Frostbite

(Vampire Academy, Book 2)

By

Publisher: Razorbill

4.1
(761)

Language: English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 1595141758 | Isbn-13: 9781595141750 | Publish date: 

Also available as: Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Frostbite ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Rose loves Dimitri, Dimitri might love Tasha, and Mason would die to be with Rose...It's winter break at St Vladimir's, but Rose is feeling anything but festive. A massive Strigoi attack has put the school on high alert, and now the Academy's crawling with Guardians - including Rose's hard-hitting mother, Janine Hathaway. And if hand-to-hand combat with her mom wasn't bad enough, Rose's tutor Dimitri has his eye on someone else, her friend Mason's got a huge crush on her, and Rose keeps getting stuck in Lissa's head while she's making out with her boyfriend, Christian! The Strigoi are closing in, and the Academy's not taking any risks...This year, St Vlad's annual holiday ski trip is mandatory. But the glittering winter landscape and the posh Idaho resort only create the illusion of safety. When three friends run away in an offensive move against the deadly Strigoi, Rose must join forces with Christian to rescue them. But heroism rarely comes without a price...
Sorting by
  • 2

    Difficile da giudicare un libro che per 300 pagine è noioso, privo di azione e di cui la protagonista si vanta di quanto è figa, di quanto piace ai ragazzi, di che bei capelli ha, e improvvisamente pe ...continue

    Difficile da giudicare un libro che per 300 pagine è noioso, privo di azione e di cui la protagonista si vanta di quanto è figa, di quanto piace ai ragazzi, di che bei capelli ha, e improvvisamente per le ultime 100 pagine diventa un libro da 3/4 stelline. E' come se Rose fosse cresciuta improvvisamente passando da bambina viziata ed egoista a donna non più al centro dell'universo.
    Se dovessi considerare solo le ultime 100 pagine darei un bel voto ma trattandosi della quarta parte del libro faccio una media e si prende 2,5 stelline.
    Merita leggerlo solo per l'ultima parte e mi auguro che il seguito continui su questa linea.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Lettura d'evasione un po' stereotipata e molto "teen"

    Se si potessero attribuire due stelline e mezza come voto ai libri probabilmente avrei optato per questa soluzione, perché il libro a mio avviso è appunto una via di mezzo tra un intrattenimento legge ...continue

    Se si potessero attribuire due stelline e mezza come voto ai libri probabilmente avrei optato per questa soluzione, perché il libro a mio avviso è appunto una via di mezzo tra un intrattenimento leggero e a tratti godibile, e un'opera frivola, spesso superficiale e che sa un po' troppo di già "visto" (o meglio, letto).
    Tutti i libri possiedono generalmente pregi e difetti, eppure è difficile scindere i due, perché laddove c'è del buono in questa serie, ecco che lì iniziano subito debolezze e mancanze; innanzitutto odora troppo di serie per sedicenni, con tutti i pro e (soprattutto) i tanti contro; c'è un'attenzione spesso stucchevole per il romance, o meglio mancato romance, di Rose, la protagonista, che si atteggia tanto a irresistibile mangiauomini e poi non combina nulla, se la tira e si compiace in maniera ostentata del modo in cui risveglia la libido maschile, ma in fin dei conti è piuttosto ingenua e quasi "puritana". Si invaghisce del suo mentore, e naturalmente dev'essere ricambiata, come emerge da questo volume, e alla lunga infastidisce per i due soli metodi con cui riesce ad interagire con l'altro sesso (ma non solo): o mettondosi in competizione, o flirtandoci (naturalmente senza concludere niente). Insomma, questa protagonista per me è tutto fumo e niente arrosto, i toni usati nel suo caso trasudano esaltazione e ammirazione incondizionata, quando fino alla fine di questo volume non mi pare abbia mai combinato granché, tranne forse essere una delle migliori nelle varie discipline di lotta e nell'addestramento,mma sempre in ambiente scolastico. Mi ricorda da vicino Anita Blake della serie omonima firmata Laurell K. Hamilton, e sinceramente per me non è certo un complimento. Il modo in cui viene incensata di lodi, dall'aspetto fisico alle abilità più disparate, e quell'essere considerata da tutti invincibile, una semplice apprendista di diciassette anni...oddio, che banali cliché del genere urban fantasy/young adult. Oltretutto un altro aspetto dei libri che trovo fastidiosissimo è l'assenza di un personaggio femminile "tosto" che bilanci e ridimensioni l'avventata e presuntuosa Rose: Lissa è poco più di una bambolina molle, possiede un talento unico ma non sa sfruttarlo, è inoltre insicura e dipendente da Rose e/o Christian, non sa reggersi in piedi da sola, quando invece potrebbe fare le scarpe a quasi tutti, Mia è passata in questo libro dal ruolo di classica stronzetta antipatica e dispettosa, ma anche astuta, tenace e imprevedibile, a personaggio codardo e praticamente incapace, e le altre...non esistono. Tutte spariscono in confronto a Rose, per un motivo o per l'altro.
    La trama ingrana troppo a rilento, risulta dispersiva e frammentaria a causa dei continui intermezzi "romantici" o altri espedienti futili, e i nemici poi...santo cielo, 'sti Strigoi fin dal primo volume vengono descritti come spietati e ferocissimi assassini, inarrivabili sul piano fisico, e e una semplice novizia ne uccide ben due quasi senza spettinarsi? Ma andiamo, chiunque capirebbe che era tutto un pretesto per giustificare la reputazione di Rose di dura e farle avere i suoi primi tatuaggi. Mi domando a che scopo poi far morire Mason, che trovavo anche noioso per il suo eccessivo attaccamento adorante a Rose, ma che in fondo non c'era nessun bisogno di togliere di mezzo, se non per innescare una banalissima furia omicida in lei e farle vivere l'immancabile crisi depressiva, mista a senso di colpa del sopravvissuto. Ah già, almeno ora non dovrà preoccuparsi di nascondere il suo rapporto ambiguo/amoroso con Dimitri, altro personaggio considerato addirittura un "dio" della lotta, e che poi sistematicamente non combina nulla quando c'è bisogno di lui, se non eliminare qualche tirapiedi del vero nemico.
    Anche il personaggio di Christian è sempre messo in ombra (facile intuire da chi), e mi dispiace anche, perché è forse uno dei meno scontati, inoltre la coppia che forma con Lissa mi piace abbastanza. Spero che nei successivi volumi si riscattino almeno un po', e che quella voyeur di Rose la pianti di ficcare il naso negli affari loro, che schifo.
    Insomma, tirando le somme, il mio giudizio suona negativo e impietoso, tuttavia mi sento di promuovere lo stile di scrittura fresco e curato, anche abbastanza gradevole e ricercato, per quanto non ampolloso come la Rice per esempio, e le descrizioni misurate ed efficaci, nonché le atmosfere, un po' gotiche un po' fantasy, per quanto un po' "annacquate". L'idea di Moroi, dhampir e strigoi è interessante, ma sfruttata maluccio dall'autrice, gli scontri confusionari e non abbastanza coinvolgenti, e sicuramente manca l'elemento magico/sovrannaturale a movimentarli. Quindi meno Rose-centrismo, più azione e attenzione ad altri personaggi con molto più fascino di lei. E un cattivo con un po' di cervello magari.

    said on 

  • 4

    Secondo volume della fantastica serie dell'accademia dei vampiri. Ho amato lo stile di scrittura dell'autrice, che risulta molto scorrevole, ho amato le coppie che si formano, che ho shippato dall'ini ...continue

    Secondo volume della fantastica serie dell'accademia dei vampiri. Ho amato lo stile di scrittura dell'autrice, che risulta molto scorrevole, ho amato le coppie che si formano, che ho shippato dall'inizio del libro e una in particolare mi ha fatto sperare e fangirlare dall'inizio della serie per poi farmi sclerare alla fine di questo volume. Non vedo l'ora di leggere i seguiti e per ora consiglio la saga.

    said on 

  • 3

    Mi è piaciuto!

