Furistir

Versi in dialetto romagnolo

Voto medio di 4
| 2 contributi totali di cui 2 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
g*
Ha scritto il 02/06/12
Mètt
Mètt ch'e' vènga la fèin de mònd, admèn, pasdmèn, e a murèmm tott, mètt che la tèra la s'infràida, la s sfrangla, ch'la s'ardèusa un purbiòun, ch'la s pèrda tl'aria, e la lèuna l'istèss, u s smorta e' sòul, al stèli, e' vén un schéur, u n gn'è piò gn...Continua
  • 6 mi piace
  • 2 commenti
fiamma
Ha scritto il 25/11/07
la cambra schéura "che pu m suzéd da rèd, e u n sint niséun,tla cambra schéura, ad sòtta, tra i pan spòrch,a céud la pòrta, e a rògg. dòp a stagh mèi" (la camera cieca"che poi mi succede di rado, e non sente nessuno,nella camera cieca, di sotto, tra...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi