Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

G.

By John Berger

(1)

| Mass Market Paperback | 9789753426626

Like G. ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 34 people find this helpful

    CRONACA DI UNA DELUSIONE NON ANNUNCIATA

    Il mio interesse per lei è appena inferiore a quello che provo per G. scrive John Berger a pagina 186: ma così non è, di G. gli interessa poco, lo usa più che altro per farci avanzare lungo il suo romanzo. D’altronde, G. non è particolarmente ...(continue)

    Il mio interesse per lei è appena inferiore a quello che provo per G. scrive John Berger a pagina 186: ma così non è, di G. gli interessa poco, lo usa più che altro per farci avanzare lungo il suo romanzo. D’altronde, G. non è particolarmente interessante, tutt’altro, come non lo sono suo padre e sua madre: personaggi abbastanza ordinari che niente hanno da spartire con i protagonisti epici e sovrumani, pur se inseriti negli ultimi gradini della scala sociale, presenti nelle altre opere narrative di Berger.
    Il passaggio dalla prima alla terza persona è uno stile già presente altrove in Berger: qui assume però caratteristiche diverse, perché l’io è proprio il narratore, lo scrittore, non il protagonista - si tratta di un parlare in prima persona verboso e prolisso, che si spinge finanche a indirizzarsi direttamente al lettore. Probabilmente perché dietro quest’opera c’è una precisa tesi filosofico-politica da dimostrare che Berger non riesce proprio a camuffare, se mai ci prova.
    G. non ha una visione della vita, al contrario del suo vigoroso creatore: se ne va per il mondo, sfiorando momenti storici di notevole importanza - presente, ma mai partecipe. Anzi, dimostra un notevole disinteresse per quello che gli succede intorno. La sua molla è il desiderio sessuale, l’attrazione per l’altro sesso. Ma anche nel corso delle sue avventure amoroso-erotiche, Berger è così poco stimolato dal suo personaggio centrale, da immergersi piuttosto nell’anima e assumere il punto di vista delle donne ‘conquistate’, siano esse l’indimenticabile Beatrice, la zia che inizia il giovane nipote (il sogno di tutti noi maschietti?), la cameriera Leonie, Mathilde, Madame Camille Hennequin... In pratica, la storia di questo novello Don Giovanni viene raccontata dal punto di vista delle persone sedotte, invece che del seduttore. Non perché Berger veda nelle sedotte delle vittime, fortunatamente, non ci sono né vittime né eroi negli incontri a due di questo romanzo.
    La mia impressione è che questo romanzo, peraltro il più fortunato nella carriera letteraria di John Berger, premiato col prestigioso Booker Prize, sia più vicino alla sua produzione saggistica che narrativa: se non altro tutte le volte che l’autore sale in cattedra, sceglie di spiegare e di motivare, di insegnare. Il che in un saggio è comprensibilissimo, nella narrativa invece...
    Quanto mi sono mancate le geografie aperte, sognate, reinventate che ho finora trovato nei libri di Berger! Quanto mi è mancato il suo asciutto lirismo! Se mi fossi avvicinato a Berger attraverso questo libro, avrei abbandonato il libro e perso per sempre la meraviglia del mondo bergeriano; non mi sarei iscritto immediatamente al gruppo di aNobii a lui dedicato e, quindi, non sarei venuto in contatto con le belle persone iscritte al gruppo; non avrei addirittura avviato una discussione proprio su questo libro pressoché introvabile, dando vita a una catena di fotocopie e spedizioni passate di mano con generosità e partecipazione. Fortunatamente, per me, prima sono venuti capolavori come “Da A a X”, “Festa di nozze”, splendidi libri come “Lillà e Bandiera”, “Qui, dove ci incontriamo”, “E i nostri volti, amore mio, leggeri come foto”.
    Ah, che brutta delusione, signor Berger! Più che possibile che io non l’abbia capita questa volta, che il limite sia tutto mio. Ma le assicuro che la pesantezza e fatica della lettura, la totale mancanza di interesse sono dati concreti. Il fatto che quest'opera anticipi di parecchio le sue altre da me molto amate credo voglia dire qualcosa.