    Penso sempre che i libri narrati in prima persona senza più punti di vista perdano sempre qualcosa, ma mi sta piacendo molto come serie. La storia di Rose e Dimitri ha fatto un piccolo passo e spero n ...continue

    Penso sempre che i libri narrati in prima persona senza più punti di vista perdano sempre qualcosa, ma mi sta piacendo molto come serie. La storia di Rose e Dimitri ha fatto un piccolo passo e spero non diventi il fulcro della vicenda. Qui si conoscono meglio alcuni personaggi e se ne incontrano di nuovi.
    Una serie veramente bella. Merita davvero!!

    said on 

  • 4

    Riprendiamo da dove avevamo lasciato...

    Quattro stelle anche per questo secondo volume della saga.
    Cambia l'ambientazione, viene introdotto qualche nuovo personaggio (Adrian è piuttosto intrigante e sono davvero curiosa di vedere quale sarà ...continue

    Quattro stelle anche per questo secondo volume della saga.
    Cambia l'ambientazione, viene introdotto qualche nuovo personaggio (Adrian è piuttosto intrigante e sono davvero curiosa di vedere quale sarà il suo ruolo all'interno dell'Accademia) e la storia si infittisce.
    Viene dato uno spazio maggiore agli Strigoi, Rose viene messa a dura prova e dimostra, nuovamente, di cavarsela benissimo in situazioni stressanti e pericolose (anche se non manca l'introspezione e l'analisi delle emozioni della protagonista). Si verificano una serie di eventi che fanno stare il lettore col fiato sospeso e, quando meno te lo aspetti, succede l'irreparabile.
    What can I say?!? T.T
    Le ultime pagine sono state veramente terribili. Le scene, anche quelle cruente, sono descritte veramente bene.
    Lo stile di scrittura è scorrevole e tiene perfettamente il ritmo della narrazione.
    Sono sempre più convinta che questo ciclo sia molto più di quello che le copertine "promettono".
    PROMOSSO!

    said on 

  • 4

    4 stelle. - Saga, credo, in crescita.

    Recensione completa qui: http://lionessroaring89.blogspot.it/2015/11/recensione-30-morsi-di-ghiaccio.html.

    said on 

  • 5

    Una lettura coinvolgente e ricca di emozioni. La storia cattura, una volta iniziato a leggere non ci si ferma più.
    Stupendo.
    Mi piacciono i personaggi, mentre in altri libri trovo che alcuni siano ant ...continue

    Una lettura coinvolgente e ricca di emozioni. La storia cattura, una volta iniziato a leggere non ci si ferma più.
    Stupendo.
    Mi piacciono i personaggi, mentre in altri libri trovo che alcuni siano antipatici, e nonostante siano molti sono ben caratterizzati.
    Le descrizioni, che a me non piacciono molto, non danno dettagli superflui, solo quelli necessari e soprattutto non sono troppo lunghe.
    La figura di Lissa non è presente come nel primo libro e l'amicizia con Rose, secondo me, viene un pò messa in secondo piano infatti non è più sottolineata costantemente.
    Rose mi piace sempre di più, nonostante sia spesso scontrosa e aggressiva e possa sembrare antipatica, sa essere una buona amica e sa capire gli altri. Se sbaglia, si accorge e cerca di rimediare in qualche modo. Di sicuro non è una persona che sta con le mani in mano.

    said on 

  • 4

    Sebbene non all'altezza del primo, immergermi tra le pagine di questa saga ha lo stesso effetto che il donare il sangue a Lissa ha su Rose. Non un paragone dei più felici, ma ehi... io dico che è ok! ...continue

    Sebbene non all'altezza del primo, immergermi tra le pagine di questa saga ha lo stesso effetto che il donare il sangue a Lissa ha su Rose. Non un paragone dei più felici, ma ehi... io dico che è ok!

    A proposito, mi chiamo Rose Hathaway. Ho diciassette anni, mi alleno a proteggere e uccidere vampiri, sono innamorata del ragazzo sbagliato, e ho un'amica del cuore che potrebbe impazzire per colpa dei suoi strani poteri magici.

    Ehi, nessuno ha mai detto che la scuola superiore sarebbe stata facile.

