Fuori!

Di

Editore: Rizzoli (Saggi italiani)

3.5
(76)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 216 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817048992 | Isbn-13: 9788817048996 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biografia , Politica

Ti piace Fuori!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Contro i soliti noti, contro tromboni e trombati, contro una classe politica che ha già sprecato la propria opportunità di cambiare le cose.

I SOGNI, LE IDEE, LE SPERANZE DI UNA NUOVA GENERAZIONE.

QUANTI POLITICI RIFIUTEREBBERO una poltrona sicura? Chi mai rinuncerebbe a una carica pubblica servita su un piatto d’argento?Chiunque risponderebbe alla stessa maniera: “Nessuno!”. E questo non solo perché gli italiani hanno perso fiducia nella politica, ma — cosa ben più grave — si sono arresi all’idea di non aspettarsi niente di meglio da chi li governa. Eppure c’è chi di fronte ai soliti giochetti dei piccoli e grandi poteri di casa nostra ha saputo dare la risposta più sfacciata: “No, grazie”. Matteo Renzi è uno di questi.Alla fine del suo primo mandato come presidente della Provincia di Firenze, gli era stata assicurata la rielezione. Renzi però non ha voluto fare il pollo di batteria e ha deciso di partecipare alle primarie per candidarsi a sindaco di Firenze, senza l’appoggio dei vertici del suo partito, il Pd.Le ha vinte, è stato eletto, e oggi è il sindaco più amato d’Italia. Ora vuole darsi da fare per tirare fuori il Paese dal pantano in cui l’ha cacciato una politica vecchia e asfittica. In questo libro racconta come i campi scout gli abbiano insegnato che nella vita ognuno deve prendersi le sue responsabilità, e come su quelli da calcio (dove ha fatto l’arbitro) s’impari che non sempre si ha il tempo di pensare: occorre decidere e fischiare. Ha dimezzato gli assessori in Giunta e raddoppiato l’investimento per l’ambiente.Guarda con orgoglio al passato delle sua città, e pensa in grande al futuro, riflesso negli occhi dei bambini delle scuole che incontra ogni martedì.Matteo Renzi racconta le sue aspirazioni e dà voce alla speranza di una svolta. “Adesso tocca a noi” scrive “ridare fiato al Pd, ma soprattutto ridare slancio all’Italia.”

Ordina per
  • 0

    Renzi ha meno di 40 anni, è del PD ma sa comunicare, ha senso dell'umorismo... quanto basta per essere due spanne sopra tutta la classe politica italiana. Se poi rottamasse anche la Serracchiani che è ...continua

    Renzi ha meno di 40 anni, è del PD ma sa comunicare, ha senso dell'umorismo... quanto basta per essere due spanne sopra tutta la classe politica italiana. Se poi rottamasse anche la Serracchiani che è più 'vecchia' di testa di Bersani farebbe una favore a tutto il FVG.

    ha scritto il 

  • 0

    Qui c'è tutta la campagna di Renzi prima sindaco e poi sfidante delle primarie: i suoi obiettivi, la sua strategia, la sua metodologia e quant'altro. Una lettura che fa capire l'uomo e il politico; qu ...continua

    Qui c'è tutta la campagna di Renzi prima sindaco e poi sfidante delle primarie: i suoi obiettivi, la sua strategia, la sua metodologia e quant'altro. Una lettura che fa capire l'uomo e il politico; quel bravo ragazzo toscano che vuole a tutti i costi rinnovare il sistema Italia. Avrei voluto sperimentarlo (e forse sono ancora in tempo a breve...), anche se gli unici "bravi ragazzi" di successo che ricordo sono quelli di Miguel Bosè nel lontando 1982...!

    ha scritto il 

  • 3

    letto dopo aver assistito alle primarie del pd questo libro non aggiunge molto a ciò che si sa. Ci sono sicuramente alcune pagine interessanti soprattutto sul lavoro nel capitolo relativo ai tabù dell ...continua

    letto dopo aver assistito alle primarie del pd questo libro non aggiunge molto a ciò che si sa. Ci sono sicuramente alcune pagine interessanti soprattutto sul lavoro nel capitolo relativo ai tabù della sinistra, e qualche nota biografica interessante, per il resto sono cose già note intervallate dalle sue tipiche espressioni più colloquiali:

    Qualche mese fa mi capitò di parlare con i miei figli del Sudafrica,mentre vedevamo una delle partite del Mondiale di calcio 2010. Si parlava tanto di questo Paese che il mappamondo ficca lggiù in basso , che per vederlo bisogna proprio andarlo a cercare.

