettura di questo romanzo di Franzen perchè Le correzioni non ero riuscita a terminarlo. All'inizio stavo per abbandonare anche questo, la forma diaristica con cui si apre il romanzo è veramente noiosissima e scritta, volutamente, in modo sciatto e banale. Però poi la storia ti avvinghia e non ti molla più. E' un'analisi molto acuta e profonda dell'amore coniugale e dell'amicizia, veramente un romanzo da non perdere!

    said on 

  • 5

    "Non sapeva cosa fare, non sapeva come vivere. Ogni novità che incontrava nella vita lo spingeva in una direzione che lo convinceva in pieno, ma poi spuntava un'altra novità che lo spingeva nella direzione opposta, anch'essa in apparenza giusta. Non esisteva un filo conduttore: si sentiva una pal ...continue

    "Non sapeva cosa fare, non sapeva come vivere. Ogni novità che incontrava nella vita lo spingeva in una direzione che lo convinceva in pieno, ma poi spuntava un'altra novità che lo spingeva nella direzione opposta, anch'essa in apparenza giusta. Non esisteva un filo conduttore: si sentiva una pallina da flipper puramente reattiva, in un gioco il cui unico obiettivo era rimanere in vita per il semplice gusto di farlo".

    Bello, talmente spietato nell'analisi dei sentimenti umani- sopratutto quelli più distruttivi - che gli ho perdonato facilmente le lunghissime parti dedicate agli uccelli e qualche debolezza nella costruzione della storia.

    said on 

  • 3

    Lo spaccato di quello che la società (seppur americana) ci porta a diventare. Fosse stato un po' meno prolisso ed a tratti contorto, sarebbe stato più piacevole.

    said on 

  • 3

    “Le notizie su Walter Berglund non vennero riprese dalla stampa locale – lui e Patty si erano trasferiti a Washington due anni prima, e ormai non contavano più niente per St. Paul -, ma la nuova borghesia urbana di Ramsey Hill non era così leale alla propria città da non leggere il “New York Time ...continue

    “Le notizie su Walter Berglund non vennero riprese dalla stampa locale – lui e Patty si erano trasferiti a Washington due anni prima, e ormai non contavano più niente per St. Paul -, ma la nuova borghesia urbana di Ramsey Hill non era così leale alla propria città da non leggere il “New York Times”.”

    said on 

Sorting by