Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Fuga, ferro e fuoco

Di

Editore: Tropea

3.3
(19)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 348 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8855800116 | Isbn-13: 9788855800112 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Manenti

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Fuga, ferro e fuoco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    La ricostruzione della ribellione delle monache di Puebla nella seconda metà del Settecento, comparata con quella degli studenti del 1973. Intrigante la figura dell'Autore, talmente presente da sostituirsi a una figura evocata da una delle monache ribelli, con un finale molto accattivante e ... m ...continua

    La ricostruzione della ribellione delle monache di Puebla nella seconda metà del Settecento, comparata con quella degli studenti del 1973. Intrigante la figura dell'Autore, talmente presente da sostituirsi a una figura evocata da una delle monache ribelli, con un finale molto accattivante e ... molto sudamericano.
    Perché tre stelle? Mah, sarà che le suore non sono riuscite a tirarmi dalla loro parte, nonostante l'analisi - un po' forzata - dell'Autore nel presentare la loro ribellione come una eco delle idee di Voltaire e Rousseau.

    ha scritto il 

  • 3

    spiriti ribelli

    Sarà che le suore non mi piacciono neanche quando si ribellano ai vescovi, sarà che la scrittura è un po' noiosa, saranno gli andirivieni temporali tra settecento e novecento, ma non riuscivo a finirlo.
    Meglio la documentazione storica, sia sulla rivolta delle suore, sia su quella degli st ...continua

    Sarà che le suore non mi piacciono neanche quando si ribellano ai vescovi, sarà che la scrittura è un po' noiosa, saranno gli andirivieni temporali tra settecento e novecento, ma non riuscivo a finirlo.
    Meglio la documentazione storica, sia sulla rivolta delle suore, sia su quella degli studenti
    Mi sa che questo realismo fantastico dei latinoamericani non mi acchiappa.

    ha scritto il 

  • 5

    “Quale sara’ il segreto dello scrittore che ogni giorno entra per qualche ora in altre vite abbandonando la sua, inventa amori, racconta di morti, descrive fatti e intreccia eventi sorprendenti, a volte originali, per poi di colpo lasciare questo mondo complesso e tornare alla sua quotidianita’, ...continua

    “Quale sara’ il segreto dello scrittore che ogni giorno entra per qualche ora in altre vite abbandonando la sua, inventa amori, racconta di morti, descrive fatti e intreccia eventi sorprendenti, a volte originali, per poi di colpo lasciare questo mondo complesso e tornare alla sua quotidianita’, chiedere una tazza di caffe’ e mettersi a valutare con la moglie l’opportunita’ di andare al cinema? Come fara’ mai a passare da questa a quell’altra vita, da queste a quelle presenze? Come puo’ permettersi tali acrobazie, dalla donna descritta alla donna vissuta; dalla seccatura per una certa fattura che e’ arrivata all’angoscia della morte di un eroe in un luogo solitario? Che cosa potrei fare per difendere la mia Puebla di allora da questa Puebla di oggi in cui sparano colpi d’arma da fuoco e muoiono studenti? Come fare per asserragliarsi fra le pagine scritte e impedire che il sole dell’oggi possa illuminarle?”

    Nel contatto continuo dello scrittore con la storia che scrive, nell’entrarne ed uscirne, nella rottura della barriera del tempo e della narrazione sta la magia di questo libro. E in una penna – quelle rare – davvero toccate dalla Grazia della Scrittura.

    ha scritto il 

  • 5

    Una bellissima storia che si svolge tra due fatti storici realmente avvenuti nella città di Puebla de los Angeles in Messico a circa 200 anni di distanza l'uno dall'altro e il sogno/invenzione di Paco Ignacio Taibo I. Il primo fatto storico risale al settecnto ed è un'inusuale rivolta delle monac ...continua

    Una bellissima storia che si svolge tra due fatti storici realmente avvenuti nella città di Puebla de los Angeles in Messico a circa 200 anni di distanza l'uno dall'altro e il sogno/invenzione di Paco Ignacio Taibo I. Il primo fatto storico risale al settecnto ed è un'inusuale rivolta delle monache di clausura, il secondo che si volge nel 1973 è una rivolta di studenti dell'Università. Entrambe le storie si conclusono con una repressione e soprattutto con una volontà di cancellazione da parte della città di Puebla dei due eventi. In entrambi i casi Paco Ignacio Taibo I sottolinea la necessità dell'affermazione della propria diversità, originalità, del prorpio diritto ad essere se stessi. Tutti temi che evidentemente in qualsiasi momento storico ci si trovi finiscono con lo spaventare il potere costituito, qualsiasi esso sia.

    ha scritto il