Fuga dal Natale

Di

Editore: Mondadori - I Miti

3.5
(1887)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 153 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Svedese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Catalano , Olandese , Portoghese

Isbn-10: 8804524006 | Isbn-13: 9788804524007 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Paperback , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace Fuga dal Natale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Luther e Nora Krank sono un'affiatata coppia di mezza età, abituata a vivere secondo le tradizioni. Quando però la loro unica figlia, Blair, decide dipartire come volontaria per il Sudamerica, un pensiero un po' folle si insinua in loro, ma poi via via sempre più concreto: che senso ha trascorrere il Natale senza Blair? E se lo saltassero? I due decidono concordemente di rinunciare ai costosi e inutili festeggiamenti di Natale per concedersi una bella crociera ai Caraibi. Ma i poveri Krank vengono presi di mira da tutta una comunità che non accetta deroghe alla norma e saranno costretti a rivederei loro piani...
Ordina per
  • 4

    Non amando il Natale, sono stata attirata da questo libro di Grisham. L'ho trovato leggero e divertente. Non è un capolavoro, ma è molto carino. Il film è abbastanza simile al libro, ma non è assoluta ...continua

    Non amando il Natale, sono stata attirata da questo libro di Grisham. L'ho trovato leggero e divertente. Non è un capolavoro, ma è molto carino. Il film è abbastanza simile al libro, ma non è assolutamente all'altezza.

    ha scritto il 

  • 4

    un Natale da ridere

    Primo libro che leggo di Grisham e mi ha conquistato, il suo modo di scrivere è erudito, fluido e con vocaboli ricercati, leggerò sicuramente altro di lui.
    Questo libro è perfetto per una lettura post ...continua

    Primo libro che leggo di Grisham e mi ha conquistato, il suo modo di scrivere è erudito, fluido e con vocaboli ricercati, leggerò sicuramente altro di lui.
    Questo libro è perfetto per una lettura post-Natale, si ride di gusto, una commedia natalizia senza scene sdolcinate e ne i soliti cliché Natalizi, divertente quasi da toccare l'assurdo e con un finale inaspettato che mi ha scaldato il cuore.

    ha scritto il 

  • 3

    Visto il periodo natalizio avevo bisogno di un libro adeguato ma, non avendone, sono ricorsa alla libreria di mia madre dove ho trovato questo libro!!!!!

    Tempo fa avevo visto il film e mi era piaciuto ...continua

    Visto il periodo natalizio avevo bisogno di un libro adeguato ma, non avendone, sono ricorsa alla libreria di mia madre dove ho trovato questo libro!!!!!

    Tempo fa avevo visto il film e mi era piaciuto e, incentivata anche dal non aver mai letto nulla di Grisham, ho iniziato la lettura.

    Questo libro rappresenta per me un primato perché, per la prima volta, ho preferito il film al libro ma, nonostante questo, penso che valga comunque la pena di leggerlo. Per tutto il libro sono rimasta molto infastidita dal comportamento dei vicini che sembrano non voler capire il desiderio di Mr. Krank di cambiare le tradizioni, ma non solo, i due coniugi sembrano completamente inglobati in un sistema composto da obblighi, tradizioni e conformismi che risultano veramente troppo esagerati....ho capito l'intenzione dell'autore di portare all'estremo una situazione (forse autobiografica????) ma, nel mio caso, ha solo ottenuto il risultato di rendermi i vicini, il quartiere, la città, completamente insopportabili!!!!!

    Nonostante questo però devo dire che il finale me lo sono goduto, ripagandomi della "fatica" fatta ad arrivare a quel punto: nel finale ho trovaro quello che stavo cercando, nel finale ho trovato l'essenza del Natale!!!!

    Non saprei se leggendo altro dell'autore, e quindi addentrandomi maggiormente nel suo stile, potrei apprezzare maggiormente questo libro, o se quello che ho provato io era realmente quello che voleva provocare lui (cercherò qualcosa in proposito su Internet!!!!), ma sinceramente io consiglio il film che, secondo me, rappresenta il lato migliore di questa storia....

    ha scritto il 

  • 4

    Luther e Nora passeranno il primo Natale senza Blair, non sembra nemmeno Natale così! In più Luther controllando le spese dell’anno precedente ha notato che ben 6100 dollari sono stati spesi per regal ...continua

    Luther e Nora passeranno il primo Natale senza Blair, non sembra nemmeno Natale così! In più Luther controllando le spese dell’anno precedente ha notato che ben 6100 dollari sono stati spesi per regali, addobbi, beneficienza, insomma per Natale! E cosa ne hanno ricavato? Nulla!! Per questo ha deciso che quest’anno il Natale non si farà!