    Tanta tanta perplessità.

    PS
    Continuo a riflettere su questo libro, la delusione brucia parecchio, ero convinto mi sarebbe piaciuto moltissimo. E invece... Lo definiscono il romanzo più sperimentale di Berger: magari lo è pure, ma dovrebbero aggiungere anche il più datato. Sembra un po' di trovarsi davanti a una messa in scena del Living Theatre, a quell'epoca sconvolgenti. Appunto: a quell'epoca. "G" mi ha fatto l'effetto di alcuni film di Godard, di tutti quelli da una certa data in poi (sicuramente, almeno dagli anni Ottanta in poi): datati, prolissi, cervellotici, cattedratici.
    Dimenticavo: complimenti a John Berger per come conosce la storia d'Italia. Mirabile davvero.

    Is this helpful?

    orsodimondo said on Apr 3, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    adoro berger.
    e anche qui ho trovato l'intelligenza, la bella scrittura, le immagini e le descrizioni, una storia che non è tutto ma non mi ha convinto come sempre aveva fatto.
    forse un po' lungo.
    non credo anche perchè non mi hanno mai bloccato le p ...(continue)

    adoro berger.
    e anche qui ho trovato l'intelligenza, la bella scrittura, le immagini e le descrizioni, una storia che non è tutto ma non mi ha convinto come sempre aveva fatto.
    forse un po' lungo.
    non credo anche perchè non mi hanno mai bloccato le pagine.
    ma mi è rimasto come un sospeso.

    Is this helpful?

    Gianni Bestagno said on Nov 26, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    la cornice è storica ma il romanzo è intimo. si oscilla tra esteriore e interiore, qui e altrove, la realtà dei cinque sensi e l'astrazione del pensiero. un testo complesso e affascinante, sperimentale e arcaico insieme. ci leggiamo qui, come noi sia ...(continue)

    la cornice è storica ma il romanzo è intimo. si oscilla tra esteriore e interiore, qui e altrove, la realtà dei cinque sensi e l'astrazione del pensiero. un testo complesso e affascinante, sperimentale e arcaico insieme. ci leggiamo qui, come noi siamo.

    Is this helpful?

    titti said on Aug 14, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dettaglio storico e filosofia: l'asimmetrico assetto della Storia, da dopo la morte di Garibaldi fino alla guerra mondiale. G come Garibaldi o come don Giovanni: l'autore li mescola e li meticcia.

    Is this helpful?

    Cinziabettinaglio said on Jul 9, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    25.05.2012
    Non ho ancora terminato la lettura, ma vale decisamente la pena (delle 500 pagina circa).
    Ci si chiede se chi regala il libro può renderlo più bello. E se chi l'ha regalato, l'abbia letto. E se il fatto che l'abbia letto o meno, possa inf ...(continue)

    25.05.2012
    Non ho ancora terminato la lettura, ma vale decisamente la pena (delle 500 pagina circa).
    Ci si chiede se chi regala il libro può renderlo più bello. E se chi l'ha regalato, l'abbia letto. E se il fatto che l'abbia letto o meno, possa influire sulla qualità del regalo.

    30.05.2012
    Questo libro gira intorno a un pretesto. Affascinante il pretesto, bello il libro.

    Is this helpful?

    Laura AliceeilGatto Antoniolli said on May 25, 2012 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    tre stelle e mezzo. la prima parte sarebbe da 4 stelle piene, originale, coinvolgente, poi l'occhio di Berger rallenta la messa a fuoco e ci restitusce un personaggio, questo fantomatico G., che dopo un po' stanca, diventa ripetitivo e pure un po' an ...(continue)

    tre stelle e mezzo. la prima parte sarebbe da 4 stelle piene, originale, coinvolgente, poi l'occhio di Berger rallenta la messa a fuoco e ci restitusce un personaggio, questo fantomatico G., che dopo un po' stanca, diventa ripetitivo e pure un po' antipatico. inoltre la scrittura è molto frammentaria, sincopata (anche nell'impaginazione) e si perde quella compatezza che dà alla lettura il giusto respiro.

    Is this helpful?

    Daniela said on May 12, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book