    Rose spacca ancora i culi, Dimitri è intenzionato più che mai ad allentare il loro legame, Lissa sembra star meglio, e gli Strigoi sono sempre la minaccia dietro l'angolo.
    Azione, dramma e romanticismo non mancano, e mi sta bene - soprattutto la terza, credo - ma l'idea che Roza faccia fuori non uno, ma ben due Strigoi in una volta... uhmmm non so, deve ancora convincermi.

    said on 

  • 4

    Rendiamo grazie alla letteratura di intrattenimento.

    Grazie per riuscire a farmi allontanare da una bruttissima giornata di lavoro.

    Grazie per essere leggera, divertente, appassionante senza farmi ven ...continue

    Rendiamo grazie alla letteratura di intrattenimento.

    Grazie per riuscire a farmi allontanare da una bruttissima giornata di lavoro.

    Grazie per essere leggera, divertente, appassionante senza farmi venire sonno.

    Grazie per avermi regalato una storia frivola, giovane e perfetta per quei momenti di depressione che mi ingrigiscono.

    Grazie per togliermi un sacco di anni, per farmi tornare la fissa dello young adult paranormale, dei vampiri adolescenti e delle eroine kick ass.

    Grazie Richelle per non avermi delusa con il secondo romanzo, dopo che il primo mi era piaciuto così tanto.

    Grazie alle biblioteche, perché se non esistessero sarei già entrata nel tunnel della depressione o, probabilmente, sarei sempre senza soldi sul conto.

    Rendo grazie, quindi, perché per una volta sono riuscita a far combaciare una serie di cose che mi hanno fatto godere letteralmente la lettura di questo romanzo.

    Questo mese ho fatto un fioretto: meno letture comandate e più letture del cuore. Mi sono stufata un pochino di tenere un ritmo serrato, di essere puntuale, precisa, di dare precedenza a certi libri. Per carità, leggo solo ciò che mi piace e seguire un certo programma non mi pesa più di tanto, ma mi manca poter scegliere romanzi vecchi, uscite che mi ero persa, e fare una scorpacciata di serie fino a finirle tutte. Mi mancavano i pomeriggi in biblioteca e il ritiro di 10 volumi dall'interprestito - con la bibliotecaria che mi fissa sconcertata - mi mancava la libertà di scegliere dalla pila senza sentire l'urgenza di leggerli.

    Da un paio di settimane a questa parte leggo con calma e solo ciò che mi attira e sto riuscendo a seguire il mio programma: finire le serie.

    Naturalmente ho dato precedenza a quelle già iniziate e poteva non esserci la Mead? Ovviamente no!

    Morsi di ghiaccio è il secondo romanzo della serie ed è, in tutto e per tutto un degno seguito di L'accademia dei Vampiri. In due giorni ho divorato il libro, leggendono in ogni momento libero e sfoggiandolo con orgoglio sulla metro, sui mezzi, nella pausa pranzo, e pure la sera a casa.
    ...
    http://miraphorando.blogspot.it/2015/05/richelle-mead-morsi-di-ghiaccio.html

    said on 

  • 4

    Morsi di ghiaccio

    Mi è piaciuto più del primo, soprattutto da metà in poi. Rose mi sta simpatica per la sua strafottenza soprattutto, ma anche perchè sbaglia, se ne accorge, ne paga le conseguenze e si scusa. Mi piacci ...continue

    Mi è piaciuto più del primo, soprattutto da metà in poi. Rose mi sta simpatica per la sua strafottenza soprattutto, ma anche perchè sbaglia, se ne accorge, ne paga le conseguenze e si scusa. Mi piacciono i personaggi che non sono sempre impeccabili. Ovviamente quindi sopporto poco Dimitri, infatti ho sperato per tutto il tempo un coinvolgimento con Adrian che ovviamente apprezzo molto di più. A parte i personaggi la storia è sempre coinvolgente e questa idea di mondo con le aristocrazie e le classi è molto ben sviluppata. In questo libro ho apprezzato molto la storia della madre di Rose e proprio come lei all'inizio non l'ho sopportata e poi... bè l'ho rivalutata. Credevo che questa serie non facesse presa su di me, che fosse troppo "young". Però adesso la curiosità di sapere come prosegue c'è ed è molto forte. Al prossimo libro allora

    said on 

Sorting by