    Ci sono politici che parlano di questione morale con la stessa credibilità riconosciuta al conte Dracula dall'aSSociazione donatori di sangue.

    Sul lavoro invece:
    Ho giurato a me stesso che farò di tutto perché su questo tema ci sia il massimo impegno possibile e allora va bene ogni discussione sulle clausole dei contratti. MA quando il rischio è che portino via l'azienda, che delocalizzino anche le nostre speranze, penso che sia di sinistra stare dalla parte degli investimenti, non combattere una battaglia che ha come primo risultato l'aumento dei senza lavoro. Si tratta di un ricatto? Mi sembra una parola forte. Ma se vogliamo usarla va bene, mi sta bene anche la parola ricatto. Se c'è qualcuno che ricatta,tuttavia non è l'amministratore delegato dell'azienda x o y: è il mondo che cambia a ricattarci.Nei prossimi 20 anni l'europa dimezzerà la propria forza nella suddivisione della torta della ricchezza mondiale.NOn voglio creare allarmismi, ma ne possiamo parlare? Preferiamo esserne consapevoli o prendere la linea dai sindacati che gridano più forte?
    [...] Come se un imprenditore non possa essere uno che lavora, che rischia, che ci mette del suo. Certo ci saranno personaggi discutibili, cinici, egoisti, evasori, e potete aggiungere voi ogni cliché. Ma la maggioranza degli imprenditori è gente da elogiare[...] Nella maggioranza dei casi l'imprenditore, specie il piccolo imprenditore, fa quello che fa perchè è appassionato , perché ci crede, ha voglia di rischiare. E' convinto davvero del valore sociale di ciò che fa, ha un elevato concetto dell'onore, considera il dipendente come parte della sua famiglia allargata.

    ha scritto il 

  • 5

    Ecco perchè ho votato Renzi alle primarie!

    Avevo tanto sentito parlare di Matteo Renzi ma non capivo se potevo fidarmi di lui oppure no... Poi ho trovato il suo libro in vendita in un Ipercoop, l'ho sfogliato, ne ho letta qualche pagina e ho d ...continua

    Avevo tanto sentito parlare di Matteo Renzi ma non capivo se potevo fidarmi di lui oppure no... Poi ho trovato il suo libro in vendita in un Ipercoop, l'ho sfogliato, ne ho letta qualche pagina e ho deciso di acquistarlo per leggerlo tutto comodamente a casa. Quello che trovate qui sotto è un pò il succo di questo libro ed è anche quello che mi ha portata a votarlo domenica scorsa alle primarie del Centro Sinistra.
    "Alla fine del suo primo mandato come presidente della Provincia di Firenze, gli era stata assicurata la rielezione. Renzi però non ha voluto fare il pollo di batteria e ha deciso di partecipare alle primarie per candidarsi a sindaco di Firenze, senza l’appoggio dei vertici del suo partito, il Pd.
    Le ha vinte, è stato eletto, e oggi è il sindaco più amato d’Italia. Ora vuole darsi da fare per tirare fuori il Paese dal pantano in cui l’ha cacciato una politica vecchia e asfittica. In questo libro racconta come i campi scout gli abbiano insegnato che nella vita ognuno deve prendersi le sue responsabilità, e come su quelli da calcio (dove ha fatto l’arbitro) s’impari che non sempre si ha il tempo di pensare: occorre decidere e fischiare. Ha dimezzato gli assessori in Giunta e raddoppiato l’investimento per l’ambiente.
    Guarda con orgoglio al passato delle sua città, e pensa in grande al futuro, riflesso negli occhi dei bambini delle scuole che incontra ogni martedì.
    Matteo Renzi racconta le sue aspirazioni e dà voce alla speranza di una svolta. “Adesso tocca a noi” scrive “ridare fiato al Pd, ma soprattutto ridare slancio all’Italia.”

