Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Fuoco centrale e altre poesie per il teatro

By Mariangela Gualtieri

(257)

| Others | 9788806164683

Like Fuoco centrale e altre poesie per il teatro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Quasi fosse una rabdomante della parola, Mariangela Gualtieri oltrepassa lasembianza razionale delle cose e i confini della psiche individuale, in unabbandono vigile e teso a cogliere l'essenza di stati d'animo e corrispondenzecol mondo. E dalla capa Continue

Quasi fosse una rabdomante della parola, Mariangela Gualtieri oltrepassa lasembianza razionale delle cose e i confini della psiche individuale, in unabbandono vigile e teso a cogliere l'essenza di stati d'animo e corrispondenzecol mondo. E dalla capacità di osservazione stupita del mondo, unita a quelladi ascolto delle risonanze interiori, nascono le sue poesie che conducono illettore nel territorio ibrido che sta tra infanzia e crudeltà, bellezza edolore.

42 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    ... è tutta avvolta nella coperta di lana

    La sostanza dove io manco è tutta avvolta nella coperta di lana. Di quelli che più volte ho toccato ricordo le mani le facce le pance le voci le pettinature. Mi stanno aiutando. (Enigma: io sono la mancanza – la mancanza che sono – sono ciò da cui ma ...(continue)

    La sostanza dove io manco è tutta avvolta nella coperta di lana. Di quelli che più volte ho toccato ricordo le mani le facce le pance le voci le pettinature. Mi stanno aiutando. (Enigma: io sono la mancanza – la mancanza che sono – sono ciò da cui manco – sono tutta mancanza – e non c'è nostalgia – neppure lontananza – essendo ciò che manca – adesso e sempre – io)

    Is this helpful?

    Daisy (in perpetuo volo) said on Nov 5, 2013 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Il paradosso della mia scrittura sta nel voler essere affermativa, nel voler caparbiamente trovare armonia in mezzo a questi cocci. Si è sempre a un centimetro dalla retorica e questo è il prezzo da pagare se si vuole tentare una scrittura esortativ ...(continue)

    "Il paradosso della mia scrittura sta nel voler essere affermativa, nel voler caparbiamente trovare armonia in mezzo a questi cocci. Si è sempre a un centimetro dalla retorica e questo è il prezzo da pagare se si vuole tentare una scrittura esortativa. Non è un tentativo, in realtà, è piuttosto un destino: io non posso fare altro che questo".

    Is this helpful?

    n! said on Jun 15, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Finisce direttamente nella mia lista dei libri preferiti

    Letto e riletto, come lei nessun altro usa le parole. Sono vive, taglienti, ruvide. L'ho apprezzato in ogni sfumatura.

    Is this helpful?

    Sehnsucht said on Apr 14, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Nome che stai al centro,
    il tuo suono ciocca e s'imperla di voci
    ma nessuna ti tiene, nessuna ti osa in
    suono, in lettera e cifra. Nelle tue solitudini
    di mai chiamato. Come tutto è assai strano.
    A me sembra. Assai strano.
    Ti piantóno, ti indago, m ...(continue)

    "Nome che stai al centro,
    il tuo suono ciocca e s'imperla di voci
    ma nessuna ti tiene, nessuna ti osa in
    suono, in lettera e cifra. Nelle tue solitudini
    di mai chiamato. Come tutto è assai strano.
    A me sembra. Assai strano.
    Ti piantóno, ti indago, mi avvicino in
    millimetri. Ti ho nella voce
    senza che esca in suono."

    Is this helpful?

    l'esprit de l'escalier said on Mar 3, 2013 | Add your feedback

  • 24 people find this helpful

    A che serve scrivere qui della mirabile tua forma: mi limiterei alla capacità di percepire le cose, all’osservazione del mondo.
    Tu hai sempre saputo che esiste un altro linguaggio, quello fra le nostre anime e l’universo che chiami paesaggio, un’inte ...(continue)

    A che serve scrivere qui della mirabile tua forma: mi limiterei alla capacità di percepire le cose, all’osservazione del mondo.
    Tu hai sempre saputo che esiste un altro linguaggio, quello fra le nostre anime e l’universo che chiami paesaggio, un’interiorità parlante, non sondabile, ma constatabile.
    Sono tue parole.
    Eppure, ha veramente senso servirsi della parola per cercare, inseguire sempre l’armonia, in un mondo così arido, duro e che comunque presenta una fine?
    Davvero non si può e non posso fare altro?
    Prima sarebbe stato più facile scoprirlo.
    Oggi un mondo popolato da tutor e guide robotiche ha spazzato via auruspici ed indovini, sibille ed oracoli,
    il modo più diretto per ascoltare e parlare con il paesaggio, con i cieli.
    I grandi alberi.
    Ecco, io voglio raccontare altro,
    voglio dire che non sapevo…
    Non sapevo di aspettare le parole,
    i pensieri,
    la voce.
    Non sapevo che mi sarei riscoperto,
    ritrovato nello stupore.
    Soprattutto,
    non sapevo dell’attesa…
    sì, ti stavo aspettando,
    da lungo tempo sai?
    Fin dai giorni in cui raccoglievamo,
    perché di sicuro anche tu lo facevi,
    minuscole conchiglie,
    credendole parti di un immenso tesoro.
    Tu hai reso il linguaggio dell’amore
    vento,
    a volte delicato,
    più spesso tempesta,
    così da superare le distanze,
    le vette ed i baratri,
    per far sì che ci raccontassimo di gioie e ferite.
    Perché il bello della vita
    arriva sempre tardi?
    Ora,
    sotto pensiline fatte di nuvole,
    posso dire di aver afferrato
    il tuo colore puro,
    mentre treni di parole silenziose
    continuano a viaggiare da me a te
    abbracciati,
    dentro l’indaco
    che non è forma nel cielo,
    ma sfuma già nel viola più tenue.
    E nel tiepido sole d’autunno
    siamo ormai raggi sfuggenti
    di un sentimento che dura.

    Is this helpful?

    ilsegretodelbosco said on Oct 29, 2012 | 7 feedbacks

Book Details

  • Rating:
    (257)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 137 Pages
  • ISBN-10: 8806164686
  • ISBN-13: 9788806164683
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2003-01-01
Improve_data of this book

Margin notes of this book