    “Il trucco è semplice. Non facciamo Natale. Risparmiamo i soldi, e una volta tanto li spendiamo per noi stessi. Non un centesimo per cibo che non mangeremo, indumenti che non indosseremo o regali di cui nessuno a bisogno. Non un maledetto centesimo. È un boicottaggio, Nora, un totale boicottaggio del Natale.”

    Peccato però che la sua semplice idea all'apparenza geniale lasci tutti di stucco, a partire dai vicini che gli dichiarano guerra essendo l’unico a non esporre il Frosty sul tetto, facendo così perdere il premio di via più bella al quartiere.La loro decisione di boicottare il Natale e andarsene ai Caraibi fa presto il giro del vicinato, tutti sanno che loro non festeggeranno, e tutti gli metteranno pressione per comprare, fare beneficenza e decorare. Insomma un vero incubo! Per fortuna che il giorno della partenza è vicino!
    Ma proprio quando mancano pochi giorni alla partenza accade qualcosa che sconvolgerà i loro piani, costringendoli a fare dietro front per correre ai ripari al più presto, ma dopo aver voltato le spalle a tutti, chi vorrà mai aiutarli?
    [...]
    recensione completa qui http://ennesimobookblog.blogspot.it/2016/12/fuga-dal-natale-john-grisham.html

    ha scritto il 

  • 4

    Il Grisham che non ti aspetti.
    Fiaba natalizia moderna, sembra creata apposta per essere trasferita sul grande schermo (ed è ciò che puntualmente è avvenuto).
    Risvolto
    Luther e Nora Krank sono un'affi ...continua

    Il Grisham che non ti aspetti.
    Fiaba natalizia moderna, sembra creata apposta per essere trasferita sul grande schermo (ed è ciò che puntualmente è avvenuto).
    Risvolto
    Luther e Nora Krank sono un'affiatata coppia di mezza età, abituata a vivere secondo le tradizioni. Quando però la loro unica figlia, Blair, decide di partire come volontaria per il Sudamerica, un pensiero un po' folle, ma via via sempre più concreto, si insinua in loro: che senso ha trascorrere il Natale senza Blair? E se lo saltassero? I due decidono concordemente di rinunciare ai costosi e inutili festeggiamenti di Natale per concedersi una bella crociera ai Caraibi. Ma i poveri Krank vengono presi di mira da tutta una comunità che non accetta deroghe alla norma e saranno costretti a rivedere i loro piani...

    ha scritto il 

  • 5

    Bello bello bello

    Davvero un Grisham inaspettato, dopo aver poco apprezzato il suo "L'appello". Si ride di gusto con questo libro, lungo al punto giusto e brillante sia nel modo di raccontare che nel creare le situazio ...continua

    Davvero un Grisham inaspettato, dopo aver poco apprezzato il suo "L'appello". Si ride di gusto con questo libro, lungo al punto giusto e brillante sia nel modo di raccontare che nel creare le situazioni. Consigliato anche il film!

    ha scritto il 

  • 4

    Non ho mai letto nulla di Grisham, perciò non so come sia il suo stile di solito, a quanto leggo non c'entra molto con questo libro, che tuttavia mi è piaciuto! Una favoletta, leggera, natalizia, adat ...continua

    Non ho mai letto nulla di Grisham, perciò non so come sia il suo stile di solito, a quanto leggo non c'entra molto con questo libro, che tuttavia mi è piaciuto! Una favoletta, leggera, natalizia, adatta per le feste, di certo non un pilastro della letteratura, ma proprio quello che mi ci voleva in questo momento ^_^

    ha scritto il 

  • 2

    La verità è che Luther è un sottone senza spina dorsale che si fa comandare a bacchetta dalla moglie. Fossi stata io, avrei fatto un ciaone a due mani!

    Dunque, il romanzo non mi ha entusiasmato per ni ...continua

    La verità è che Luther è un sottone senza spina dorsale che si fa comandare a bacchetta dalla moglie. Fossi stata io, avrei fatto un ciaone a due mani!

    Dunque, il romanzo non mi ha entusiasmato per niente, speravo in un po' di brio e di risate ma mi sono un sacco annoiata.. Certo, alcune scenette meritano, ma considerando la lunghezza del libro e la mia attenzione che vacillava, il gioco non vale la candela!
    La prima parte, quella in cui i Krank decidono di boicottare il Natale è quella che mi è piaciuta di più, l'ostracismo dei vicini e il loro senso del Natale (in parte esagerato, certo, ma non troppo.. Dopo un Natale a Houston e lo spettacolo "Zoo lights" conosco bene la follia degli americani e la sacralità della festa O.O) sono stupendi :D
    La parte in cui "Nah, ragazzi, abbiamo scherzato, il Natale si farà!" è di una noia rara e STUPIDA, stupidissima.. Luther mi ha fatto venire un embolo per come si comporta!!

    Purtroppo nessuno dei personaggi brilla per qualsivoglia motivo, mi hanno solo tanto indisposto.. Peccato, l'idea era così carina!

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per