    ha scritto il 

  • 4

    un politico che non parla il politichese

    molti dicono che sia solo un furbetto molto superficiale..cmq in questo libro esprime delle buone idee e non dimentichiamoci che è diventato sindaco di Firenze sfidando i soloni del pd...e solo per qu ...continua

    molti dicono che sia solo un furbetto molto superficiale..cmq in questo libro esprime delle buone idee e non dimentichiamoci che è diventato sindaco di Firenze sfidando i soloni del pd...e solo per questo ha tutta la mia stima !

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro è scritto con entusiasmo e convinzione, senza fanatismo. Mi piacciono tante idee e secondo me sarebbe utile se si potrebbono realizzare molti di questi pensieri. Ci sono purtroppo poche perso ...continua

    Il libro è scritto con entusiasmo e convinzione, senza fanatismo. Mi piacciono tante idee e secondo me sarebbe utile se si potrebbono realizzare molti di questi pensieri. Ci sono purtroppo poche persone competenti al posto giusto. Il male sta ancora,che moltissimi persone incapaci occupano posti, di quale non sono in grado svolgere gli impegni.

    ha scritto il 

  • 0

    Coming out

    Va bene, dopo aver celato questo segreto per un anno non me la sento più, lo devo confessare: mi sono incuriosito per questo tizio toscano, ho comprato il libro e, tra l'incredulità di alcuni amici, l ...continua

    Va bene, dopo aver celato questo segreto per un anno non me la sento più, lo devo confessare: mi sono incuriosito per questo tizio toscano, ho comprato il libro e, tra l'incredulità di alcuni amici, l'ho voluto persino leggere.
    Alla fine, devo dire, l'ho trovato anche interessante.
    Mi rimane l'impressione che probabilmente è un ottimo sindaco, tanto che lo voterei con convinzione per una carica del genere.
    Ma proprio non ha il respiro, l'orizzonte di quel grande leader nazionale che la sinistra cerca da vent'anni.
    E del resto lui stesso, che viene dalla DC, probabilmente direbbe che la sinistra non esiste nemmeno più, figuriamoci se ne vuole diventare il dirigente.

    ha scritto il 

  • 4

    Renzi è un personaggio che divide in modo netto, ma come per ogni libro è importante non avere pregiudizi. La scrittura è molto leggera, quasi discorsiva e distintamente (e simpaticamente) "fiorentina ...continua

    Renzi è un personaggio che divide in modo netto, ma come per ogni libro è importante non avere pregiudizi. La scrittura è molto leggera, quasi discorsiva e distintamente (e simpaticamente) "fiorentina", con guizzi simpatici.
    Il libro, insomma, si fa leggere molto bene. I contenuti sono chiari, mentre nel merito ognuno giudica secondo le proprie idee: comunque una lettura da fare per capire meglio chi è, come la pensa e da dove viene uno dei protagonisti (attuali e futuri) del nostro Paese.

    ha scritto il 

  • 0

    Oh, che nessuno si azzardi a scrivere qualcosa su questa mia lettura. NON L'HO COMPERATO, MI E' STATO PRESTATO, c'è chi tra i miei amici può confermarlo. Vediamo cosa ha partorito in queste pagine la ...continua

    Oh, che nessuno si azzardi a scrivere qualcosa su questa mia lettura. NON L'HO COMPERATO, MI E' STATO PRESTATO, c'è chi tra i miei amici può confermarlo. Vediamo cosa ha partorito in queste pagine la "mente geniale" ed illuminata del Renzi...
    beh, devo dire che pensavo peggio. Tante sue posizioni sono assolutamente condivisibili. Forse avevo qualche pregiudizio nei suoi confronti.

    ha scritto il